Home

 

 

 
                                                         Newsletter n. 214

Ritorna la libertà di stampa - Torino 21 giugno
 

 

 

Lunedì 21 giugno alle ore 18,30 presso il Torino Outlet Village, nella Piazza del Lusso, presentazione del libro “ Ritorna la libertà di Stampa” Il giornalismo italiano dal 1943 al 1947, di Giancarlo Tartaglia, pubblicato da Il Mulino a cura della Fondazione Murialdi. Tavola rotonda con Giancarlo Tartaglia, segretario generale della Fondazione, Mauro Forno, professore Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Universita di Torino, Alberto Sinigaglia, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Franca Giusti, Consigliere regionale dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte. Moderatore Enrico Cocciulillo, Consigliere Nazionale della Fnsi.


 


 

sito: www.fondazionemurialdi.it

 

 
Having trouble viewing this email? Click here

The Istituto Affari Internazionali is pleased to invite you to the webinar:

Beyond the Great Powers: The EU, partnerships and inclusive multilateralism

 

 

21

June 2021

from 11.00
to 12.30 CEST

 

 

logo ETTG
 
 

The event will be held online via Webex platform

 

Event moderator

Vince Chadwick

Devex

 

Speakers

Chloe Teevan

Policy Officer for ECDPM (lead author of the ETTG paper)

 

Ottilia Anna Maunganidze

Head of Special Projects – Institute for Security Studies

 

Daniel Giorev

Head of Unit Sustainable Development Policy and Global Partnerships with UN and IFIs (INTPA.D.2)

 

Sachin Chaturvedi

Director General at the Research and Information System for Developing Countries (RIS, India)

 

Wrap up and take home messages

Geert Laporte, ETTG Director

     

Working language: English

 

Multilateralism has been in trouble for a while, particularly at the global level. Yet, the European Union (EU) and its member states have remained among its staunchest supporters. The recent EU Communication on Multilateralism, published in February 2021, seeks to lay out a European vision to uphold, extend and reform the multilateral system.

This event would examine how the EU’s international partnerships can be leveraged to strengthen the multilateral system at a time of growing multipolarity. In particular, it would seek to look beyond the US and China to explore how the EU can build more meaningful cooperation with a variety of countries and regional groupings from across the Global South. The event will build and expand on the findings of a joint research conducted by IAI in the framework of the European Think Tanks Group (ETTG) entitled A new multilateralism for the post-COVID world: What role for the EU-Africa partnership?

The webinar aims to address some of the following questions: Is there real room for the EU to build multilateral partnerships with the African Union, ASEAN, India and others? To what extent is the EU a credible partner for countries in the Global South? Is the EU willing to fully support better representation of low- and middle-income countries at multilateral fora such as the UN Security Council, the International Financial Institutions, G20, etc. ? How has the response to COVID-19 impacted the potential for EU multilateral cooperation with countries in the Global South?



Follow us:
diventa fan su Facebook seguici su Linkedin seguici su twitter seguici su youtube connettiti al nostro sito seguici su instagram


Istituto Affari Internazionali - Via dei Montecatini, 17 - 00186 - Roma - Rm - Italia - Email: iai@iai.it - Tel: +39066976831 - P.iva 02126711007

 

 

 

 

Società Libera online

www.societalibera.org

 

 

L'EUROPA TRA RIPENSAMENTO E TRAMONTO

Sulla piattaforma Zoom Meeting VENERDI’ 25 GIUGNO ORE 17 *

Il progetto europeo, tra convinzioni eurofideiste e approcci euroscettici, oggi non è in condizione di imboccare un cammino capace di dare un’anima, una missione, una strategia di lungo tempo e di larghe prospettive, a un continente che non potrà essere trainato da logiche condominiali.
Deterministici retorici convincimenti e un fuorviante europeismo: l’Unione è e sempre lo sarà, unitamente ad inutili proclami sull’inefficienza, ad una strutturale povertà geostorica della politica, frenano un suo necessario ripensamento.
Non si tratta di invocarla, di auspicarla o di delegittimarla ma di individuare la sua ragion d’essere, la sua vocazione, i suoi interessi e per questo necessitano capacità d’analisi e visioni che travalichino i confini domestici.
Un ripensamento che abbia l’obiettivo di essere significativo, efficace e riconoscibile dalle genti d’Europa, che abbia una connotazione liberale che privilegi le libertà individuali al di là di concezioni costruttivistiche, nel senso di un pragmatismo che crede di poter costruire predefiniti processi politici.
L’incontro, a cui auspichiamo una larga partecipazione, vuole evidenziare un criterio e un metodo eurorazionalista, convinto della necessità di analisi e ragionamenti quanto mai distanti da dogmatismi e funzionalità utili solo per soluzioni politicamente corrette.
In sintesi, un momento di riflessione sul futuro dell'idea di Europa muovendo dalla constatazione della sua evidente precarietà.
 
INTRODUCE: VINCENZO OLITA – Presidente Società Libera
 
RELATORI:
RENATO CRISTIN – Prof. Ermeneutica filosofica Univ. Trieste
PIERVIRGILIO DASTOLI – Presidente Consiglio Italiano Movimento Europeo
GIOVANNI GIORGINI – Prof. Storia Dottrine Politiche Univ. Bologna, Chicago
MARCO PATRIARCA – Studioso di Storia e Filosofia Politica
ANGELO PERRINO – Direttore affaritaliani.it
ANGELO MARIA PETRONI – Prof. Logica e Filosofia della Scienza La Sapienza, Segretario Generale Aspen Institute Italia
 
* Sulla Piattaforma Zoom Meeting
Venerdì 25 giugno 2021 ore 17
Passcode: 375530
 
Diretta Facebook sulla pagina di Società Libera


 

 

 
 
16 JUNE 2021 Lisez en ligne
 
 

Retrouvez tous les jours, directement dans votre boîte e-mail, l’essentiel des politiques françaises et européennes – à lire pendant votre pause café !

 


Vous voulez savoir ce qui se passe du côté de nos voisins européens ? N’hésitez pas à vous inscrire à notre autre newsletter Les Capitales.

Aujourd’hui, au programme : fake news, Loi Climat et levée du couvre-feu.

 
 
 
 
 

Photo : LP2 Studio/Shutterstock

 

La France et l’Allemagne se tiennent prêtes à lutter contre l’ingérence étrangère avant les élections. À l’approche d’élections clés, l’Allemagne en septembre et la France l’année prochaine, Berlin et Paris prennent des mesures pour lutter contre la manipulation attendue des informations en ligne par des puissances étrangères.

Début juin, la France a annoncé qu’elle lancerait en septembre une agence chargée de lutter contre la désinformation étrangère et les fake news, moins d’un an avant sa prochaine élection présidentielle. Lire plus...

 

 

Rappel de crèmes glacées contaminées par un produit chimique. Des résidus d’oxyde d’éthylène, un agent chimique biocide et fongicide classé cancérogène, ont été retrouvés dans des crèmes glacées en France, a fait savoir le ministère de l’Économie dans un communiqué publié hier. Le produit, qui est interdit dans l’Union européenne depuis 2011, a été détecté dans un produit utilisé comme stabilisant pour certaines glaces.

 

Si aucune intoxication n’a été signalée pour le moment, la Direction générale de la concurrence, de la consommation et de la répression des fraudes (DGCCRF) demande aux industriels de rappeler les lots de crème glacée concernés pour « limiter au maximum l’exposition des consommateurs » à l’agent chimique. Pour connaître la liste des produits rappelés, les consommateurs sont invités à consulter le site unique de rappel de produits RappelConso ou le site de la DGCCRF.

 

 
Magdalena Pistorius
 

Esprits divisés sur la décision d’inviter l’association des agriculteurs de l’UE aux discussions informelles sur la PAC. La décision de la présidence tournante portugaise d’inviter exclusivement l’association européenne d’agriculteurs COPA-COGECA à la réunion informelle des ministres de l’agriculture de l’UE de cette semaine a divisé les parties prenantes du secteur agricole. Certaines d’entre elles se plaignant que « cette tradition toxique » devait prendre fin. Lire plus (en anglais)...

 

 

Loi Climat : le Sénat adopte le chapitre I « Consommer » avec modifications. Les sénateurs étudient actuellement le projet de loi Climat, après son passage à l’Assemblée nationale en avril dernier, jugé décevant et manquant d’ambition selon les ONG et l’opposition.

 

Le volet I a été adopté avec quelques modifications : afficher la rémunération des producteurs, offrir davantage de choix au consommateur dans ses options de livraison, encadrer la publicité portant sur les liaisons aériennes nationales substituables par un trajet en train pour les trajets de plus de 2h30, ou encore interdire la publicité sur les remises ou réductions annulant l’effet du malus applicable aux voitures particulières les plus polluantes.

 

Lire aussi : La loi Climat et Résilience arrive au Sénat

 

Clara Bauer-Babef
 

Le blues des sommets internationaux. Le sommet du G7 en Cornouailles avait tous les attributs d’un sommet international : de grandes attentes, beaucoup d’attention médiatique, de grandes déclarations, et peu de résultats concrets. Lire plus (en anglais)...

 

 
 

Emmanuel Macron veut 10 géants de la tech en Europe d’ici 2030. Emmanuel Macron recevait hier (15 juin) le collectif « Scale-Up Europe » qui lui a remis ses recommandations pour favoriser l’émergence de géants européens du numérique. Il a annoncé l’objectif de « 10 entreprises à 100 milliards d’euros pour 2030 » en Europe.

 

« Nous devons construire un écosystème et des champions européens plus forts, et les entrepreneurs doivent pousser les gouvernements à être plus efficaces », pour rester dans la course face aux puissances américaines et chinoises, a déclaré le président de la République. Lire plus…

 
Mathieu Pollet
 

RGPD : les affaires transfrontalières ne se limitent pas à l’autorité « cheffe de file », selon la Cour de justice de l’UE. Les autorités nationales de protection des données ont le pouvoir, dans des circonstances exceptionnelles, de lancer des procédures d’infraction au règlement général sur la protection des données contre des entreprises enregistrées dans un autre État membre de l’Union européenne, a jugé la plus haute juridiction de l’UE. Lire plus...

 

 
 

Le couvre-feu à 23h levé à partir de dimanche. Jean Castex, le Premier ministre, a annoncé aujourd’hui (16 juin) à l’issue du Conseil des ministres que le couvre-feu serait levé le dimanche 20 juin. « La situation du pays s’améliore et elle s’améliore plus vite qu’espéré », a-t-il souligné. « Nous sommes à moins de 5000 cas par jour. » Selon le chef du gouvernement, la France n’a pas « connu un niveau de circulation virale aussi bas depuis le mois d’août dernier. Cette amélioration concerne l’ensemble du territoire. »

 

Les autres protocoles seront maintenus pour la fête de la musique du 21 juin, notamment concernant les jauges. Il a aussi annoncé la fin du port du masque en extérieur dès demain (17 juin). « Le port du masque en extérieur ne sera plus obligatoire sauf quand on se regroupe », a-t-il précisé, mais il restera obligatoire dans les lieux clos.

 
Anne Damiani
 

UE : les ministres de la Santé souhaitent renforcer le rôle de l’EMA. Les ministres européens de la Santé se sont rencontrés mardi (15 juin) pour une dernière réunion sous la présidence portugaise du Conseil de l’UE. Lire plus…

 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Biden l'europeo: dalla Ue alla Nato, la partnership transatlantica riparte da qui (ma con l'ombra della Brexit)
16 giugno 2021

Volge quasi al termine la missione in Europa di Joe Biden: oggi a Ginevra vedrà Vladimir Putin, ultima tappa del primo viaggio internazionale dall'arrivo alla presidenza. Una missione che è servita per ravvivare la partnership transatlantica dopo quattro turbolenti anni di amministrazione Trumpcome ci racconta Giampiero Gramaglia: Usa e Ue hanno concordato una sospensione di cinque anni alla guerra dei dazi sui sussidi a Boeing e Airbus, mentre Washington invita gli alleati a pensare al modello di gioco con la Cinaspiega Alessandro Marrone con una serie di richiami all'altra competizione su scala continentale in corso, l'Europeo di calcio.

Doveva essere la settimana del gran ritorno del multilateralismo, insomma, eppure è difficile allontanare l'impressione di un vertice G7 in Cornovaglia perlomeno rovinato dalla polemica post-Brexit fra Regno Unito e l'Unione europea sul Protocollo nord-irlandese, che ha da ultimo preso le sembianze della "guerra delle salsicce", scrive da Londra Alessandra Rizzo. Questo e molto altro ancora su AffarInternazionali, la rivista dello IAI.

ARTICOLI
 POLEMICHE AL SUMMIT
L'ombra della Brexit sul G7 di Boris Johnson
 

di Alessandra Rizzo

Il summit del G7 doveva segnare, per le grandi democrazie del mondo, il ritorno all’unità dopo gli anni di Trump e il momento di svolta in cui poter guardare al futuro e alla ricostruzione, con il peggio della pandemia sperabilmente alle spalle. Per il...

 DOPO IL VERTICE DI BRUXELLES
Nato 2030: la partita comincia adesso
 

di Alessandro Marrone

Il primo vertice Nato con il presidente Usa Joe Biden ha segnato il calcio di inizio della partita sul futuro dell’Alleanza nel prossimo decennio, con l’agenda Nato 2030 e l’avvio ufficiale dell’elaborazione di un nuovo Concetto Strategico da approvare nel...

IL VIAGGIO DEL PRESIDENTE
Biden l'europeo: dalla pace Ue-Usa alla Nato risorta
 

di Giampiero Gramaglia

Una Ue in pace (con gli Usa) e una Nato che pareva da rottamare “rinata”: il bilancio dello “sbarco in Europa” da presidente di Joe Biden è largamente positivo. Dopo 17 anni di contenziosi – c’era George W. Bush alla...

PER UN VOTO DI SCARTO
Bennett premier: in Israele nasce il governo anti-Netanyahu
 

di Nello del Gatto

GERUSALEMME. È dovuta scendere in campo una coalizione che in qualsiasi Paese sembrerebbe qualcosa di inimmaginabile per porre fine, qualcuno dice solo temporaneamente, al premierato incontrastato di Benjamin Netanyahu in Israele.

© 2021 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 
Se non riesce a leggere questa email, clicchi qui
 
CONTROLLA LA POSTA
E' TORNATA LA LETTERA EUROPEA!
 

La Conferenza sul futuro dell’Europa è un momento di verità per l’Unione europea.
 
Il suo futuro, e quello dei suoi cittadini, dipendono dalla capacità di affrontare i nodi politico-istituzionali che indeboliscono o paralizzano l’azione dell’Unione in una serie di settori cruciali.
 
Questo contributo di riflessione vuole ricordare innanzitutto che il successo del processo aperto dalla Conferenza dipende dalla volontà politica dei rappresentanti delle istituzioni nazionali ed europee, insieme ai cittadini; e che gli impedimenti giuridici sono superabili.
 


Lettera Europea N° 74 | giugno 2021

L’urgenza di modificare i Trattati, superando il problema dell’unanimità.
Questioni politiche e giuridiche
 
Nei momenti storici di grande cambiamento, se le comunità vogliono governare i nuovi processi ed evitare di cadere in un declino irreversibile, devono saper adattare le loro istituzioni. L’Unione europea, dopo la fine della guerra fredda, ha adattato le sue istituzioni con un primo passo cruciale creando l’unione monetaria; ma non è stata in grado di concordare una vera politica fiscale e sociale per l’euro. Più tardi, con il Trattato di Lisbona, ha rafforzato il ruolo legislativo del Parlamento europeo, ma anche in questo caso non è riuscita a creare una vera unione economica e politica per completare l’euro.
 

La Conferenza sul futuro dell’Europa rappresenta un’occasione unica per dare all’Unione gli strumenti necessari per prendersi cura degli interessi dei propri cittadini e vincere molte delle sfide globali che i suoi Stati membri non sono più in grado di affrontare Alcuni di questi strumenti indispensabili, e in particolare la creazione di una capacità fiscale dell’Unione ed il superamento della regola dell’unanimità in politica estera, presuppongono un superamento del quadro giuridico attuale e non sono realizzabili attraverso gli strumenti della cooperazione rafforzata o delle clausole passerella. Si pone pertanto ineluttabile la prospettiva di una revisione dei Trattati europei che da ormai quindici anni è considerata pressoché un tabù almeno da parte di alcuni Stati membri, nonostante numerose crisi abbiano già ampiamente dimostrato l’inadeguatezza e le lacune dell’ordinamento giuridico esistente.

La radice del problema è politica, perché è legata alle differenti visioni e aspettative che gli Stati membri hanno maturato dopo l’avvio dell’unione monetaria ed i cambiamenti derivati dalla caduta del blocco sovietico e dall’allargamento dell’UE ai Paesi centro-orientali. Alcuni governi si ostinano a credere che l’Unione europea debba limitarsi a fornire una serie di servizi a favore degli Stati nazionali, in particolare il mercato interno e la moneta unica. In altri Paesi sta invece emergendo la consapevolezza che l’incompletezza del progetto di integrazione europea sia ormai divenuta insostenibile e metta in pericola la loro stabilità politica e benessere economico nel lungo periodo.

Il problema politico è rafforzato dal fatto che portare a termine una riforma del diritto primario UE, in particolare attraverso nuovi e sostanziali trasferimenti di competenza all’Unione, risulta particolarmente complesso a causa della procedura di revisione di cui all’art. 48 TUE. Quest’ultima prevede che il governo di qualsiasi Stato membro, il Parlamento europeo o la Commissione possano avanzare una proposta di modifica. Dopo l’eventuale convocazione di una Convenzione (composta da rappresentanti dei governi, dei Parlamenti nazionali, della Commissione e del Parlamento europeo), che adotterà una raccomandazione al riguardo, sarà una conferenza intergovernativa a decidere all’unanimità il testo definitivo di riforma dei trattati. Deve seguire la ratifica da parte di tutti gli Stati membri, tramite il voto dei parlamenti nazionali o referendum confermativo. In conclusione, sia la fase europea di revisione dei trattati (negoziato), che quella nazionale (ratifica) richiede il raggiungimento dell’unanimità tra tutti gli Stati membri, il che fornisce a ciascuno di essi un diritto di veto.

Dando uno sguardo all’esperienza delle altre organizzazioni internazionali (categoria a cui ancora appartiene l’Unione europea) è interessante notare come la regola dell’unanimità per la modifica del loro funzionamento sia in realtà alquanto rara. I trattati che istituiscono le Nazioni Unite, l’Organizzazione mondiale del commercio, l’Organizzazione mondiale della sanità ed il Consiglio d’Europa richiedono infatti solo la maggioranza qualificati degli Stati membri per l’adozione di un emendamento. Per quanto riguarda invece l’esperienza degli Stati federati, anche le costituzioni più rigide, come quella tedesca o americana, prevedono il voto a maggioranza qualificata per l’approvazione di emendamenti.

Perché allora l’Unione europea si comporta diversamente?
La procedura di revisione dei Trattati UE fondata sul consenso di tutti gli Stati membri è stata a lungo presentata come una necessità per legittimare il processo di integrazione europea, mentre i rischi derivanti dell’uso incrociato del diritto di veto sono stati spesso sminuiti come un “falso problema”, dal momento che in 70 anni di storia l’ordinamento europeo è riuscito comunque ad evolversi. In realtà, il consolidamento della regola dell’unanimità si spiega soprattutto alla luce della natura del processo di integrazione europea e delle sue potenzialità. Gli Stati hanno voluto mantenere un diritto di veto su ogni proposta di modifica sostanziale dell’ordinamento UE, proprio perché, a differenza delle organizzazioni internazionali classiche, il processo di integrazione è stato in grado di intaccare gran parte delle competenze nazionali, fino a creare un’organizzazione sovranazionale fortemente integrata e dotata di ampi poteri (anche se limitati e revocabili). Il diritto di veto ha pertanto lo scopo di contenere o comunque controllare le spinte federaliste del processo di integrazione europea.

È chiaro che riformare all’unanimità un’organizzazione composta da 27 Stati membri con interessi e visioni sul futuro dell’Unione profondamente diverse sia del tutto impossibile. D’altra parte, negli ultimi trent’anni la ricerca del consenso unanime nelle conferenze intergovernative ha fatto sì che quest’ultime si concludessero quasi sempre con compromessi al ribasso e la previsione di escamotage(quali opt-out, accordi separati e procedure parallele), onde accontentare tutte le parti. La convocazione di ben cinque conferenze intergovernative tra il 1992 e il 2007 non è la prova che l’Unione europea resta riformabile nonostante l’unanimità, ma al contrario che a causa dell’unanimità è impossibile adottare riforme durature che le permettono di funzionare in modo efficiente a servizio dei cittadini.

Come è stato anticipato, modificare a maggioranza dei Trattati non è un’opzione contemplata nell’attuale quadro giuridico UE. La stessa Corte di giustizia ha affermato nella sua giurisprudenza consolidata che la procedura di emendamento di cui all’art 48 TUE non è suscettibile di deroghe. La soluzione non può essere allora trovata all’interno dell’ordinamento UE, ma deve scaturire dalla volontà politica di un gruppo di Stati membri di procedere verso l’unione politica. Questi potrebbero in prima istanza fare ricorso al diritto internazionale generale a cui anche l’Unione, quale organizzazione internazionale, è sottoposta. Potrebbe venire in soccorso l’art. 30, par. 4 della Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati che disciplina i diritti e gli obblighi degli Stati parti di trattati successivi vertenti sulla stessa materia. Quando un trattato multilaterale viene aggiornato senza il consenso di tutte le parti originarie, è previsto che nelle relazioni fra gli Stati parti di entrambi gli accordi si applichi il trattato successivo, mentre nelle relazioni tra gli Stati parte del trattato di modifica e gli Stati che non vi hanno preso parte si applicherà il primo Trattato. In altre parole la modifica dei trattati UE a maggioranza porterebbe alla creazione di due gruppi di Stati: chi aderisce al nuovo trattato Europa 2.0 e chi rimane vincolato solo ai trattati attuali dell’Europa 1.0.
 

Resta la difficoltà di far convivere per un periodo transitorio il funzionamento delle due Unioni. In teoria, le istituzioni UE potrebbero fare tesoro dell’esperienza pregressa di funzionamento dell’Unione a geometria variabile (in aree quali Schengen, l’Unione economica e monetaria, la cooperazione nell’ambito della giustizia penale) per permettere la convivenza delle due Unioni per un periodo più o meno lungo. In realtà se un gruppo di Stati politicamente rilevante decidesse di varare una riforma ambiziosa dei Trattati UE senza la zavorra del diritto di veto dei governi più euroscettici, è improbabile che alcuni Stati membri decidano di restare fuori a lungo dalla nuova Unione. Il sostegno formale di alcune istituzioni europee, in particolare del Parlamento e della Commissione, consoliderebbe la legittimazione politica di questo processo.

Un’alternativa sarebbe infine la stipulazione di un accordo politico separato dai Trattati UE esistenti, sul modello del Trattato sul Meccanismo europeo di Stabilità o il Trattato sulla Stabilità, il Coordinamento e la Governance, tra gli Stati membri desiderosi di trasferire nuove competenze a livello europeo. Tale Political Compact potrebbe avere l’ambizione di creare nuovi strumenti comuni in grado di esercitare poteri sovrani in ambiti quale la politica fiscale e quella di difesa. Sarebbe necessario evidentemente coinvolgere le istituzioni politiche dell’Unione, in particolare il Parlamento europeo e la Commissione. Anche i governi dovrebbero partecipare, ma accettando di prendere decisioni a maggioranza.

Qualunque soluzione si debba adottare, sulla base delle condizioni che si verificheranno nel processo, il punto fondamentale è che la modifica dei Trattati e il superamento dei vincoli posti dall’art.48 TUE non sono un problema giuridico, ma politico. Per questo è importante che l’ipotesi di una spaccatura che deriverebbe dalla creazione di un trattato di modifica o un trattato separato, comunque da adottarsi a maggioranza, emerga già durante la Conferenza sul futuro dell’Europa, insieme alla volontà politica da parte di alcuni degli Stati membri di costruire una sovranità europea in alcuni settori chiave. E’ questo l’unico modo per non farsi bloccare dall’opposizione di quei governi ancorati alla visione intergovernativa e all’esercizio esclusivo della sovranità politica a livello nazionale.
 
 
 
 
 
 
Sul sito tutte le lettere dal 1997
 
La Lettera Europea è pubblicata in 5 lingue, sotto gli auspici della Fondazione Europea Luciano Bolis ed è un'iniziativa a sostegno della Campagna La nostra Europa federale, sovrana e democratica dell'Unione dei Federalisti Europei e del Movimento Federalista Europeo.
 
 
SITO                                   CONTATTACI

 

 

Noi e il Futuro dell'Europa

Newsletter 14 Giugno 2021

CARE LETTRICI E CARI LETTORI,


La nostra newsletter settimanale Noi e il futuro dell'Europa è stata concepita per contribuire ad una corretta informazione sull’Unione europea e contribuire al dibattito sul futuro dell’Europa a partire dalla Conferenza proposta da Emmanuel Macron nel marzo 2019.

Come sapete, la Conferenza è stata avviata con un anno di ritardo non solo per la pandemia ma per i contrasti fra i governi e il Parlamento europeo che hanno trovato un punto di incontro nella joint declaration del 10 marzo e poi nelle sue regole di funzionamento adottate dal Comitato esecutivo.
Continua a leggere
 

Le nostre richieste ai 433 membri della Conferenza sul futuro dell’Europa


Trascorsi oltre tredici anni dalla firma del Trattato di Lisbona, il sistema europeo – messo alla prova da quattro crisi successive (quella finanziaria e poi economica e sociale, quella del terrorismo di ispirazione islamica, quella dei flussi migratori ed infine quella della pandemia) – deve essere sottoposto ad una profonda revisione per realizzare tre obiettivi principali:
Continua a leggere
 

Una ritrovata solidarietà


La scorsa settimana le sette grandi economie mondiali - G7 - (Regno Unito, Italia, Francia Germania, USA, Giappone, Canada insieme all’Unione europea) si sono riunite a CarbisBay in Cornovaglia, sul mare d’Irlanda per affrontare i principali temi a livello globale.
L’incontro è stato caratterizzato soprattutto dal riavvicinamento di vecchi alleati atlantici – Usa e paesi Europei – da molti auspicato, grazie ad una nuova direzione impressa alla politica estera americana del Presidente John Biden.
Continua a leggere
 

La richiesta di efficienza all’Italia (e non solo)


La velocità nell’esecuzione dei progetti contenuti nel Piano Nazionale (italiano) di Ripresa e Resilienza è certamente di portata vitale per accedere alle risorse potenzialmente rese disponibili per l’Italia dall’Unione europea.
Ma essa può essere resa possibile soltanto in presenza di un’amministrazione pubblica italiana competente.
Continua a leggere
 

VI SEGNALIAMO

IN EVIDENZA 

Continua a leggere
AGENDA EUROPEA
14-20 June 2021

Monday 14 June

Continua a leggere
 
Continua a leggere
 
Continua a leggere
 

LINK E TESTI IN EVIDENZA

Continua a leggere
 
 
 
Continua a leggere
Facebook Facebook
Twitter Twitter
 
Europa in onda - il podcast che ti parla di Europa
 
Podcast di attualità, cultura, generazione Erasmus. Una finestra di approfondimento su tutto ciò che attraversa l'Europa ogni due giovedì del mese.

 Riascolta le prime undici puntate in podcast su: https://anchor.fm/europa-in-onda
Continua a leggere
 
Se questa newsletter non viene visualizzata correttamente, clicca qui.
Newsletter Giugno 2021
Editoriale

Gentili lettrici e lettori,
 
è ormai passato quasi un anno dal momento in cui la sede di Roma del “Centro Politiche Europee” ha iniziato le proprie attività. Purtroppo, le circostanze esterne non hanno certo favorito lo sviluppo di strategie atte a far conoscere maggiormente questa nuova realtà anche in Italia, malgrado il contributo di conoscenza e riflessione della rete “Center for European Policy” (CEP) sia ormai riconosciuto ed apprezzato, piuttosto diffusamente, nell’Unione Europea da più di 15 anni.
 
Questo think tank, nato in Germania, spicca ancora oggi per l’originalità di essere una realtà in grado di dedicarsi, quasi esclusivamente ed in modo sistematico, al favorire la trasparenza e portare avanti analisi e valutazioni degli orientamenti normativi e politici dell’Unione Europea destinati ad avere un impatto diretto sui vari attori della società.
 
L’obiettivo di poter migliorare costantemente questo tipo di lavoro, nonché di contribuire - anche attraverso una migliore comprensione reciproca degli interessi spesso molto diversificati dei Paesi membri dell’UE – allo sviluppo di proposte e soluzioni basate sul massimo possibile consenso nel quadro del modello di economia sociale di mercato, ha indotto da qualche anno il CEP ad aprire delle sedi in un numero crescente di Paesi dell’UE.
 
Questa prima newsletter mensile in lingua italiana vuole essere un ulteriore passo nell’acquisizione graduale di attenzione verso le nostre attività anche in Italia, e confidiamo che molti di voi inizino a seguirci con continuità e siano anche eventualmente interessati a sviluppare con noi progetti di interesse comune nel futuro.
 
Vi auguriamo una buona lettura!
 
Stefano Milia                                                 Andrea De Petris
Direttore esecutivo CEP- Italia          Direttore scientifico CEP-Italia
 
Sotto esame da parte del CEP
Clima & Ambiente
Normativa europea sul clima : obiettivi climatici più severi nell'UE

Il Parlamento europeo e gli Stati membri hanno concordato la prima "Legge europea sul clima" [vedi cepAnalisi 03/2020], che costituirà la base dell'intera futura politica climatica ed energetica dell'UE. Al fine di ridurre le emissioni nette di CO2 in tutta l'UE a zero entro il 2050 (neutralità climatica), l'attuale obiettivo climatico dell'UE di una riduzione del 40% di CO2 entro il 2030 rispetto al 1990 sarà aumentato al 55%. Per raggiungere i nuovi obiettivi climatici dell'UE, molti atti giuridici dell'UE - come quelli sullo scambio di emissioni dell'UE e sull'efficienza energetica - devono essere rafforzati. La Commissione intende pubblicare le sue proposte al riguardo a metà luglio.
L’ultimo Consiglio europeo del 24-25 maggio,.però, ha anche mostrato che continuano ad esservi diverse resistenze, in particolare da parte di alcuni Stati membri.

Comunicato stampa del Consiglio del 05.05.2021
 
Mercato interno & Economia digitale
Le proposte normative europee in merito all’intelligenza artificiale
 
Il 21 aprile la Commissione europea ha presentato la propria proposta di regolamento sull'intelligenza artificiale (IA). Alcune applicazioni IA considerate particolarmente pericolose, devono essere vietate. I sistemi ad alto rischio come i sistemi IA usati nella guida autonoma devono essere autorizzati per essere usati solo dopo una valutazione di conformità. Inoltre, la proposta regola i requisiti che devono essere soddisfatti dai dati utilizzati per addestrare i sistemi IA ad alto rischio.

Pagina web dedicata alla proposta di regolamento
 
Mercati finanziari
Sostenibilità II: nuovi obblighi di relazione per numerose aziende

Il 21 aprile 2021, la Commissione ha presentato una proposta di direttiva sugli obblighi informazione relativi la sostenibilità aziendale. In base a ciò, in futuro circa 49.000 aziende dell'UE dovranno includere informazioni relative alla sostenibilità nei loro rapporti di gestione, molto di più di quelle attuali (circa 11.700 aziende dell'UE). Le società dell'UE che verrebbero soggette all'obbligo di relazione dovranno rispettare degli standard uniformi dettati dall'UE. Inoltre, dovranno sottoporre le informazioni sulla sostenibilità ad una revisione esterna da parte di revisori, società di revisione o fornitori di garanzie indipendenti.

Pagina web relativa alla proposta di direttiva
 
Consumatori & Salute
La Commissione europea sosterrà lo sviluppo e la disponibilità dei farmaci COVID-19
 
La Commissione ha presentato una strategia per sostenere l'approvazione di nuove terapie per il trattamento del COVID-19. In particolare, si mira a garantire una capacità di produzione sufficiente e una produzione rapida pure attraverso i cosiddetti “scambi di intermediazione” tra gli attori dell'industria che lavorano su tali farmaci. In questo contesto, la Commissione si aspetta che quest'anno vengano approvate fino a cinque terapie, intendendo poi anche ripercorrere la via dei contratti di approvvigionamento congiunto.

Comunicazione della Commissione su una strategia UE per le terapie contro il COVID-19
 
Pubblicazioni CEP
Mobilità sostenibile (cepAnalisi del COM(2020)789)
 
L'Unione Europea vuole ridurre le emissioni di CO2 a zero entro il 2050. Anche il settore dei trasporti deve contribuire maggiormente a questo obiettivo. Con la sua "Strategia per una mobilità sostenibile e intelligente: mettere i trasporti europei sulla buona strada per il futuro" (COM(2020)789), la Commissione europea si sta concentrando su un ulteriore inasprimento dei limiti di CO2 per auto, furgoni e camion. Oltre ad altre misure; quali l'abolizione dei sussidi a favore dei combustibili fossili, la Commissione UE sta anche considerando di introdurre per la prima volta un sistema di scambio di quote di emissione (ETS) per il trasporto stradale.

Continua a leggere
Il commercio parallelo dei prodotti farmaceutici ed i suoi problemi nell’UE

Il commercio parallelo di prodotti farmaceutici sta causando vari problemi nel mercato interno dell'UE. Esercenti degli Stati membri con livelli di prezzo più alti comprano farmaci negli Stati membri dove il prezzo e minore per poi rivenderli a prezzi più bassi nel loro paese d'origine ed ottenere così dei vantaggi di mercato.
Il Centre for European Policy (CEP) ha studiato questi problemi ed immaginato alcune soluzioni in linea teorica.

Continua a leggere
La Conferenza sul futuro dell’Europa: un esperimento di maggiore democrazia
 
Il 9 maggio 2021 è ufficialmente iniziata la cosiddetta “Conferenza sul futuro dell’Europa”. L'Unione si sta sforzando per trovare un nuovo percorso comune. La Conferenza, in tale quadro, vuole promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini e la democrazia.
Il Centres for European Policy Network (CEP) presenta una prima analisi sulla percezione pubblica della Conferenza, sia nell’UE nel suo complesso, ma anche specificamente in Germania, Francia ed Italia. Vengono poi evidenziati i temi della Conferenza così come la sua struttura ed il previsto funzionamento.

Continua a leggere
Schema europeo di etichettatura nutrizionale frontale: come favorire il consenso?

La Commissione europea vuole presentare una sua proposta normativa per un sistema uniforme di etichettatura per gli alimenti entro il 2022. La spesso accesa controversia tra i sostenitori di diversi sistemi già utilizzati, però è evidente. Gli istituti del CEP di Roma e Parigi con un “cepInput” comune, intendono rafforzare l’idea di un approccio razionale e pragmatico alla questione, dando così un contributo all’Ue per porre fine a questa disputa, proponendo anche alcune possibili vie alternative.

Continua a leggere
 
 
CEP nei media
„In Danimarca il 26,2% die farmaci proviene dal commercio parallelo"
 
La Newsletter giornaliera di “Panorama della Sanità” riprende l’analisi del CEP relativa alla pratica in espansione del commercio parallelo dei farmaci all’interno dell’UE ed i problemi che ne potrebbero derivare, evidenziando però anche come tale pratica sia oggi ancora distribuita in modo molto eterogeno tra i vari Stati membri dell’Unione e come causi all’UE un complesso conflitto di obiettivi.

Panorama della Sanità del 12 maggio 2021

leggi
 
„Cep: bene Ets per trasporti su gomma, no a standard CO2”

In un comunicato, pubblicato sulle proprie Pagine EUROPA, dall’ANSA vengono messi in evidenza, in particolare, due considerazioni del CEP riportate nella sua recente cepAnalisi in tema di mobilità sostenibile. La richiesta di un ETS separato per il trasporto su strada ed il suo giudizio critico rispetto ad un ulteriore riduzione dei limiti di CO2 per i motori a combustione.

 ANSA.it – EUROPA del 29 maggio 2021

leggi
 
„Conferenza sul futuro dell’Europa: un esperimento di maggiore democrazia"

Articolo che presenta il cepAdhoc pubblicato in occasione dell’inaugurazione ufficiale della “Conferenza sul futuro dell’Europa”. Riportate le opinioni di alcuni degli autori ed alcune delle prime riflessioni del CEP riguardo alle opportunità ed i rischi di questo nuovo strumento promosso dall’UE per coinvolgere maggiormente i cittadini nelle sue scelte.

FASI.BIZ del 10 maggio 2021

leggi
 
„Trasporto marittimo e scambio di quote di emissione"

Approfondimento che riprende l’opinione del CEP in tema di proposte della Commissione europea riguardo l’estensione dell’attuale sistema dello scambio di quote di emissione anche al settore del trasporto marittimo, sottolineando i rischi di un approccio di tipo unilaterale. “
 
Euractiv.it del 30 aprile 2021

leggi
 
„Intervista radiofonica sul tema delle etichette alimentari"

Intervista, nel quadro della trasmissione Caffè Europa, al direttore scientifico del CEP di Roma, Andrea De Petris riguardo al “cepInput” dedicato al tema dell’intenzione dell’UE di varare un’etichetta frontale comune europea per gli alimenti e l’attuale confronto tra i diversi approcci esistenti; in particolare i sistemi NutriScore e Nutri-Inform.“
 
Rai Radio1, puntata di “Caffè Europa” del 24 aprile 2021

ascolta
 
Consultazioni
Clima & Ambiente

09 giugno 2021 : Iniziativa per i prodotti sostenibili
 
Secondo la direttiva Ecodesign [2009/125/CE; vedi cepAnalisi (in tedesco)], i requisiti di sostenibilità possono essere fissati per alcuni prodotti per aumentare la loro efficienza energetica e ridurre il loro consumo di altre risorse come l'acqua. La Commissione vuole ora estendere il campo di applicazione della direttiva oltre i prodotti "legati all'energia" per essere in grado di fissare requisiti di sostenibilità per il maggior numero possibile di prodotti e, se del caso, di servizi.
18 giugno 2021 : Reti di distribuzione del gas - revisione delle norme dell'UE in materia di accesso al mercato
 
Le regole dell'UE per il mercato interno del gas [direttiva 2009/73/CE e regolamento (CE) n. 715/2009; vedi cepInput 06/2019 (in inglese)] devono essere modificate per facilitare l'ingresso sul mercato dei fornitori di gas rinnovabili e a basso contenuto di carbonio.
22 giugno 2021 : Efficienza energetica – Revisione della direttiva sulla prestazione energetica nell'edilizia
 
Gli obiettivi di rendimento energetico dell'UE per l'edilizia [direttiva 2018/844/UE; vedi cepAnalisi 06/2017 (in inglese)] devono essere rivisti per incoraggiare le ristrutturazioni edilizie efficienti dal punto di vista energetico [comunicazione COM(2020) 662 "ondata di ristrutturazioni"; vedi cepAnalisi 04/2021 (in inglese)].
Mercato interno & Economia digitale

22 luglio 2021 : Proprietà intellettuale - revisione delle norme dell'UE in materia di disegni e modelli industriali (direttiva disegni e modelli)
 
Revisione delle norme UE sui disegni industriali - aggiornamento della direttiva sui disegni [(CE) 98/71] e del regolamento sui disegni [(CE) 6/2002]. La Commissione sta considerando, tra l'altro, di estendere la protezione del design ai pezzi di ricambio e alle caratteristiche non percepibili a livello visivo - per esempio i disegni sonori come i jingle.
Consumatori & Salute

22 giugno 2021 : Tassazione del tabacco - accise sui tabacchi lavorati (norme aggiornate)
 
Accise sui prodotti del tabacco - per aggiornare le regole esistenti, come annunciato nel piano d'azione dell'UE contro il cancro. La Commissione considera la tassazione del tabacco come lo strumento più efficace in termini di costi per ridurre il consumo e la diffusione del tabacco. Oltre alla tassazione, saranno affrontati, tra gli altri, il commercio illecito e le preoccupazioni ambientali.
 
Appuntamenti
Istituzionali
 
08 giugno 2021
Riunione della Commissione a Strasburgo - bilancio UE 2022

11 - 13 giugno 2021
Vertice del G7 nel Regno Unito

14 giugno 2021
Vertice della NATO a Bruxelles

17 giugno 2021
Riunione dell'Eurogruppo a Lussemburgo

24 e 25 giugno 2021
Consiglio europeo

Altre iniziative

18 giugno 2021
Sesto incontro della “Piattaforma italiana per la Conferenza sul Futuro dell’Europa” per informazioni: www.movimentoeuropeo.it

 24 giugno 2021 - ore 17:00 - 18:15
Webinar promosso in collaborazione da Villa Vigoni, Centro Politiche Europee  -Roma (CEP) e Associazione Alumni DAAD Italia (ADiT).
 
Presentazione del volume pubblicato da Villa Vigoni: “The Value of Money. Controversial Economic Cultures in Europe: Italy and Germany” Il libro sostiene la tesi che superare la dissonanza degli approcci macroeconomici di Germania e Italia, spesso frutto di incomprensioni all'interno dell'Unione Europea, è un percorso complesso ma necessario. L'incontro sarà introdotto dai saluti dell'Ambasciata tedesca e prevede la partecipazione di Francesco Papadia, economista (Senior Fellow, Bruegel), Simona Piattoni, scienziato politico (Università di Trento) e Antonius Johannes Hubert Notermans, scienziato politico (Tallinn Universiyt of Technology). Moderatore: Andrea De Petris, direttore scientifico Cep Italia.
Il link al webinar sarà disponibile su www.villavigoni.eu.
Citazioni
 
"Siamo l'unica regione al mondo che è riuscita a provvedere sia alla propria popolazione che a condividere equamente con gli altri".
 
La Presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, in merito all'approccio solidale dell'UE riguardo alla distribuzione delle dosi di vaccino contro il COVID-19.
 

 
“Dobbiamo essere orgogliosi del contributo italiano alla crescita e allo sviluppo dell'Unione europea. Senza l'Italia non c'è l'Europa. Ma, fuori dall'Europa c'è meno Italia. Non c'è sovranità nella solitudine. C'è solo l'inganno di ciò che siamo, nell'oblio di ciò che siamo stati e nella negazione di quello che potremmo essere.”
 
Mario Draghi nel suo intervento programmatico del 17 febbraio al Senato della Repubblica
 

 
"I maggiori emettitori di gas a effetto serra come gli Stati Uniti, la Cina e l'UE dovrebbero lavorare insieme per un allineamento mondiale dei prezzi del CO2, per esempio attraverso un sistema di scambio globale di quote di emissione."
 
Prof. Lüder Gerken, direttore generale CEP nei giornali della Funke-Mediengruppe.

 

 
 

[ ... ]

 

Se non riesci a leggere questa email, clicca qui
 
 
newsletter dell'11 GIUGNO 2021
 
 
 
 
 

 

 

Having trouble viewing this email? Click here


english edition

IAINEWS

in this issue:
EU, energy, OSCE

June 2021

Navigating a Covid World: The European Union’s Internal Rebirth and External Quest

Riccardo Alcaro and Nathalie Tocci

The world on which Covid-19 unleashed its destructive force in early 2020 was already one where the EU and its multilateral vision of the world were ill at ease. The devastating economic impact of extensive lockdowns, combined with trends exacerbated by Covid, such as growing geopolitical rivalries and the declining authority of multilateral institutions, bore heavily on Europe’s integration project. However, the risk that the pandemic could have stretched intra-EU ties to breaking point has not materialised. On the contrary, Covid-19 spawned an ambitious integration drive. It is not unreasonable to assume that, in the otherwise horrific legacy of the pandemic, there could also be a more cohesive EU. This may result in a greater capacity of EU institutions to advance ambitious digital and climate agendas, both internally and internationally.

Read more

Articles


Green Deal Watch No. 4

Margherita Bianchi, Lorenzo Colantoni and Luca Franza

The EU is gearing up for the upcoming COP26. The EU’s efforts have become evident during the first months of the Portuguese Presidency, which managed to finalise the fundamental Climate Law and its targets. The presidency motto itself was quite self-explanatory: “Time to deliver: a fair, green and digital recovery”. Nevertheless, it was the Commission that was on the front line; having secured the Climate Law, it reinvigorated the debate on thorny issues, including the Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM). Internally, the lengthy negotiations on key topics, such as the green taxonomy, as well as the limited political appeal of a number of much-needed measures, particularly energy efficiency, has led to a decrease in attention to such issues, which may remain in limbo possibly even until the end of 2022.

Read more

Natural Gas in South-east Asia: Key Trends and Long-term Outlook

Luca Franza and Beni Suryadi

Energy demand is expected to grow significantly in South-East Asia through 2050. The potential for expansion is especially remarkable for natural gas, first and foremost in power generation, followed by industry. Given this increasing gas demand and declining domestic supply, countries in the region are preparing themselves to become net gas importers and are looking into ways to enhance their security of supply. Liquified natural gas will be the preferred source, thanks to its flexibility and wide availability at competitive prices in global markets. However, concerns related to excessive gas import dependency may reduce appetite for additional gas usage in South-East Asia. This would be bad news for local air pollution and climate change as some countries in the region could increasingly rely on coal for their growing energy needs.

Read more

Comprehensive Security and New Challenges: Strengthening the OSCE

Monika Wohlfeld and Fred Tanner

The OSCE could be a very useful tool to address the entire spectrum of new security challenges for its participating States. Its comparative advantage is its comprehensive approach, taking into account its politico-military, economic and environmental, and human rights aspects. These include its unique acquis in transparency and confidence building measure agreements. The recent agreements on three clusters of cyber CBMs are an example, as is the role of the OSCE in election observation across the OSCE area. The notion of election integrity in face of new technologies requires a whole new approach to comprehensive security, that includes countering hate speech and cyber threats and other abuse of digital technology that threatens democratic governance. Finding a way forward on these issues may also help to better address the growing political divisions among the OSCE participating States.

Read more
Read other IAI Commentaries
 

News and events


4 June 2021
Fostering inclusive and sustainable global value chains: The role of the G20

The webinar will offer insights into what it takes for multilateral actors, like the G20 and others, to address and mainstream sustainability into the global production and trading systems. The event is organised in collaboration with UNIDO within the framework of the T20 Spring Roundtables.

Details
9 June 2021
Weathering the storm: The future of the European Union in a rapidly evolving global dis/order

The EU continues to be confronted with a troubled world and is adjusting, with difficulty, to a multipolar system, increasingly ruled by power politics. How can the EU overcome its internal divisions and revitalize its role in the international arena? The webinar will host Aleš Chmelař, Deputy Minister of Foreign Affairs of the Czech Republic and Nathalie Tocci, IAI Director.

Details
Job opportunities

IAI is hiring in the following areas:
» EU, politics and institutions Programme (deadline 23/06/2021)

» Energy, climate and resourses Programme (deadline 30/06/2021)

» Global actors - Asia Programme (deadline 30/06/2021)

 

 
 
European Business Review FOLLOW EBR MAGAZINE ON: Follow us on FacebookFollow us on TwitterSubscribe to our RSS Feeds

EU ACTUALLY     EUROPE     WORLD     BUSINESS     MANAGEMENT     ANALYSES

Welcome to the online edition of the “European Business Review (EBR)”, where journalists and distinguished guest-writers express their views and opinions on European affairs and Business issues with in-depth articles, analyses and commentaries.
Check also EBR's:
Print edition - International edition website - Greek edition website


’We have seen senior EU figures talk about Northern Ireland as if it were somehow a different country to the UK’.

EU: ‘Is Northern Ireland really UK territory?’

The Northern Ireland Protocol, signed separately from the Brexit trade deal agreed at the end of December last year, is supposed to see checks on goods heading into the province from Britain


The G7 are the United States, Canada, the UK, France, Germany, Italy, and Japan.

What is the EU doing at G7?

At the G7 round table, there are actually nine seats. At last week’s three-day G7 summit in Cornwall, two of them were taken by European Council President Charles Michel and Commission President Ursula von der Leyen


"The final compromise text, agreed by EU countries on Friday, left some capitals unhappy with the bloc’s restrictive approach to gas while others refused to support it because it allows too much fossil gas into Europe’s future pipeline network."

Infrastructure dispute reveals deep divisions in EU over gas

The EU’s 27 energy ministers on Friday (11 June) came to an uneasy compromise on the revision of EU rules covering investments in cross-border energy infrastructure, the so-called TEN-E regulation


"As more people – especially women – face new forms of digital harm and abuse, we need new forms of redress for victims."

Digital harm is on the rise

Here’s how we can give victims a pathway to justice


"Governments and business must work together in what could be a second ’Bretton Woods’ moment for the world."

Rebuilding after COVID: The challenge is digital

It is no understatement to say that the technologies of the Fourth Industrial Revolution are causing disruption


 

 

 
 
 

Servizio stampa

Parlamento europeo

Ufficio di collegamento in Italia

 

Disponibile in

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-bg.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-es.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-cs.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-da.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-de.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-et.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-el.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-en.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-fr.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-ga.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-hr.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-lv.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-lt.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-hu.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-mt.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-nl.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-pl.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-pt.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-ro.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-sk.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-sl.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-fi.pnghttp://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-sv.png

 

 

 

 

03-06-2021

TORNATA

Anteprima della sessione del 7-10 giugno 2021, Strasburgo

 

 

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngCertificato COVID-19 UE: viaggiare in sicurezza senza subire discriminazioni

I deputati dovrebbero approvare in via definitiva il certificato digitale COVID-19 dell’UE, per facilitare i viaggi in UE durante la pandemia e contribuire alla ripresa economica.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngBielorussia: il PE discute la reazione dell'UE alla diversione del volo Ryanair

Il Parlamento discuterà con il Capo della politica estera Borrell la risposta UE all’atterraggio forzato di un volo Ryanair a Minsk e all’arresto del giornalista bielorusso Pratasevich.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngVaccini COVID-19: il Parlamento vota la richiesta di revoca dei brevetti

I deputati voteranno una richiesta all'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) di revoca dei diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngPremio LUX del pubblico: il vincitore sarà annunciato a Strasburgo

Il Presidente del Parlamento, David Sassoli, annuncerà il vincitore del Premio LUX del pubblico 2021 nel corso di una cerimonia che si terrà mercoledì a mezzogiorno in Plenaria.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngBiodiversità: obiettivi vincolanti per proteggere esseri umani e fauna selvatica

I deputati discuteranno lunedì e voteranno martedì la nuova strategia dell'UE per la biodiversità 2030, per chiedere una migliore protezione delle aree terrestri e marine dell'Unione.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngBrexit: riserva di adeguamento da 5 miliardi di euro

La Plenaria adotterà il mandato per negoziare con il Consiglio la creazione di un fondo di riserva per aiutare i Paesi UE a contrastare le conseguenze negative dell’uscita del Regno Unito.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngIl PE chiede di rafforzare la difesa UE contro le minacce informatiche

Mercoledì, i deputati discuteranno i recenti attacchi informatici contro le istituzioni UE e le infrastrutture critiche, e adotteranno una risoluzione giovedì.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngI deputati chiederanno di eliminare l’uso delle gabbie negli allevamenti animali

In risposta all'Iniziativa dei cittadini europei "End the Cage Age", il PE discuterà e voterà una risoluzione per porre gradualmente fine all'uso delle gabbie negli allevamenti animali.

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngCechia: il Parlamento chiede un'indagine sulle violazioni dello Stato di diritto

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngEuropa globale: uno strumento unificato per la cooperazione esterna dell’UE

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngVotazione finale sul Fondo sociale europeo + da 88 miliardi di euro

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngUn miliardo di euro a supporto del controllo doganale

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngAffrontare la sotto-rappresentanza delle donne nella scienza e nell'ingegneria

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngG7: il Parlamento discute i preparativi per il G7 e il Summit UE-US

......................................................................................................................................................................................................................................................

 

 

Per ulteriori informazioni

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngOrdine del giorno della sessione

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngVideo in diretta

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngConferenze stampa e altri eventi

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngPiattaforma multimediale del PE

http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngEP Newshub

 

 
 

 

 
 
newsletter del 4 GIUGNO 2021
 
 
 
 
 
PARTNER TECNOLOGICO
 
 
USPI Via Bardanzellu, 95 | 00155 Roma uspi@uspi.it | 06 4071388
 
 
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Il nuovo corso in Israele, Kurz resiste in Austria e il mid-term di Amlo in Messico
4 giugno 2021

Dopo 12 anni ininterrotti alla guida di IsraeleBenjamin Netanyahu viene messo alla porta da un'operazione che attraversa tutto l'arco costituzionale, da destra a sinistra, orchestrata dal leader della destra religiosa Naftali Bennett e dal capo dei centristi Yair Lapid, i quali saranno premier a rotazione. I due hanno costruito una coalizione di 8 partiti che dovrà presentarsi alla Knesset per la fiducia: i grandi temi ideologici rimarranno fuori, ma il rischio di non avere i numeri non è ancora del tutto sventato, ci spiega Daniel Reichel.

In Austria, intanto, una commissione d'inchiesta mette in difficoltà Sebastian Kurz, il cancelliere che governa con i Verdi, alleati sempre più in ombra, ma non fa tremare l'esecutivo, ci racconta da Vienna Francesco Bascone. E dopo due anni di mandato, il presidente Andrès Manuel López Obrador si prepara alla prova di mid-term in Messico, senza davvero un'opposizione pronta a sfidarlo. Questo e molto altro ancora su AffarInternazionali, la rivista dello IAI.

ARTICOLI
 FRONTE DI 8 PARTITI IN ISRAELE
L'operazione Bennett-Lapid mette Netanyahu alla porta dopo 12 anni
 

di Daniel Reichel

Alle 23.25 del 2 giugno Yair Lapid, leader del partito di centro Yesh Atid, ha chiamato il presidente d’Israele Reuven Rivlin per informarlo di avere i numeri per dare un nuovo governo a Israele. “Caro presidente, ci sono riuscito. Ho...

 LA MORSA DEGLI SCANDALI
Kurz è in difficoltà, ma il governo con i Verdi in Austria per ora regge
 

di Francesco Bascone

La prospettiva di una coalizione fra democristiani e Verdi dopo le elezioni del prossimo 26 settembre in Germania trova un precedente nell’alleanza Kurz-Kogler al governo in Austria dal gennaio 2020. Ma le somiglianze si fermano qui.

VOTO DI MID-TERM
Messico: un referendum di metà mandato per López Obrador
 

di Nicola MorfiniRoberto Valladares

Falso messia, messia tropicale, chávista, radicale. Sono solo alcuni degli epiteti con cui la stampa nazionale ed internazionale ha definito il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, meglio noto come Amlo, che domenica 6 giugno affronterà il banco di prova...

IN EVIDENZA
SPECIALE
I volti di Visegrád
 
© 2021 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it
 
04/06/21| Lisez en ligne
 
Retrouvez tous les jours, directement dans votre boîte e-mail, l’essentiel des politiques françaises et européennes – à lire pendant votre pause café !

Vous voulez savoir ce qui se passe du côté de nos voisins européens ? N’hésitez pas à vous inscrire à notre autre newsletter Les Capitales

Aujourd’hui, au programme : présidence portugaise, plastique recyclé, lutte contre la manipulation de l'information
 
Photo : EPA-EFE/MARIO CRUZ
L’Europe ne sera forte que si le sort des citoyens s’améliore, selon le président portugais. À l’approche du Conseil européen les 24 et 25 juin, le dirigeant portugais Marcelo Rebelo de Sousa a qualifié la présidence portugaise du Conseil de l’UE de mission « difficile » avec beaucoup de travail. D’après lui, la force de l’UE dépend de l’amélioration des conditions de vie des citoyens. Lire plus...
 

Favoriser l’installation des femmes en agriculture. Lors d’une table ronde sur le thème « Être agricultrice en 2021 », organisée au Sénat hier, le ministre de l’Agriculture Julien Denormandie s’est dit « favorable à un octroi de la dotation au jeune agriculteur au-delà de 40 ans » pour favoriser l’installation des femmes en agriculture, rapporte La France Agricole.

Le débat faisait partie d’un cycle d’auditions et de tables rondes organisées par la délégation aux droits des femmes et à l’égalité des chances entre les hommes et les femmes au Sénat français depuis le début de l’année. La délégation souhaite élaborer un rapport sur la situation des femmes dans les territoires ruraux et « mettre en valeur des femmes qui, par leur engagement, contribuent au dynamisme de ces territoires ».

Magdalena Pistorius Magdalena Pistorius
Santé et bien-être des animaux : Quel rôle pour la nutrition animale ? Comment l'UE peut-elle stimuler et soutenir l'innovation dans le domaine de l'alimentation animale pour répondre avec succès aux demandes de la société en matière de produits animaux durables et de bien-être animal ? Et comment le potentiel du secteur de l'alimentation animale peut-il être pleinement exploité grâce à une meilleure réglementation ? Réponses dans ce reportage vidéo (en anglais).

Économie circulaire : remplacer le plastique pétrosourcé par du plastique recyclé. Lors d’une conférence organisée jeudi (3 juin) par la Commission européenne dans le cadre de la Green week, l’entreprise Veolia a expliqué utiliser du plastique recyclé dans sa chaîne de production.  Utiliser du plastique recyclé pour la fabrication d’emballages coûte plus cher aux entreprises que de fabriquer du plastique à partir de pétrole, tant le coût de cette matière première est bas. 

Mais l'impact environnemental du pétrole est élevé, et ses effets sur la santé controversés. Introduire du plastique recyclé PET, c'est-à-dire du plastique pétrosourcé, dans la chaîne de production d’un produit est la solution idéale mais elle est difficilement rentable pour une entreprise. Sauf pour TorrePet. La filiale du groupe français Veolia, basée en Espagne, se targue d’être la seule entreprise de la Péninsule ibérique capable « d’accomplir le recyclage complet d’une bouteille en plastique pendant toute sa durée de vie ». Lire plus…

Clara Bauer-Babef Clara Bauer-Babef
Le recyclage des métaux dans l'UE pourrait s'effondrer sous l'effet de nouvelles règles, selon des entreprises. L'industrie européenne du recyclage des métaux pourrait s'effondrer sous l'effet des changements proposés par la Commission européenne en matière de transferts de déchets, qui restreignent les exportations pour encourager le recyclage, ont averti les membres du Bureau international du recyclage (BIR). Lire plus (en anglais)...

Le gouvernement veut créer une agence pour lutter contre la manipulation de l’information et l’ingérence étrangère, à l’approche des élections présidentielles. Cette nouvelle structure anti-fake news devrait voir le jour d’ici à septembre. 

« Il ne s’agit pas de dire si telle information est juste ou pas, ça, c’est le rôle des hommes politiques, des médias et de la justice », a précisé Christophe Bouillon, le Secrétaire général de la défense et de la sécurité nationale (SGDSN), qui en a fait l’annonce hier alors qu’il était auditionné par l’Assemblée nationale. 

Cette agence devrait permettre de repérer les manipulations de l’information par des puissances étrangères et dont l’intention est malveillante, dans un contexte électoral notamment.

Mathieu Pollet Mathieu Pollet
Bruxelles veut mettre en place une identité numérique européenne. Bruxelles a proposé hier un plan pour établir un système d’identification numérique sécurisé utilisable dans toute l’Europe à partir de son téléphone afin d’accéder à des services en ligne ou partager des documents. Lire plus…

Santé publique France et la Plateforme des données de santé (PDS) rejoignent l’infrastructure fédérée européenne d’information en santé (DIPoH). L’agence nationale de santé a annoncé hier la signature, conjointement avec la PDS, du protocole pour « entamer un nouveau chapitre de leur collaboration contributive de l’espace européen des données de santé et réaffirmer leur volonté d’améliorer la santé des populations ». La PDS, ou Health Data Hub (HBH), est une infrastructure créée en novembre 2019, destinée à faciliter le partage des données de santé issues de sources très variées afin de favoriser la recherche.

Ce protocole permet ainsi la « prolongation et pérennisation de l’action conjointe européenne sur l’information sanitaire (InfAct) », lancée en 2018 par la Commission européenne et coordonnée par l’institut de santé publique belge Sciensano. DIPoH (Distributed Infrastructure on Population Health) facilitera ainsi « la collaboration et l’échange de bonnes pratiques entre les pays européens pour les données de santé. »
Anne Damiani Anne Damiani
La Commission européenne met les e-cigarettes à l’épreuve. Un rapport de la Commission européenne évoquant la possibilité que les cigarettes électroniques relèvent de la législation pharmaceutique a relancé le débat de longue date sur les effets de ces nouveaux produits sur la santé. Lire plus ...
 
 
Merci d'avoir lu L'Expresso !
Crédits photo : 2M media/Shutterstock (bannière)
Assurez-vous de passer le mot et venez nous dire bonjour sur les réseaux sociaux.
Website
Twitter
Facebook
LinkedIn
Copyright © 2021 EURACTIV Media Network BV, All rights reserved.
 
 

Noi e il Futuro dell'Europa

Newsletter 31 Maggio 2021

CARE LETTRICI E CARI LETTORI,


La nostra newsletter settimanale Noi e il futuro dell'Europa è stata concepita per contribuire ad una corretta informazione sull’Unione europea e contribuire al dibattito sul futuro dell’Europa a partire dalla Conferenza proposta da Emmanuel Macron nel marzo 2019.

Come sapete, la Conferenza è stata avviata con un anno di ritardo non solo per la pandemia ma per i contrasti fra i governi e il Parlamento europeo che hanno trovato un punto di incontro nella joint declaration del 10 marzo e poi nelle sue regole di funzionamento adottate dal Comitato esecutivo.
Continua a leggere
 

Le carenze del Consiglio europeo (e del Consiglio) nella politica migratoria e i poteri del Parlamento europeo
 

Nel corso della sua prima legislatura 1979-1984 come assemblea eletta a suffragio universale e diretto e dunque agendo a nome delle cittadine e dei cittadini europei, il Parlamento europeo ha usato un potere costituente implicito che lo ha portato ad adottare il 14 febbraio 1984 il “progetto di Trattato che istituisce l’Unione europea” e due poteri espliciti che lo hanno portato a respingere il 13  dicembre 1979 il progetto di bilancio per l’esercizio 1980 adottato dal Consiglio e a presentare il 22 settembre 1982 un ricorso in carenza contro il Consiglio CEE per la mancata attuazione della politica dei trasporti, come parte essenziale per la realizzazione del mercato interno, su cui il Trattato CEE prevedeva una scadenza vincolante alla fine del periodo transitorio.
Continua a leggere
 

Il rilancio dell’economia reale attraverso ricerca, digitalizzazione e turismo   


La sessione del 28 maggio del Consiglio Competitività ha affrontato temi importanti per il rilancio della economia europea. Per i non addetti ai lavori, potrà essere utile una breve spiegazione. Il Consiglio competitività è una delle postazioni consiliari, che ha come compito quello di rafforzare la competitività e la crescita in Europa. A differenza del Consiglio Ecofin che si occupa più degli aspetti finanziari e monetari il Consiglio Competitività tratta questioni riguardanti l’economia reale. Ha dunque un ruolo importante nel rilancio dell’economia europea. Proprio per questo, la sua funzione è complessa e copre diverse politiche, riguardanti tre settori principali: mercato interno, industria e commercio, innovazione-ricerca e spazio.
Continua a leggere
 
Gli Stati membri hanno completato il processo di ratifica dell’aumento del massimale delle risorse proprie fino al 2% del PIL globale europeo.
In ventidue casi c’è stata una ratifica parlamentare ma in cinque casi non è stato necessario un voto parlamentare perché il Trattato precisa che la decisione sull’aumento entra in vigore “dopo la sua approvazione da parte degli Stati membri conformemente alle loro regole costituzionali rispettive”.
Si attendono ora a Bruxelles alcune formali comunicazioni da parte di capi di Stato che non hanno ancora firmato l’atto di ratifica.
Continua a leggere
 

VI SEGNALIAMO

IN EVIDENZA 

Continua a leggere
Continua a leggere
 
Continua a leggere
 
Continua a leggere
 

LINK E TESTI IN EVIDENZA

Continua a leggere
 
 
 
Continua a leggere
Facebook Facebook
Twitter Twitter
 
Europa in onda - il podcast che ti parla di Europa
 
Podcast di attualità, cultura, generazione Erasmus. Una finestra di approfondimento su tutto ciò che attraversa l'Europa ogni due giovedì del mese.

Ascolta la decima puntata di Europa in onda (27 maggio) sul  "Next Generation EU: tra gli errori del passato e le opportunità del futuro"  con ospite Francesco Saraceno, vicedirettore dell'Osservatorio Francese sulla congiuntura economica e...
Continua a leggere
 

It starts in two weeks !  

Only a few days left to subscribe to our new online seminar about Solutions journalism .

A unique opportunity for freelance journalists to sharpen pitches and find story ideas, for reporters in newsrooms to improve their craft, or for aspiring students to learn more about solutions journalism and how to adopt it themselves. 

 

 

THE TRAINER

 

These trainings will be conducted by Catherine Edwards, member of the European Solutions Journalism Network. 

She will be offering personal advice and coaching to all participants. Feel free to ask her real concrete questions about your ongoing work or future projects you’d like to embark on.

Availability is limited, so make sure to book before 9 June to guarantee your place! 

More info : ALL AGENDA

 

  Contact 

Francesca Festa, Head of projects 

f.fest@cafebabel.com

+33 6.67.12.09.28 

 

We look forward to hearing from you !

Keep following Cafebabel on socials

Copyright © 2021 Cafébabel, All rights reserved.

Cafébabel226 rue Saint Denis 75002 Paris FR

 

 
 

Car* Amic*,
oggi Roberto Morrione avrebbe compiuto 80 anni
Festeggiamo simbolicamente questo anniversario ricordando un aspetto della sua vita poco conosciuto: la passione per il cinema.

Era un vero intenditore; studiava le trame, i registi, le cinematografie. Amava approfondire, conoscere fino in fondo, sempre, in ogni campo lo interessasse, anche quello cinematografico.

Conosceva a memoria le pellicole di Akira Kurosawa.  Nel suo studio conservava le locandine dei film che aveva apprezzato: Ghost Dog - Il codice del samurai  di Jim JarmuschBlade Runner di Ridley Scott, I sette samurai di KurosavaBella di giorno di Luis BuñuelLa ragazza della porta accanto di Luke Greenfield.

Il film di Paolo Sorrentino Le conseguenze dell'amore lo aveva folgorato. 

Nei suoi anni a Rai International aveva lavorato proprio alla promozione della cultura cinematografica italiana nel mondo. Abbiamo voluto ripercorrere questo suo pezzo di vita insieme a Luciana Castellina, intervistata dal nostro vice presidente Stefano Lamorgese.

Con lei abbiamo parlato degli anni nei quali lei guidava la Commissione Cultura del Parlamento europeo e lui dirigeva Rai International. Ne é scaturita un'accorataprofonda riflessione sulla politica, sulla sinistra e, grande assente dei nostri tempi, sul rapporto con l'Altro. Parole e riflessioni di cui fare tesoro. 

Buon compleanno Roberto!

Lo sguardo altrove: Luciana Castellina ricorda Roberto Morrione 
 

La vittoria di Roberto Morrione 
di Vittorio Di Trapani

A chi non conosce Roberto Morrione e vuole sapere chi è stato, basterebbe ascoltare i circa 4 minuti di editoriale con il quale – nel 2006, dagli schermi della “sua” Rainews24 – salutò i telespettatori il giorno del suo pensionamento dalla Rai. In quei quattro minuti c’è il compendio di chi è stato Roberto Morrione. Dei valori e del senso della professione che lo hanno animato in tutta la sua carriera giornalistica, e nel suo impegno sociale. Leggi tutto

 

Caro Roberto Morrione ti scrivo 

di Francesco De Augustinis

Caro Roberto, ti scrivo questa lettera anche se, ahimé, non ho mai avuto la possibilità di conoscerti di persona. Eppure ti conosco lo stesso, grazie alle tante esperienze vissute negli ultimi 10 anni in un percorso di vita e professionale che in qualche modo ho condiviso con te attraverso il premio per il giornalismo investigativo che porta il tuo nome.  Leggi tutto

 
I PROSSIMI APPUNTAMENTI CON IL PREMIO MORRIONE:

 9 SETTEMBRE - Roma
GIORNATA SU GIORNALISMO E CITTADINANZA ATTIVA

28 / 29 / 30 OTTOBRE - Torino
GIORNATE DI PREMIAZIONE DECIMA EDIZIONE 
 
 
European Business Review FOLLOW EBR MAGAZINE ON: Follow us on FacebookFollow us on TwitterSubscribe to our RSS Feeds

EU ACTUALLY     EUROPE     WORLD     BUSINESS     MANAGEMENT     ANALYSES

Welcome to the online edition of the “European Business Review (EBR)”, where journalists and distinguished guest-writers express their views and opinions on European affairs and Business issues with in-depth articles, analyses and commentaries.
Check also EBR's:
Print edition - International edition website - Greek edition website


"A real offense for the EU is the high level of prosperity in Switzerland, including the low incomes."

Switzerland and the EU: David and Goliath?

EU politicians fight for the importance of their own position and the EU as an institution


"Europe’s new ’Digital Services Act’ (DSA), Digital Markets Act (DMA) and the recently proposed AI regulation are a big deal for European companies and all companies operating here."

Together with the US, the EU can keep the internet ’open’

Big Tech New internet legislation puts the EU at risk of falling behind the US and China. But together, the US and the EU can reach an international consensus


"Migration is no longer the existential crisis that it appeared five or six years ago. That has allowed national governments to quietly kick the Commission’s plans for an immigration and asylum pact into the tall grass without many people outside Brussels noticing."

Blackmail over borders

When Margaritis Schinas says that “no one can blackmail the European Union”, Morocco and other neighbourhood states might well think that the EU’s Migration Commissioner is bluffing


"The EU executive unveiled a first batch of sustainable finance implementing rules on 21 April, spelling out detailed emission thresholds that companies need to comply with in order to win a climate-friendly investment label in Europe."

Brussels offers EU countries greater say on green finance taxonomy

The European Commission has offered EU member states a greater role in deciding which technologies can be considered a sustainable investment in Europe after narrowly escaping a humiliating defeat last year over draft labelling rules for gas under its green finance taxonomy


"Unable to act on novel ideas themselves, executives at an innovation outpost may feel like hunting dogs because their role is to bark, but someone else must pull the trigger."

Why Do Innovation Outposts Fail?

The steps multinationals can take to create a brokerage environment that fosters innovation