Home
La storia
Statuto
Organi sociali
AJE
Congressi internazionali
Attività
Notizie e commenti
AGE Newsletter
Costituzione europea

Link utili

Archivio
 

L'Association des Journalistes Européens (AJE-AEJ) ha come membri le associazioni (Sezioni nazionali) che operano nei rispettivi paesi e che hanno la medesima denominazione nelle diverse lingue.

La fondazione dell'AJE è stata deliberata a Sanremo nel 1962, a conclusione dell'Assemblea che riunì, il 26 e 27 maggio, le delegazioni dei giornalisti dei paesi della CEE.

L'appuntamento di Sanremo era stato preceduto dall'incontro di Ostenda in Belgio, 9-15 giugno 1961, promosso dal Centre internationale de formation européens (CIFE), e dalla costituzione a Roma, 4 dicembre 1961, dell'Associazione dei Giornalisti Europei (AGE) per iniziativa dei giornalisti italiani.

L'Assemblea di Sanremo, aperta dal segretario del Comitato promotore italiano Marcello Palumbo e presieduta dal tedesco Gunther Wagenlehner, definisce i principi e gli obiettivi dell'AJE: riunire tutti i giornalisti convinti della necessità dell'integrazione europea su base democratica; partecipare attivamente alla formazione di una coscienza europea; informare l'opinione pubblica sulle attività delle istituzioni europee, facilitare l'esercizio della professione ai giornalisti che seguono l'attività degli organismi europei.

Il "Comitato organizzativo" eletto all'unanimità dall'Assemblea di Sanremo si riunisce per la prima volta in Germania, a Colonia, il 20-21 settembre 1962,  e quindi il 25-26 aprile 1963 a Bruxelles.

Il Primo Congresso si svolge il 10-11 ottobre 1963 al Palazzo dei Congressi della capitale belga. Viene approvato lo statuto ed eletto presidente Charles Rebuffat, del quotidiano "Le Soir" di Bruxelles.

I presidenti successivi sono: Enrico Serra (Italia), Gunther Wagenlehner (Germania), Jean-Pierre Gouzy (Francia), Paul Hodgson (Regno Unito), Gustavo Selva (Italia), Andrew Sheppard (Irlanda), Athanase Papandropoulos (Grecia), Helmuth Hetzel (Olanda), Fernando de Valenzuela (Spagna), Diego Carcedo (Spagna), Eileen Dunne (Irlanda). 

Gli attuali vertici dell'AJE-AEJ sono stati rinnovati dalla 48ma Assemblea internazionale di Ordu,Turchia, nell'ottobre 2010. Saranno in carica nel biennio 2010-2012.

La Sezione italiana è rappresentata nel Consiglio direttivo internazionale dal segretario generale Carmelo Occhino, Luigi Cobisi ed Elzbieta Cywiak. Vera De Luca fa parte della Commissione di conciliazione  e arbitrato.

L'attuale statuto è stato deliberato nel 1996,a modifica di quello originario del 1963. L'Associazione si è voluta dotare di uno strumento adeguato alla mutata realtà internazionale e all'evoluzione in corso nel campo dei mass-media.