Home

 

 

 

[ ... ]

 

 

[ ... ]

 

 

[ ... ]

 

Wednesday, 20 January 2021

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

Vous appréciez notre plateforme ?  Aidez-nous à publier des informations gratuites et indépendantes depuis les capitales européennes.

CONTRIBUER

Joe Biden et Kamala Harris, un nouveau souffle pour Washington

[Monde] Aujourd'hui (20 janvier), Joe Biden sera sacré 46e président des États-Unis d'Amérique. Un vent de changement souffle sur Washington après quatre années houleuses passées sous l'administration de Donald Trump.

Un parcours du combattant avant d’introduire la préservation de l’environnement dans la Constitution

[Politique] Le gouvernement dévoile aujourd’hui son projet de révision de la Constitution pour y inclure la notion de « préservation de l’environnement ». Si la visée à terme est de soumettre cette proposition aux Français, la tenue effective d’un référendum paraît très lointaine.

L’UE appelle les 27 à vacciner 70 % des adultes d’ici fin août

Bruxelles a appelé mardi (19 janvier) les pays de l'UE à "accélérer" les vaccinations pour protéger 70% des adultes d'ici fin août contre le coronavirus, et 80% des professionnels de la santé et des plus de 80 ans d'ici mars.

Ad

L'actu en capitales

De Paris à Zagreb, en passant par Rome et Berlin. L’actu en capitales récapitule l’info de toute l’Europe grâce au réseau de rédactions d’Euractiv.

Abonnez-vous gratuitement à la newsletter quotidienne .

 

Grèce. Le silence d’Heiko Maas à la suite de menaces d’Ankara contre Athènes passe mal [Politique]

Brexit : au moins 170 milliards d’euros relocalisés en France à la fin 2020 [Politique]

La Chine prévoit un sommet de « dernière minute » avec les pays d’Europe centrale et orientale [Les capitales]

Joe Biden est arrivé à Washington, Donald Trump l’évite et joue l’apaisement [Politique]

Commerce : Biden maintiendra la pression sur Pékin, apaisement avec Bruxelles [Monde]

Les législateurs européens s’inquiètent de la « régression » britannique sur les pesticides [Politique]

Le ministre tchèque de la Santé appelle à une sortie du charbon « le plus rapidement possible » [Climat]

Bruxelles lance une nouvelle offensive contre la suprématie du dollar américain [Économie]

Accord UE-Chine : « L’autonomie stratégique, c’est affirmer ses intérêts et ses principes » [Monde]

La colère gronde dans les restaurants et les bars de Bulgarie [Les capitales]

 

Cacophonie entre Biden et Trump sur la réouverture des frontières américaines

Jean-Pierre Bacri, le génial bougon du cinéma français [Culture]

La Commission européenne entend examiner les « progrès réels » dans sa prochaine stratégie industrielle [Économie]

Allemagne, France et États-Unis : quelle direction pour le trio transatlantique ? [Politique]

Plastique, le grand emballement [Régions]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 

AEJ STATEMENT ON THE DETENTION OF ANDREI ALIAKSANDRAU AND OTHER JOURNALISTS HELD IN BELARUS

18 January, 2021

The Association of European Journalists strongly protests against the detention since 12 January of Belarusian journalist Andrei Aliaksandrau on public order charges. We call for his immediate release and the freeing of eight other Belarus journalists being held in jail in connexion with their reporting of public protests against the government. 

Aliaksandrau is a long-time associate of the AEJ. He was a deputy chairman of the Belarusian Association pf Journalists from 2009 to 2012, and is the founder and chief editor of the news website Belarus Journal.

Following flawed presidential elections in August last year, hundreds of journalists have been arrested in Belarus in an often violent crackdown by the government of Alexandre Lukashenko, who had already held power for 26 years continuously. Large public protests have continued in Minsk and other cities since the election, and numerous journalists as well as protestors have reportedly been assaulted and suffered injuries at the hands of police. Many foreign media workers in Belarus had their press accreditations withdrawn and several were expelled.

The European Union has not recognised the legality of the election, saying it was ‘not free and fair’. And an investigation supported by the Organization for Security and Cooperation in Europe found massive and systemic violations of basic rights before and after the poll.

Last November the Belarus Association of Journalists was awarded the prestigious Media Freedom Award from the Global Media Freedom Coalition, now made up of over 40 countries, that was established in 2019 by the UK and Canada. The award citation recognised the BAJ for its commitment to covering human rights and election fraud in the face of violence and threats. It also stated that Belarusian journalists reporting on the mass protests had been beaten, had their equipment damaged, and that some had been sent to jail because of “unfair court decisions”.  

All Belarus journalists arrested or detained for reporting on last year’s fraudulent elections must be freed and investigations against them stopped. Full, effective criminal investigations must be carried out to identify and penalise police and other security officials who have mistreated and abused members of the media at the protests or in custody.

Signed:-

William Horsley, AEJ Media Freedom Representative

Otmar Lahodynsky, AEJ President 

 

 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
L'inizio dell'era post-Merkel in Germania e la quarta edizione del premio IAI
18 gennaio 2021

La Cdu ha scelto: il nuovo leader è Armin Laschet, governatore del Nord-Reno Vestfalia che ha battuto di misura il più conservatore Friedrich Merz. Il partito di Angela Merkel si muoverà nel solco della continuità verso le elezioni federali di fine settembre, ma non è detto che sarà l'"opaco" Laschet a correre come cancelliere.

Merkel lascerà dopo quattro mandati e al termine di un anno chiave per definire le sorti dell'Unione europea, che in questo avvio di 2021 destinato al rilancio si trova davanti a un biviose ne parla in un nuovo e-book di Reset DOC e Fondazione Corriere della Sera. Prosegue invece con una fotografia del microcosmo di conflittualità in Libia il nostro dossier dedicato al decennale delle "Primavere arabe". Questo e molto altro ancora su AffarInternazionali, la rivista dello IAI.

ARTICOLI
 L’"ALTERNATIVA BAVARESE" È SUL TAVOLO
Laschet leader della Cdu, ma la successione a Merkel non è scontata
 

di Federico Niglia

Keine Experimente: con questo slogan non certo innovativo Konrad Adenauer vinse le elezioni politiche del 1957, a dispetto della crescente ansia di rinnovamento e della presa d’atto che il quadro politico stesse cambiando. Con queste stesse parole si potrebbe riassumere...

 RESET DOC-FONDAZIONE CORRIERE DELLA SERA
"L'Europa al bivio dopo lo shock": appunti di viaggio sul futuro dell’Ue
 

di Simone Disegni

Quando, tra qualche decennio, gli storici racconteranno questo convulso 2021 appena apertosi, descriveranno verosimilmente un momento di cesura, un cambio di stagione. Non sappiamo ancora se sarà così in termini di controllo della pandemia che ha sconvolto il mondo: i vaccini...

DIECI ANNI DALLE PRIMAVERE ARABE
Libia: un decennio di lenta ma inesorabile disintegrazione
 

di Andrea Dessì

A più di dieci anni dall’intervento Nato in Libia, rimane molto poco di un Paese che durante i primi anni 2000 vantava i migliori tassi di sviluppo e benessere nel continente africano. Dilaniato da un progressivo inasprirsi delle violenze, la...

IL CONCORSO PER GIOVANI TALENTI
"Il Mondo Post-Covid, l'Europa e io": quarta edizione del Premio IAI
 

di Redazione

Per la quarta edizione del Premio IAI – concorso rivolto agli universitari e agli studenti delle scuole superiori – i giovani candidati dovranno elaborare e mandare una riflessione sulla crisi causata dal diffondersi del Covid-19 e della grande sfida che spetta all’Europa, chiamata a collaborare con la nuova amministrazione Usa di Joe...

IN EVIDENZA
SPECIALE
Dieci anni dalle Primavere arabe
 
© 2021 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-logo.png

Servizio stampa

Parlamento europeo

Ufficio di collegamento in Italia

 


 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-bg.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-es.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-cs.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-da.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-de.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-et.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-el.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-en.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-fr.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-ga.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-hr.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-lv.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-lt.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-hu.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-mt.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-nl.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-pl.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-pt.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-ro.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-sk.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-sl.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-fi.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-sv.png

 

   
 

14-01-2021

TORNATA

Anteprima della sessione del 18-21 gennaio 2021

   

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngVaccini COVID-19: i deputati discuteranno i recenti sviluppi

I deputati dovrebbero ribadire la necessità di maggiore chiarezza e trasparenza sui contratti, l’autorizzazione, la disponibilità e l’impiego dei vaccini.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngRivolta a Capitol Hill: i deputati discutono la situazione politica negli Stati Uniti

Mercoledì mattina, il Parlamento discuterà la recente irruzione violenta al Congresso degli Stati Uniti e l'insediamento di Joe Biden come nuovo Presidente.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngIl PE discute le priorità della Presidenza portoghese del Consiglio

Mercoledì mattina, i deputati e il Primo ministro portoghese António Costa discuteranno il programma del prossimo semestre di presidenza del Consiglio dell’UE.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngI deputati discutono e votano le misure per favorire la parità di genere

Giovedì, i deputati terranno un dibattito congiunto e voteranno tre risoluzioni su una serie di misure volte a favorire la parità di genere e proteggere i diritti delle donne.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngDiritto alla disconnessione: i deputati chiedono una legge a livello UE

Il Parlamento chiederà una legge europea che garantisca il diritto alla disconnessione digitale e il rispetto degli orari di lavoro.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngRecovery: i deputati voteranno lo strumento di sostegno tecnico

Il Parlamento discuterà lunedì e voterà martedì lo strumento di sostegno tecnico per aiutare i Paesi UE nell’accesso ai finanziamenti del Fondo per la ripresa e la resilienza.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngIntelligenza artificiale: linee guida per uso in campo militare e civile

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngI deputati europei chiedono misure più severe per contrastare i paradisi fiscali

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngControversie commerciali: maggiori poteri all’UE

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngDiritti umani e COVID-19: i deputati condannano le misure dei regimi autoritari

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngDibattito sui rifugiati e migranti alle frontiere esterne dell’UE

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

 

 

 

 

Per ulteriori informazioni

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngOrdine del giorno della sessione

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngVideo in diretta

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngConferenze stampa e altri eventi

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngPiattaforma multimediale del PE

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngEP Newshub

 

Friday, 15 January 2021

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

Vous appréciez notre plateforme ?  Aidez-nous à publier des informations gratuites et indépendantes depuis les capitales européennes.

CONTRIBUER

Ursula von der Leyen salue l’initiative grecque sur l’élaboration d’un certificat de vaccination paneuropéen

[Société] Ursula von der Leyen, a approuvé jeudi 14 janvier l’initiative du gouvernement grec permettant aux personnes vaccinées de voyager librement et a appelé à un certificat de vaccination mutuellement reconnu dans les pays de l’Union européenne.

Athènes demande l’aide de l’UE pour le retour de migrants en Turquie

[Migrations] La Grèce a demandé jeudi l'aide de l'Union européenne (UE) pour "le retour immédiat" en Turquie voisine de près de 1.500 migrants déboutés du droit d'asile par les autorités grecques, qu'Ankara refuse de recevoir.

Sanctions américaines: les viticulteurs bénéficieront du fonds de solidarité, selon Bruno Le Maire

[Économie] Victimes collatérales du conflit UE/États-Unis sur les aides à Airbus et Boeing, les viticulteurs vont pouvoir bénéficier du fonds de solidarité contre le coronavirus, a indiqué jeudi soir le ministre de l'Economie et des finances Bruno Le Maire.

Virus : mesures exceptionnelles de Londres et Paris, réunion de l’OMS sur les variants

[Politique] Paris et Londres ont annoncé jeudi des mesures exceptionnelles pour tenter de freiner l'arrivée de nouvelles mutations du coronavirus, tandis que le comité d'urgence de l'OMS se penche sur ces nouveaux variants: britannique, sud-africain et désormais brésilien.

La France met en place de nouvelles restrictions pour contenir la pandémie de Covid-19

[Les capitales] Tous les matins, Les Capitales décrypte pour vous l'info à travers l'Europe

Ad

L'actu en capitales

De Paris à Zagreb, en passant par Rome et Berlin. L’actu en capitales récapitule l’info de toute l’Europe grâce au réseau de rédactions d’Euractiv.

Abonnez-vous gratuitement à la newsletter quotidienne .

 

Le Portugal devrait être sorti du charbon d’ici à la fin de l’année [Planète]

Le Danemark et la Norvège veulent construire le plus grand ferry à hydrogène du monde [Planète]

Au Danemark, l’efficace déploiement du vaccin contre le Covid-19 [Société]

Que prévoit l’Allemagne avec les fonds octroyés dans le cadre du plan de relance pour l’Europe ? [Économie]

Marie Toussaint : le droit « contre la domination de l’homme sur la nature » [Climat]

Réserve d’ajustement au Brexit : l’Allemagne et la France parmi les mieux dotées [Politique]

Premier feu vert de l’EFSA pour la consommation de vers de farine [Planète]

Le parti de Matteo Renzi claque la porte de l’exécutif et plonge l’Italie dans une crise politique [Politique]

Après Donald Trump, nous devrons reconstruire la démocratie

L’Italie s’enlise dans une crise politique [Les capitales]

 

Coronavirus. Un an après, les experts de l’OMS arrivent enfin à Wuhan [Société]

L’économie allemande entre résilience et inquiétudes pour 2021 [Économie]

Le Royaume-Uni lance une consultation sur l’édition génétique et risque des dissensions avec l’UE [Agriculture de précision]

Les régions européennes souhaitent avoir davantage voix au chapitre dans les relations futures entre l’UE et le Royaume-Uni [Régions]

Covid-19 : la Commission européenne réfute l’existence d’accords parallèles pour l’achat de vaccins supplémentaires [Société]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 


[ ... ]

 

Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
La sfida culturale che attende Biden e le presidenziali nell'Uganda dell'eterno Museveni
13 gennaio 2021

L'impeachment contro Donald Trump si fa strada al Congresso e rompe il fronte dei repubblicani, come ci racconta Giampiero Gramaglia: qualche esponente si sfila e annuncia il sì, e secondo il New York Times pure il capo dei senatori Mitch McConnell vedrebbe di buon occhio il procedimento. Mentre vengono formulate le accuse a carico dei supporter di Trump che una settimana fa hanno assaltato Capitol Hill, Cesare Merlini guarda alle tante bandiere di quella giornatatra cui una inneggiante a "Jesus".

Per un presidente che - nonostante i tentativi di ribaltare l'esito delle urne - sta per lasciare dopo un mandato, un altro vede la riconferma al potere che detiene da 35 anni: è Yoweri Museveni, leader dell'Uganda, dove si vota domani per presidenziali e legislative; ne parliamo oggi nell'Osservatorio elettorale. Questo e molto altro ancora su AffarInternazionali, la rivista dello IAI.

ARTICOLI
 UNA SFIDA CULTURALE PER BIDEN
Jesus a Capitol Hill
 

di Cesare Merlini

Fra le insegne multiformi e multicolori agitate dalla folla che il 6 gennaio scorso ascoltava il discorso di Donald Trump e, da esso incitata, si accingeva a dare l’assalto al bianco e classicheggiante Capitol Hill, spuntavano striscioni con su scritto...

 LEADER ETERNI
Uganda: Museveni ci riprova, è in corsa per il sesto mandato
 

di Lo Spiegone

Grazie a una modifica alla Costituzione, il presidente dell’Uganda Yoweri Museveni ha potuto presentare di nuovo la candidatura per un sesto mandato nello stesso ruolo, nelle consultazioni di giovedì 14 gennaio.

TRA BIDEN E L’EUROPA
I Balcani occidentali nel rinnovato contesto transatlantico
 

di Cameron MunterValbona Zeneli

Con la nuova amministrazione di Joe Biden, lo stile della politica estera statunitense cambierà e si allineerà maggiormente a quello dell’Unione europea (soprattutto della Germania) per quanto riguarda le questioni non risolte nei Balcani occidentali.

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Diario Americano USA 2020

 

 
Misure sicurezza e arresti a Washington, Biden ha pronti decreti  

di Giampiero Gramaglia

 
© 2021 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 


NOI E IL FUTURO DELL'EUROPA
Newsletter n. 1 - Gennaio 2021

Qui di seguito puoi selezionare la parte di tuo interesse
Per la versione completa, clicca qui
 
LA FRAGILITÀ DELLA DEMOCRAZIA STATUNITENSE E LE CONSEGUENZE DA TRARRE SUL FUTURO DELL’EUROPA

Quel che è avvenuto a Washington il 6 gennaio e quel che ne è seguito con conseguenze che si dipaneranno a lungo durante la presidenza di Jo Biden hanno suscitato reazioni e analisi che riguardano la fragilità della democrazia statunitense - e più in generale la fragilità dei  sistemi democratici nel mondo - sottoposti a stress crescenti e a sfide a cui gli Stati nazionali e le organizzazioni internazionali nate dopo la seconda guerra mondiale, per evitarne gli orrori, non hanno saputo e potuto dare delle risposte adeguate.
Continua a leggere
ATTIRIAMO LA VOSTRA ATTENZIONE

A meno di un mese di distanza dalla pubblicazione dell'ultima newsletter del 2020, si fa quasi fatica a trovare un punto dal quale riprendere il discorso sull'attualità europea. Rispetto al 16 dicembre scorso, data della pubblicazione della newsletter n. 41/2020, vi sono  alcuni elementi di novità sul tavolo che richiedono attenzione: anzitutto, la Brexit. Dopo l'ultima telefonata della vigilia di Natale tra Ursula Von der Leyen e Boris Johnson, è stato diffuso, il 25 dicembre, il corposo documento relativo agli accordi per l'uscita del Regno Unito dalla Ue, che affronta, capitolo per capitolo, i vari aspetti su cui si dovrà basare il futuro delle relazioni reciproche.
Continua a leggere
VI SEGNALIAMO
Continua a leggere
DOCUMENTI CHIAVE
Continua a leggere
TESTI DELLA SETTIMANA
Continua a leggere
CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI
Riprendiamo ad occuparci della Carta dei diritti fondamentali trattando l'articolo 42, dedicato al tema del diritto di accesso ai documenti. Afferma che “qualsiasi cittadino dell’Unione o qualsiasi persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di accedere ai documenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione”.
Continua a leggere
LA GIURISPRUDENZA EUROPEA
Tra le priorità future di un'Europa coesa, vi è per i cittadini – e di questi tempi si direbbe che sia in vetta all'attenzione – il diritto alla sicurezza sociale e alla salute. Ecco perché vi proponiamo, sul tema, una sentenza della Corte di Giustizia europea che ha riguardato un cittadino ungherese denominato WO. La sua vicenda è così riassunta: “Nel corso del 1987 [...] ha sofferto di un distacco della retina all’occhio sinistro ed ha perso la visione da tale occhio.
Continua a leggere
CONSIGLI DI LETTURA
Come è noto, occuparsi di Costituzione dell'Europa comporta anche ragionare sui testi costituzionali degli Stati membri. Se ne parla nell'intervista di “Reset” a Giuliano Amato disponibile tra i testi di questa settimana: è proprio uno dei membri della Convenzione europea sul futuro dell'Europa del 2002 – 2003 ad affermare che “il giorno in cui essi dovessero portare alla trasformazione dell’Unione in Stato federale, ciò potrà avvenire non solo cambiando le norme europee, ma anche le nostre Costituzioni nazionali”.
Continua a leggere
AGENDA DELLA SETTIMANA
 
Continua a leggere
 
    CAMPAGNA DI INFORMAZIONE SULL'EUROPA    
 
 
La newsletter del Movimento Europeo è ripartita a gennaio 2020 con cadenza settimanale; nuova, più ricca di spunti e di contenuti, per seguire da vicino il dibattito sul futuro dell’Europa. Vogliamo assicurare continuità e cura nei minimi dettagli e vi chiediamo per questo vostri suggerimenti, un contributo finanziario ed un sostegno nella sua diffusione.
Responsabile: Massimiliano Nespola, giornalista
Segreteria di redazione: Sabrina Lupi
https://www.facebook.com/movimento.europeo.italia/
https://twitter.com/MovEuropeo_IT
https://www.instagram.com/moveuropeo/
http://mailchimp.com

 

Wednesday, 13 January 2021

View in browser /// Manage your subscriptions

Check out our latest coverage in our Economy & Jobs policy hub or follow our latest updates on @eaEconomy
By Jorge Valero (@europressos)

Contribute to building the future EURACTIV. Your recurring monthly financial contributions help us to innovate for the future. Thank you for your support. 

Commission eyes new proposal to unblock deposit insurance scheme

[Economy & Jobs] The European Commission is considering tabling a new proposal on the European Deposit Insurance Scheme (EDIS) in a bid to break the long-running deadlock and complete the banking union, a Commission official has said.

Can EU economies grow enough to repay the increasing debt?

[Economy & Jobs] The COVID pandemic is putting pressure on the sustainability of some European economies, prompting some to argue that economic growth and monetary support from the European Central Bank will not be sufficient and that public debt should be renegotiated.

Commission considers options for recovery fund without Hungary and Poland 

[Economy & Jobs] The European Commission is assessing options to circumvent Hungary and Poland’s veto to the EU budget and the recovery fund, and could come up with a proposal early next year if their blockade remains, a senior EU official confirmed on Wednesday (2 December).

Portuguese presidency wants to strengthen trust in EU social model

[Economy & Jobs] Portugal will place Europe’s social model at the heart of its semester at the EU helm next year, giving a fresh push to the social agenda at a summit to take place in Porto in May, according to an official document seen by EURACTIV.

Ad

A New Start for Services of General Interest in Europe!

During the COVID-19, services of general interest have kept Europe afloat. After 60 years of existence, CEEP is now SGI Europe, representing at cross-sectoral level those essential services.

More on .

 

Regions want a larger say in future EU-UK relationship

[Economy & Jobs] Europe's local politicians want a bigger role in establishing the future relationship between the EU and the UK. This was the overwhelming feeling among members of the Committee of the Regions (CoR) at Monday's meeting of the CoR-UK contact group. EURACTIV Germany reports.

Conte faces showdown with aggrieved coalition party

[Politics] Prime Minister Giuseppe Conte faced a cabinet showdown on Tuesday (12 January) with a small coalition partner that could bring down his government and unleash political chaos on Italy as it struggles to contain the COVID-19 pandemic.

New US tariffs on French, German aircraft parts become effective

[World] The US government on Monday (11 January) said it would begin collecting new duties on aircraft parts and other products from France and Germany from Tuesday after failing to resolve a 16-year dispute over aircraft subsidies with the European Union.

Poland, Hungary face EU regional funds blockage over fundamental rights charter

[Non-discrimination] Respect for the EU charter of fundamental rights could be used to withhold EU money going to projects that trample over democracy or discriminate against gay and lesbian people, an EU official has said.

Hauliers count costs after first week of post-Brexit border regime

[Politics] Hauliers are already counting the cost of the new post-Brexit border rules after the first week of life with the UK outside the EU’s single market saw truck queues, delays, and supply chain disruptions.

Berlin intends to boost the proportion of women in company management bodies

[Non-discrimination] The German government presented on Wednesday (6 January) a bill that plans to introduce at least one woman into the governing bodies of German companies with more than three directors. EURACTIV France reports.

UK retailers face tariffs for re-exporting goods to EU, trade body says

[Economy & Jobs] More than 50 British retailers, including Tesco and Marks & Spencer, face potential tariffs for re-exporting goods to the European Union, their trade body said on Thursday (7 January), amid warnings this could make Britain less competitive.

EU nations divided on 5G security, auditors say

[Digital] EU nations are 'progressing at different paces' in terms of security protocols introduced by the European Commission in order to ensure the safety of next-generation telecommunications networks, the European Court of Auditors has said.

Italy to spend 222 billion euros of EU funds to revive economy

[Politics] Italy plans to spend more than €222 billion from various European Union funds to revive its coronavirus-battered economy, a draft government document seen by Reuters showed on Thursday (7 January).

US suspends French tariffs over digital services tax

[Digital] The United States has indefinitely suspended 25% tariffs on French cosmetics, handbags and other imports it had planned in retaliation for a digital services tax Washington says will harm U.S. tech firms, as it investigates similar taxes elsewhere.

No RSS items found.

Portugal aims to seal EU-Mercosur trade agreement, progress on other deals

[Economy & Jobs] Portugal will try to conclude a free-trade agreement between the EU and the South American trade bloc Mercosur during its six-month EU presidency, and attempt to expand Europe's ties with other potential trade partners, the country's foreign minister said on Thursday (7 January).

France’s Brittany Ferries in dire straits due to double Brexit/COVID whammy

[Politics] After Brexit and the global pandemic, a new variant of the coronavirus ravaging the UK has dealt a fresh blow to the emblematic French shipping company Brittany Ferries, which now hopes for help from the French government. EURACTIV France reports.

PSA and Fiat Chrysler close in on mega-merger

[Transport] Shareholders gave their blessing on Monday (4 January) to a merger of carmakers PSA and Fiat Chrysler that catapults the new company "Stellantis" into fourth place globally, as the auto industry races to make the transition to cleaner cars.

Brexit ‘big bang’ to trigger tectonic trading rift in Europe

[Politics] Europe will see its biggest transfer of share trading in more than two decades when stock exchanges open for business in 2021, with Brexit shifting its centre of gravity away from London.

Peugeot, Fiat merger to be sealed by shareholders

[Transport] The shareholders of France's PSA and US-Italian rival Fiat Chrysler are expected to approve their merger on Monday (4 January), creating the world's fourth-biggest automaker by volume, Stellantis.

African free trade bloc opens for business, but challenges remain

[Economy & Jobs] African countries began officially trading under a new continent-wide free trade area on Friday (1 January), after months of delays caused by the global coronavirus pandemic.

COVID-19 shook, rattled and rolled the global economy in 2020

[Economy & Jobs] When 2020 dawned, the global economy had just notched its 10th straight year of uninterrupted growth, a streak most economists and government finance officials expected to persist for years ahead in a 21st Century version of the “Roaring ‘20s.”

Portuguese PM: Time to deliver a fair, green, digital recovery

[Politics] After a year scarred by the COVID-19 pandemic, the Portuguese presidency will seek to deliver on a Europe-wide vaccination plan and the National Recovery and Resilience Plans, writes António Costa.

US imposes new tariffs on French, German products in Airbus-Boeing spat

[Economy & Jobs] The United States announced Wednesday (30 December) that it will impose additional tariffs on French and German products as part of a long-running dispute over subsidies for aircraft manufacturers Airbus and Boeing.

2021: Build back to the future

[Economy & Jobs] The EU will double down on its efforts to use the Covid-19 crisis to accelerate the ‘Green’ and digital transitions, fuelled by its €1.95 trillion stimulus, an intense policy agenda and new trade opportunities to improve its global standing.

No RSS items found.
 
 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

   
 
img-10
img-10

ADESIONE ALLA RETE NAZIONALE ITALIANA EURODESK, 2021

Eurodesk è la rete istituita dall'Unione europea per rendere realizzabile la mobilità educativa per l'apprendimento dei giovani prevista nella nuova generazione dei programmi europei del settennato 2021-2027. In Italia, la rete nazionale opera per implementare i quattro cardini (promuovere, informare, orientare e progettare) della sfida da vincere (a tutti i livelli) per incrementare la partecipazione attiva dei giovani nella società e la loro migliore occupabilità nel mercato del lavoro.
Eurodesk ha aperto la consueta "finestra temporale" per l'adesione alla rete nazionale italiana Eurodesk.

Approfondisci


img-10

THE + OF ERASMUS: FORMAZIONE GRATUITA PER STUDENTI ERASMUS

L'Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, insieme alla Fondazione garagErasmus, lancia il progetto THE + OF ERASMUS, un pacchetto di servizi virtuali rivolto a tutti gli studenti internazionali incoming e outgoing dell'a.a. 2020/21. Come noto, il contesto pandemico limita fortemente lo svolgimento della mobilità nelle forme tradizionali....

Approfondisci


img-10

YOUR FIRST EURES JOB 6

Sei un giovane ( di età compresa tra i 18-35 anni)  interessato a cogliere le opportunità offerte da Your First EURES Job? Sei residente in AbruzzoMarche Molise?
Eurodesk Italy ha programmato, in collaborazione con la Rete EURES Italia, i servizi al lavoro del territorio e i Punti locali Eurodesk, incontri con gruppi di giovani interessati a partecipare al progetto YFEJ. 
Se sei interessato prendi visione del programma delle attività, compila quindi il modulo online per confermare la tua partecipazione...

Approfondisci


img-10

BREXIT - IL REGNO UNITO INTERROMPE LA PARTECIPAZIONE A ERASMUS

A seguito dell'accordo sulla Brexit raggiunto lo scorso 24 dicembre, il governo britannico ha deciso di interrompere la partecipazione del Regno Unito al programma Erasmus. Tuttavia, sulla base dell'art. 138 dell'Accordo di Recesso entrato in vigore il 1° febbraio 2020,

Approfondisci


img-10

RAGGIUNTO L'ACCORDO POLITICO SU ERASMUS+

E' stato raggiunto l'accordo politico tra il Parlamento europeo e gli Stati membri dell'UE sul nuovo programma Erasmus+ (2021-2027). Erasmus+ è una vera e propria storia di successo europea, immancabilmente giudicata una delle iniziative più riuscite dell'UE...

Approfondisci

 

 

 
 
 

CONSERVAZIONE DIGITALE DEL PATRIMONIO CULTURALE
 

La Commissione ha inaugurato le settimane scorse un centro europeo di competenze volto a preservare e conservare il patrimonio culturale europeo. Il centro, che opererà per un periodo di 3 anni con un massimo di 3 milioni di ? nel contesto del programma Orizzonte 2020, istituirà uno spazio digitale collaborativo...

Leggi

UNDER 30 PODCAST DEL PARTENARIATO PER LA GIOVENTÙ

UNDER 30 è la serie di podcast del partenariato per la gioventù UE-Consiglio d'Europa che raccoglie i risultati della ricerca e approfondisce le tendenze nella vita dei giovani e i temi rilevanti per le politiche e le pratiche ad essi rivolte. I temi dei primi due episodi sono: - Istruzione e percorsi di carriera degli operatori...

Leggi

CONSULTAZIONE PUBBLICA SULL'EURO DIGITALE

Come l'euro che già utilizziamo ogni giorno, il design di un euro digitale dovrebbe soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti. Ecco perché la Banca Centrale Europea desidera sentire il punto di vista del pubblico e di tutti gli interessati sui vantaggi e sulle sfide dell'emissione di un euro digitale e sul suo possibile...

Leggi

 
img-10
 
 

OCCUPAZIONE: LA CRISI COVID-19 COLPISCE IN PARTICOLARE I GIOVANI

La Commissione europea ha pubblicato l'edizione di dicembre 2020 dell'analisi trimestrale sull'occupazione e gli sviluppi sociali, che analizza gli effetti...

Leggi

CONFERENZA "PAY IT FORWARD BE A SOCIAL ENTREPRENEUR"

Il 4 e il 5 Febbraio si terrà la conferenza di disseminazione di "Pay It Forward Be A Social Entrepreneur", progetto triennale co-finanziato...

Leggi

SALTO-YOUTH: CALENDARIO DI FORMAZIONE

Il Calendario Europeo di Formazione contiene offerte di formazione da parte di diverse organizzazioni e istituzioni, quali SALTO, le Agenzie Nazionali...

Leggi

 

 
 
 
 
img-10
 

 

CORPO EUROPEO DI SOLIDARIETA'

La nuova iniziativa europea per il volontariato e l'accesso al mercato del lavoro rivolta ai giovani tra...

Leggi

CANALE TELEGRAM DI EURODESK ITALY

Le opportunità di mobilità educativa transnazionale sul canale Telegram di Eurodesk Italy...

Leggi

YOUR FIRST EURES JOB 6.0

La nuova iniziativa europea per  tirociniapprendistato e lavoro rivolta ai giovani tra i 18 e i 35 anni...

Leggi

 
 

 
E' uscito il 15° numero di dodo, una rivista per tutti gli stakeholder delle politiche per i giovani. In particolare, amministratori e funzionari degli enti pubblici locali...

Leggi

 


Novità

Istruzione

Pubblicazioni

Iniziative

Formazione
 
 

Eurodesk è la struttura del programma comunitario Erasmus+ dedicata all'informazione, alla promozione e all'orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall'Unione europea e dal Consiglio d'Europa. 

 

European Business Review FOLLOW EBR MAGAZINE ON: Follow us on FacebookFollow us on TwitterSubscribe to our RSS Feeds

EU ACTUALLY     EUROPE     WORLD     BUSINESS     MANAGEMENT     ANALYSES

Welcome to the online edition of the “European Business Review (EBR)”, where journalists and distinguished guest-writers express their views and opinions on European affairs and Business issues with in-depth articles, analyses and commentaries.
Check also EBR's:
Print edition - International edition website - Greek edition website


A report by an American institute showed that the Green Deal will result in 12% less agricultural production in the EU in 2030.

Will the Green Deal cause food shortages?

The green sustainability plans of the European Commission are increasingly criticised in the European Parliament, who fear that the Green Deal will cause food shortages in the EU


"Establishing a common US-EU agenda on other issues than climate change will be tough."

The EU needs to update its ABC of external relations

The European Union’s New Year Resolution must be to brush up on its ABC of foreign policies


“Turkey has been trying to push forward its claims for 30 years. Unfortunately, with the Mitsotakis government, it did it within a few months.”

Former Greek FM: Without Western renewal, we’re heading for Chinese hegemony

The West has underestimated China’s rise, and the centre of gravity has switched from the Atlantic to the Pacific, where Europe has no role, Greece’s former Foreign Affairs Minister Nikos Kotzias, one of Europe’s most experienced China analysts


In a study published in Climate Dynamics, researchers introduce a new and more precise way to project the Earth’s temperature. Based on historical data, it considerably reduces uncertainties compared to previous approaches.

Earth could cross the global warming threshold as soon as 2027

The threshold for dangerous global warming will likely be crossed between 2027 and 2042, research indicates


“Executive branch agencies should consider all ‘contact guidelines’ regarding relations with Taiwan previously issued by the US Department of State under authorities delegated to the Secretary of State to be null and void”.

Taiwan welcomes easing restrictions by the US

The US eased restrictions governing diplomats’ and other officials’ dealings with Taiwan officials, Secretary of State Pompeo said


Feel free to send your comments and remarks at contact@europeanbusinessreview.eu


 

 

                                                         Newsletter n. 173

Il nuovo giorno si vede dalla libertà di stampa
 

 

Proseguono le recensioni al volume che contiene la ricerca della Fondazione Murialdi sulla storia del giornalismo nella fase di transizione (1943-1947) dalla caduta del fascismo alla Repubblica. Oggi la recensione di Vito Antonio Leuzzi pubblicata sulla Gazzetta del Mezzogiorno.
 

Riportiamo di seguito il testo.

 

Le profonde trasformazioni del mondo dell’informazione all’indomani del crollo del regime. Il recupero della memoria relativo al lungo dibattito sulla libertà di stampa nella fase di transizione sino all’avvento della Repubblica. Sono i temi al centro di una documentatissima ricostruzione nel recente volume di Giancarlo Tartaglia, Ritorna la Libertà di stampa, Il giornalismo italiano dalla caduta del fascismo alla Costituente (1943-1947), Il Mulino, Bologna 2020 (pag. 620, euro 42,00).

L’analisi storiografica di Tartaglia – per lunghi anni direttore della Fnsi e segretario generale della Fondazione Murialdi – parte dal Sud con uno sguardo a La Gazzetta del Mezzogiorno, unico quotidiano nazionale che non interruppe neppure per un giorno le pubblicazioni dopo il 25 luglio e dopo l’8 settembre del 1943. Il suo direttore Luigi De Secly, legato a Croce, in relazione al tema delle responsabilità e del consenso degli intellettuali al regime mussoliniano, affermava: “Tutti costoro hanno potuto custodire le proprie idee senza poter assumere alcun impegno di natura politica. Non così purtroppo è avvenuto per i giornalisti per i quali la politica era un ferro del mestiere e specialmente per coloro che come noi traevano dall’esercizio professionale lo stretto necessario per l’indispensabile pane quotidiano”. Partendo da questo assunto problematico, si ricostruiscono nel volume le complesse fasi del ritorno alla libertà di stampa, fornendo un quadro esaustivo delle posizioni di quotidiani e settimanali e il ruolo della censura nel difficile processo di liberazione della stampa. Si analizzano, inoltre, i grandi eventi che caratterizzano la vita politico istituzionale, dal tentativo di restaurazione monarchico badogliano del Regno del Sud alla liberazione di Roma.

Ma il terreno nuovo discussione, quello dell’epurazione, dopo la costituzione del governo del Cln guidato da Bonomi, che coinvolgeva giornalisti, testate giornalistiche ed editori, è analizzato in profondità con una scrupolosa indagine archivistica.

“Ad aggiungere benzina sul fuoco – sostiene Tartaglia – era intervenuto lo stesso Mussolini indicando i nomi di giornalisti per anni prezzolati, definiti “Canguri giganti” tra i quali, Tullio Giordana, Corrado Alvaro, Ettore Janni, Filippo Burzio, Indro Montanelli, Guglielmo Giannini.

In questa complessa questione assunse rilievo la riorganizzazione della Federazione della stampa con il grande apporto di Leonardo Azzarita, originario di Molfetta, che aveva guidato il Corriere delle Puglie, ma era stato estromesso dall’albo dei giornalisti negli anni Venti su pressione di Araldo Di Crollalanza e degli esponenti più in vista del fascismo. Il giornalista pugliese (il figlio Manfredi fu vittima della strage nazista delle Fosse ardeatine) difese il ruolo della Federazione della stampa ed la sua autonomia, nonostante i grandi cambiamenti legati alla liberazione del Nord e le molte obiezioni relative alla lentezza del processo epurativo.

Le vecchie testate giornalistiche compromesse anche con la Rsi (Repubblica sociale italiana) riuscirono a resistere con soluzioni di compromesso (riapparve anche Il Giornale d’Italia con l’aggiunta “nuovo”, identico processo per la La Stampa ed Il Corriere della Sera e qualche tempo dopo per Il Secolo XIX dei fratelli Perrone e per Roma di Achille Lauro); mentre “numerose testate fiorite sull’onda dell’entusiasmo per la ritrovata libertà nei mesi della liberazione chiudevano i battenti”.

Tartaglia fornisce un quadro esaustivo dei giornali che si pubblicarono nella lunga fase di transizione (il 51,8% al Nord, il 30,4% nelle regioni del centro ed il 17,8% al Sud e nelle isole), fornendo un prezioso e ricco indice delle testate. Dal panorama editoriale scomparvero, tra l’altro, l’edizione milanese dell’Italia Libera, organo del Partito d’Azione, sempre più avvolto nella diaspora interna, e diversi settimanali antifascisti che si pubblicavano nel Mezzogiorno. Balzano all’attenzione, tra l’altro, gli effetti dell’amnistia voluta dal ministro della giustizia, Palmiro Togliatti. Si misero al riparo “vecchie cricche profittatrici del fascismo”, aspetto evidenziato da l’Avanti!, in un contesto in cui tre quarti della stampa rappresentavano “gli interessi di una esigua minoranza”.

Nel volume si documentano le diverse fasi della riorganizzazione e regolamentazione della professione giornalistica, la nascita di nuovi gruppi editoriali e di un quotidiano economico 24 ore all’indomani delle prime elezioni libere del 2 giugno 1946. Infine sono efficacemente ricostruiti il dibattito alla Costituente, il rapporto tra Azzarita – Di Vittorio e l’autonomia della Federazione Nazionale della Stampa, nel contesto di una normalizzazione centrista, sino all’approvazione della legge dell’8 febbraio 1948, “che è tutt’ora la legge fondamentale che regola la stampa in Italia”.


 

Vito Antonio Leuzzi


 


 

sito: www.fondazionemurialdi.it

 

 

Friday, 8 January 2021

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

Vous appréciez notre plateforme ?  Aidez-nous à publier des informations gratuites et indépendantes depuis les capitales européennes.

CONTRIBUER

La « discrimination capillaire », un phénomène largement ignoré en France

[Non-Discrimination] Au Royaume-Uni, Unilever a annoncé mardi (5 janvier) son soutien aux organisations luttant contre la "hair discrimination". La discrimination liée aux cheveux est une thématique largement ignorée en France.

One Planet Summit : la finance au chevet de la biodiversité

Lundi, différents chefs d’État, entrepreneurs et chercheurs se réuniront à l’occasion de la 4e édition du One Planet Summit, axé cette année sur la protection de la biodiversité. En pleine pandémie mondiale, la prise en compte du vivant par les...

À la suite de la prise d’assaut du Capitole, les appels à destituer Donald Trump se multiplient

[Monde] De plus en plus de législateurs et représentants du gouvernement parmi les républicains et les démocrates appellent à destituer Donald Trump à la suite de l’insurrection au Capitole qui a éclaté mercredi (6 janvier). Un article d'Euractiv Allemagne.

Berlin entend accélérer la féminisation des instances de direction des entreprises

[Non-Discrimination] L'Allemagne a décidé mercredi (6 janvier) de renforcer sa loi sur la mixité concernant les postes à responsabilité. Après les conseils de surveillance, c'est aux conseils d'administration des grandes entreprises de se voir imposer des quotas de cadres au féminin.

Face à l’insurrection au Capitole américain, la droite européenne joue les funambules

[Monde] Tandis que le Congrès américain a confirmé la victoire de Joe Biden dans la nuit de jeudi (7 janvier), de plus en plus de voix s’élèvent à travers le navire européen, notamment au sein de la droite, et condamnent l’insurrection pro-Trump au Capitole.

Ad

L'actu en capitales

De Paris à Zagreb, en passant par Rome et Berlin. L’actu en capitales récapitule l’info de toute l’Europe grâce au réseau de rédactions d’Euractiv.

Abonnez-vous gratuitement à la newsletter quotidienne .

 

L’OMS appelle l’Europe à davantage d’efforts, clusters de la variante en France [Société]

Elon Musk, le patron de Tesla, devient officiellement l’homme le plus riche du monde [Économie]

Le Congrès américain adoube Joe Biden, Trump promet une « transition ordonnée » [Monde]

Quels sont les grands thèmes qui animeront la politique européenne en 2021 ? [Politique]

Le Portugal nourrit les attentes chypriotes au sujet du pacte européen sur la migration et l’asile [Migrations]

Les premiers vaccins Moderna seront distribués la semaine prochaine dans l’ensemble de l’UE [Société]

Brittany Ferries, un fleuron français dans la tempête [Économie]

Quatre morts après l’assaut des pro-Trump au Capitole, selon la police [Politique]

Face à l’emprisonnement de journalistes au Vietnam, l’UE privilégie le dialogue [Monde]

Des manifestants pro-Trump prennent d’assaut le Capitole américain [Monde]

 

Croatie. Un séisme qui fait trembler le secteur de la construction [Monde]

Comment s’annonce 2021 sur le plan climatique ? [Climat]

Nord Stream 2 : « Les Américains piétinent la souveraineté européenne » [Économie]

Vaccination Covid-19 : le gouvernement rame pour atteindre un « rythme de croisière » [Politique]

Après le Brexit, des ajustements plus ou moins compliqués dans les échanges commerciaux [Politique]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
La rivolta di Washington e il disgelo nel Golfo
8 gennaio 2021

Nelle ore successive all'assalto degli insorti pro-Trump, il Congresso degli Stati Uniti ha ripreso la seduta plenaria e ha ratificato l'elezione di Joe Biden alla presidenza: il 20 gennaio l'insediamento (e qui il nostro Speciale sull'agenda della nuova amministrazione). Sale intanto a cinque il numero delle vittime della rivolta a Capitol Hill; mentre Trump si impegna a una transizione pacifica, ma incoraggia i suoi: "Il nostro viaggio è appena cominciato".

La settimana che sta per concludersi ha visto anche un rapido disgelo nel Golfo, dopo tre anni e mezzo di embargo che avevano messo il Qatar ai margini: l'Arabia Saudita si muove da leader nella regione, ma il futuro dei rapporti è tutto da scrivere. Come incerta è la situazione in Kosovo, dopo la fine anticipata della legislatura. Questo e molto altro ancora su AffarInternazionali, la rivista dello IAI.

ARTICOLI
 INSURREZIONE PRO-TRUMP A CAPITOL HILL
Il giorno più buio della democrazia americana
 

di Giampiero Gramaglia

È di quattro morti, tra cui una donna uccisa da un colpo di arma da fuoco, 13 feriti e 52 arresti il bilancio – provvisorio – degli incidenti di ieri a Washington, dove centinaia di sostenitori di Donald Trump, aizzati dal presidente che...

 EQUILIBRI NEL GOLFO
Disgelo con il Qatar: l’Arabia Saudita impone la sua leadership
 

di Eleonora Ardemagni

Dopo tre anni e mezzo di embargo, il Qatar viene riaccolto dai vicini. Sicuramente dall’Arabia Saudita, con pragmatismo e gradualità. La “Dichiarazione di Al Ula”, firmata il 5 gennaio dagli Stati del Consiglio di cooperazione del Golfo (Gcc; cioè, Arabia...

VOTO ANTICIPATO A FEBBRAIO
Il sismografo politico del Kosovo continuerà a oscillare per tutto l'anno
 

di Dario D'Urso 

Il 2020, al netto della pandemia, si è dimostrato un anno politicamente molto intenso per il Kosovo: la sentenza della Corte costituzionale di Pristina dello scorso 22 dicembre sembrerebbe indicare una stagione ugualmente vivace per il 2021.

IL FUTURO DOPO COTONOU
Il 2021 porterà un nuovo accordo fra Ue e Paesi del Gruppo Acp
 

di Luca Barana

Il 2020 prometteva di essere un anno di svolta per le relazioni fra Unione europea e Africa, ma l’impatto della pandemia ha pesantemente ridefinito le priorità reciproche, facendo anche riemergere le divergenze politiche che già covavano al di sotto della...

IN EVIDENZA
SPECIALE
Dieci anni dalle Primavere arabe
 
© 2021 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it
 
 
Se non riesci a leggere questa email, clicca qui
 
 
newsletter dell' 8 GENNAIO 2021
 
 

  
 
 
Comunicato stampa MFE
 
 
 
 
 

LA CRISI DELLA DEMOCRAZIA AMERICANA CHIAMA L’EUROPA
AD ASSUMERSI LE PROPRIE RESPONSABILITA’ GLOBALI

 
 
  • L’episodio di ieri dell’assalto al Campidoglio è stato un vulnus drammatico per la democrazia degli Stati Uniti; ma è stato anche la manifestazione eclatante della fragilità e della debolezza del Paese che rimane nonostante tutto il più potente al mondo e che condiziona tutta la politica estera degli alleati democratici e le relazioni internazionali
 
  • Per gli Europei c’è una sola lezione da trarre dalla situazione americana: rifuggire la tentazione di affidarsi alla “solidità delle istituzioni democratiche americane” e alla forza “dei checks and balances” della Costituzione federale, e capire che ora sono gli USA ad aver bisogno di un’Europa forte e determinata, una potenza positiva alleata che li guida nel governo di un mondo che loro hanno costruito, ma che non sono più in grado di indirizzare
 
  • Come il MFE ricordava nel suo comunicato stampa diffuso dopo la vittoria di Biden, “Solo completando la sua unificazione, l'Europa contribuirà a sconfiggere nel suo seno e nel mondo intero i seguaci del tycoon americano”. Quanto accaduto ieri ha dimostrato quanto è vero questo assunto; ora possiamo solo impegnarci affinché l’attacco al Campidoglio spinga gli Europei ad assumersi le proprie responsabilità globali
 
 
 
----
 
A seguire la dichiarazione completa
 
 
Dopo quanto avvenuto ieri negli Stati Uniti, con l’assalto al Campidoglio da parte dei movimenti armati che sostengono Trump, diventa sempre più urgente e indispensabile per gli Europei riflettere sul loro rapporto con gli USA e sul futuro che vogliono costruire per sé e per il mondo.

L’episodio di ieri è stato un vulnus drammatico per la democrazia degli Stati Uniti; ma è stato anche la manifestazione eclatante della fragilità e della debolezza del Paese che rimane nonostante tutto il più potente al mondo e che condiziona tutta la politica estera degli alleati democratici e le relazioni internazionali. Per questo, il problema della crisi del sistema americano non è solo un problema interno, ma è un problema per il mondo intero. Sperare che la leadership americana abbia la forza di ridisegnare l’ordine internazionale e di guidare la nascita di un nuovo multilateralismo cooperativo significa voler chiudere gli occhi di fronte alla realtà.

Lo spettacolo offerto ieri dalla folla, che nessuno ha fermato nella sua marcia verso e dentro il Campidoglio, perché si trattava di sostenitori del presidente ancora in carica, e la tracotanza che gli aggressori hanno ostentato, dimostrano che la presidenza di Biden non potrà non essere pesantemente condizionata dalle tensioni interne che l’accompagneranno. Come ha tweettato lo stesso Trump, questo passaggio è parte di una strategia della tensione che continuerà, guidata dall’obiettivo del Make America Great Again, per riprendere le parole del presidente uscente. Trump e i movimenti cui fa riferimento – che rappresentano una parte non marginale del Paese – hanno preparato il terreno per contestare e indebolire la legittimità del governo federale; ora che queste forze hanno trovato corrispondenza ai massimi livelli istituzionali, andranno oltre lo stesso Trump, troveranno nuovi leader e non si placheranno, alimentate da una crisi profonda del modello sociale e della dottrina economica americani.

Sicuramente nei prossimi giorni si vedrà se almeno la reazione ex-post riuscirà ad essere adeguata (trovando gli strumenti per incriminare o rimuovere Trump), o se gli Stati Uniti rimarranno in balia di un personaggio che usa la propria posizione istituzionale per negare i fondamenti del sistema democratico americano e chiamare alla rivolta le frange violente, vagheggiando il colpo di Stato. Tuttavia, persino nella prima ipotesi – per non parlare della seconda – la discesa del sistema statunitense nell’abisso del populismo e la forza politica guadagnata da chi nega i valori e i principi universali liberali e democratici rendono gli USA, come Paese e come potenza, un’anatra zoppa.

Per gli Europei c’è una sola lezione da trarre dalla situazione americana: rifuggire la tentazione di affidarsi alla “solidità delle istituzioni democratiche americane” e alla forza “dei checks and balances” della Costituzione federale, e capire che ora sono gli USA ad aver bisogno di un’Europa forte e determinata, una potenza positiva alleata che li guida nel governo di un mondo che loro hanno costruito, ma che non sono più in grado di indirizzare. Utopia pensare che gli Europei possano fare un passaggio del genere? No, solo presa d’atto dei cambiamenti avvenuti nello schieramento occidentale e delle nuove responsabilità che competono ad un continente che può offrire un modello positivo per il mondo. All’Unione europea basterebbe poco per fare il passaggio politico-istituzionale federale, costruendo su quanto già fatto in campo monetario ed economico. Con il Next Generation EU ha già posto le basi per la nascita di una sovranità europea in campo economico, che a questo punto deve solo essere consolidata riformando i Trattati con l’attribuzione della competenza fiscale al Parlamento europeo. Questo sarebbe sufficiente per portare l’UE a diventare subito il punto di riferimento del governo economico della globalizzazione, e questo accelererebbe i passaggi analoghi in tutti gli altri settori necessari.

Come il MFE ricordava nel suo comunicato stampa diffuso dopo la vittoria di Biden, “Solo completando la sua unificazione, l'Europa contribuirà a sconfiggere nel suo seno e nel mondo intero i seguaci del tycoon americano”. Quanto accaduto ieri ha dimostrato quanto è vero questo assunto; ora possiamo solo impegnarci affinché l’attacco al Campidoglio spinga gli Europei ad assumersi le proprie responsabilità globali.


Pavia, 7 gennaio 2021
 
                                                         Newsletter n. 170

Quando è a rischio la libertà di stampa, la democrazia soffre.
 

La ricerca della Fondazione Murialdi sul giornalismo italiano dalla caduta del fascismo alla Costituente ad opera di Giancarlo Tartaglia, pubblicata da Il Mulino e in libreria dal 14 gennaio, è stata oggetto di una recensione su Il Fatto Quotidiano da parte di Giovanni Valentini il 2 gennaio scorso. Riportiamo di seguito il testo dell’articolo.


 

“La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare” (Piero Calamandrei)

Se è sempre valida la libertà in generale, la citazione del giurista Calamandrei riportata qui sopra lo è a maggior ragione per la libertà di stampa. Tanto più in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, segnato dalla crisi dell’editoria, dal declino dell’informazione professionale, dai social network e dalle fake news. E’ proprio quando comincia a mancare la libertà di stampa, infatti, che se ne apprezzano di più la funzione e la necessità. E allora è a rischio anche la qualità della vita democratica.

Può essere utile a tutti, perciò, leggere il saggio di Giancarlo Tartaglia, segretario generale della Fondazione Paolo Murialdi, intitolato Ritorna la libertà di stampa (il Mulino). Sulla base di una ricca documentazione, il volume ricostruisce le vicende del giornalismo italiano nei quattro anni cruciali (1943-1947) tra la caduta del fascismo e la Costituente. Una “zona crepuscolare”, per dirla con lo storico inglese Eric Hobsbawn, di cui conserviamo la memoria attraverso i libri e la testimonianza dei nostri padri.

Per la stampa nazionale, quello fu un passaggio sofferto e tormentato che tuttavia conteneva i germi di una rinascita decisiva per la nostra democrazia. Ma il saggio di Tartaglia diventa di particolare attualità nella fase che stiamo attraversando: una fase in cui, purtroppo, ci manca l’aria e non solo metaforicamente. Fra le tante severe lezioni impartite dall’epidemia, c’è anche quella che riguarda l’attendibilità e l’affidabilità delle notizie infettate dal virus della disinformazione o della cattiva informazione.

Nel ventennio fascista – racconta l’autore del libro – “la visibilità dei giornalisti era stata maggiore di qualsiasi altra professione”. Medici, avvocati, ingegneri, architetti avevano potuto attraversare la dittatura senza la necessità di compromettersi né a favore né contro il regime. E invece, come scrisse Luigi de Secly, il direttore che avrebbe guidato la Gazzetta del Mezzogiorno di Bari dal ’43 al ’60, unico quotidiano a non sospendere mai le pubblicazioni durante la transizione, “non così purtroppo è avvenuto per i giornalisti, per i quali la politica era un ferro del mestiere e specialmente per coloro che come noi traevano dall’esercizio professionale lo stretto necessario per l’indispensabile pane quotidiano”. Altri, come Raffaele De Luca dalle fila del Partito d’Azione, sosteneva piuttosto che quella dei giornalisti era la “classe più screditata d’Italia, ancor più della burocrazia corrotta”, perché la grande maggioranza di loro per vent’anni aveva “anteposto la carriera alla propria coscienza”.

Oggi che il fascismo fortunatamente non c’è più, la libertà di informazione è minacciata dalla crisi economica dell’editoria; dalle maxi-concentrazioni; dall’assalto dei grandi gruppi industriali che perseguono i propri interessi e i propri affari; dallo sfruttamento dei giornalisti, sempre più precari e malpagati o non pagati affatto; e perfino dall’incertezza delle loro pensioni, insidiate dalla diminuzione dei redattori professionisti e dei contributi previdenziali. Tant’è che ora il governo promette d’intervenire per legge, come reclama la Federazione nazionale della stampa: da una parte, con il cosiddetto “equo compenso” e, dall’altra, con l’allargamento della base ai “comunicatori” che lavorano negli uffici stampa degli enti pubblici o delle aziende private.

C’è bisogno di far circolare più aria, in questo 2021 che comincia, anche all’interno delle redazioni dei giornali e in tutto il sistema dell’informazione. A favore dei giovani, innanzitutto. Ma più in generale a beneficio dei cittadini, del pluralismo e della libertà di stampa.


 


 


 

sito: www.fondazionemurialdi.it

 
 

[ ... ]

 

 
European Business Review FOLLOW EBR MAGAZINE ON: Follow us on FacebookFollow us on TwitterSubscribe to our RSS Feeds

EU ACTUALLY     EUROPE     WORLD     BUSINESS     MANAGEMENT     ANALYSES

Welcome to the online edition of the “European Business Review (EBR)”, where journalists and distinguished guest-writers express their views and opinions on European affairs and Business issues with in-depth articles, analyses and commentaries.
Check also EBR's:
Print edition - International edition website - Greek edition website


"If we are lucky, the post-pandemic will bring us all closer together — because those of us who were fortunate enough to survive will look at our fellow-human beings, first and foremost as such, joint survivors of a long and dark struggle."

2021: The Year of the Great Appreciation

Not a New Year’s prediction, but looking at the rays of hope that could re-energize us all


"Historical, the Democrats certainly have reason to cheer, but with the slightest difference imaginable in the Senate (50 to 50, with a casting vote for new Vice resident Kamala Harris), they have to compromise with the Republican opposition on some points."

Democratic Senate will not give Biden wings

The Democrats took control of the US Senate last night, winning two seats in the southern state of Georgia


"The faster rate at which the UK, Israel and the US are vaccinating is increasing pressure on EU governments and particularly the European Commission, which is coordinating the joint EU vaccine strategy."

European Commission vaccine competence?

With vaccination campaigns in EU member states stalled because there is not enough of approved vaccines, vaccination in the United Kingdom is going fast, due to the urgence of the situation


"Kazakhstan will soon need a national resilience strategy, which articulates together with a national soft power strategy, both of which will act as the transmission belts between internal stability and prosperity and the dynamics of world affairs."

Read between the lines Kazakhstan’s messages in 2021

In a recent bold article on the long history and presence of the Kazakhs in Central Asia since millennia, president Tokayev seems to be saying that Kazakhstan will show up any regional states that may be tempted to gluttonously look at Kazakhstan’s territory


TrendForce noted a greater proportion of devices produced this year are likely to support 5G, with 37 percent of new handsets expected to use the latest network technology compared to 19 percent in 2020.

Huawei plunged out of device top 6

TrendForce, an analyst company, predicts global smartphone production to begin its recovery in 2021 after dropping 11 percent in 2020


Feel free to send your comments and remarks at contact@europeanbusinessreview.eu