home

   
 
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Colombia a Duque, amministrative in Tunisia, Croce Rossa a Gaza
19 giugno 2018

Con quasi il 54% dei consensi, Iván Duque - delfino dell'ex presidente Alvaro Uribe - è il nuovo presidente della Colombia. Spinto nelle urne dal timore di una deriva venezuelana per l'economia colombiana, Duque riceve il testimone dal premio Nobel Juan Manuel Santos, che ha siglato lo storico accordo di pace con i guerriglieri delle Farc, in un delicato momento di transizione per il Paese sudamericano.

A più di un mese dalle elezioni amministrative in Tunisia, sono stati resi noti i risultati del voto - il primo dalla rivoluzione del 2011 -, che vede protagonista l'astensionismo, mentre le urne faticano a riaprirsi in Thailandia, dove la contestazione alla giunta militare non riesce a organizzarsi in credibile alternativa politica. Dalla Striscia di Gaza, intanto, arriva l'appello della Croce Rossa, mentre in Europa le Chiese si mostrano più avanti dei governi sul fronte dell’integrazione.

ARTICOLI
PRESIDENZIALI, BALLOTTAGGIO
Colombia: elezioni, Iván Duque nuovo presidente
 

di Carmine de Vito

Nel ballottaggio delle presidenziali vince l’estrema destra ‘uribista’ di Ivan Duque con il 53,98% dei consensi, ma la nuova coalizione progressista di Gustavo Petro ‘Colombia Humana’ ottiene un risultato importante, raggiungendo il 41,81% .

UN BILANCIO DELLE AMMINISTRATIVE
Tunisia: elezioni; comuni, vincono astensionismo e indipendenti
 

di Giulia Cimini

L’Alta Istanza indipendente per le Elezioni (Isie) ha finalmente confermato, a metà giugno, i risultati delle elezioni amministrative svoltesi in Tunisia il 6 maggio, dopo il rigetto dei ricorsi presentati per 28 municipalità (su 350). Come previsto, l’astensionismo ha caratterizzato...

TRANSIZIONE VERSO NUOVE ELEZIONI
Thailandia: la fatica del ritorno alla democrazia
 

di Francesco Valacchi

Le proteste di fine maggio a Bangkok, quelle di appena un mese prima a Chiang Mai e l’immediata reazione delle forze armate del Paese dall’altra trasmettono la sensazione di un futuro di instabilità, almeno dal punto di vista politico, per...

INTERVISTA AL PRESIDENTE DELLA CROCE ROSSA
Gaza: Rocca (Cri), l'auspicio di soluzioni pragmatiche
 

di Francesca Voce

Le tensioni nella Striscia di Gaza hanno di nuovo raggiunto nelle scorse settimane un livello pericolosamente alto: a partire dal trasferimento dell’ambasciata degli Usa in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, quasi in concomitanza con la celebrazione della nabka, gli...

PAPA FRANCESCO GIOVEDÌ A GINEVRA ALLA KEK
Chiese europee: un'idea d'Europa più avanzata dei governi
 

di Emmanuela Banfo

Il Consiglio ecumenico delle Chiese (Kek), che quest’anno compie 70 anni, riceverà, il 21 giugno prossimo, a Ginevra, la visita di Papa Francesco. Ad accoglierlo il pastore luterano Olav Fykse Tveit e 150 membri del comitato centrale. Altri due papi,...

IN EVIDENZA
 
SEGNALAZIONE
Alfabeto arabo-persiano, quando le parole raccontano un mondo
 

Alfabeto arabo-persiano. Quando le parole raccontano un mondo, di Giuseppe Cassini e Wasim Dahmash, Egea, 2018, pag. 276, euro 28.

© 2018 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 

Tuesday, 19 June 2018

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

[Planète] L’objectif de 32 % de renouvelables fixé la semaine dernière serait « bien en deçà » de ce qui est nécessaire pour respecter l’Accord de Paris sur le changement climatique.

[Europe sociale] Plus de 300 organisations et un groupe d’eurodéputés appellent les ministres de l’Emploi à accorder leurs violons, afin de commencer les négociations sur la future directive sur l'équilibre entre la vie professionnelle et la vie privée.

[Planète] Oiseaux, chiroptères, habitats naturels, artificialisation, pesticides, espèces invasives… Tous les indicateurs sont au rouge, selon le bilan (https://www.afbiodiversite.fr/fr/actualites/comment-se-porte-la-nature-en-france-en-2018) diffusé ce 18 juin par l’ONB, relayé par notre partenaire, le Journal de l’Environnement. (http://www.journaldelenvironnement.net/article/biodiversite-l-onb-met-l-accent-sur-les-pressions-anthropiques,92251)

Ad

Futur du travail en Europe : demain tous indépendants ?

Venez débattre le 26 juin à la Malterie à Paris ! Informations & inscriptions 

Continue Reading >> .

 

Oiseaux et insectes disparaissent des campagnes françaises [Planète]

L’influence modeste des « fake news » dans les élections italiennes[Politique]

L’équilibre vie professionnelle/vie privée divise l’UE [Europe sociale]

Impossible n’est pas franco-allemand ! [Économie]

32 % de renouvelables, un chiffre insuffisant [Planète]

La moitié des migrants de l’Aquarius veulent l’asile en France[Migrations]

Pour les migrants de l’Aquarius, le périple espagnol a commencé[Migrations]

Nouveau désaveu pour Theresa May face à son Parlement sur le Brexit [Politique]

La Commission reste réticente face aux mécanismes de capacité d’électricité [Planète]

L’Europe et les réfugiés déchirent la droite française [Politique]

Ad

Participez à AUTONOMY, Le Sommet de la Mobilité Urbaine

Autonomy est le rendez-vous annuel des leaders de la mobilité urbaine: professionnels, décideurs publics et citadins. Réservez dès maintenant votre Pass pour la prochaine édition qui se tiendra à Paris du 18 au 20 octobre 2018. 

Continue Reading >> .

Des pêcheurs bloquent les ports pour protester contre la pêche électrique [Planète]

Europe spatiale: la bombe incendiaire de Tom Enders [Économie]

Un rapport du GIEC fuite à un moment politique crucial pour le climat[Climat]

Un accord historique réconcilie Grèce et Macédoine [Monde]

L’aquaculture française s’oriente vers le circuit court [Planète]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR


 

 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 

 

 

 

 

 

 

Agenda

Settimana 18 – 24 giugno 2018

 

 

Riunioni delle commissioni, Bruxelles

 

Riforma del diritto d’autore in UE. Proposte legislative per aggiornare le attuali norme UE sul diritto d'autore saranno sottoposte a votazione da parte della commissione Affari Giuridici. Tali norme mirano a garantire che le opere coperte da copyright siano ben protette sul mercato online e che gli editori siano remunerati in maniera corretta per i testi che pubblicano online. (Mercoledì)

 

Conferenza dei presidenti del PE. La Conferenza dei presidenti del Parlamento (presidente del Parlamento europeo e leader dei gruppi politici) sarà a Vienna per preparare la prossima presidenza del Consiglio austriaco. I leader del Parlamento europeo incontreranno rappresentanti del governo federale austriaco, il presidente dell'Austria Alexander Van der Bellen e rappresentanti del parlamento nazionale austriaco. Discuteranno di migrazione e frontiere esterne, del bilancio a lungo termine dell'UE (QFP), dell'occupazione e dei Balcani occidentali. Infine, parteciperanno a un dibattito con studenti e giovani austriaci. (Martedì)

 

Resistenza antimicrobica. La commissione per la salute pubblica e l'ambiente discuterà del piano d'azione per combattere la resistenza antimicrobica (AMR). L'AMR causa ogni anno nell’UE circa 25.000 decessi con una spesa di 1,5 miliardi di euro di  costi sanitari extra, a causa di fattori quali uso inappropriato di antibiotici nell'uomo o uso eccessivo di antibiotici da parte dei veterinari. Altre situazioni che contribuiscono all'insorgere della resistenza antimicrobica sono le cattive condizioni igieniche nelle strutture sanitarie o nella catena alimentare. (Mercoledì)

 

Migrazione: tratta di donne e bambini. I deputati europei affronteranno il problema della tratta di esseri umani, in particolare donne e bambini con relatori dell'OIM, dell'OSCE e dell'Europol, con il coordinatore dell'UE per la lotta alla tratta di esseri umani ed con altri esperti. Lo stesso giorno, la commissione per le libertà civili analizzerà il rapporto del Centro europeo contro la tratta dei migranti. (Giovedi)

 

Relazioni UE-Cina. La commissione per gli affari esteri inviterà i paesi dell'UE a schierarsi uniti contro i tentativi della Cina di assumere il controllo delle infrastrutture strategiche europee e a basare le proprie relazionic on la Cina sul rispetto dei diritti umani e dello stato di diritto. (Mercoledì)

 

Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE. I deputati europei e i loro omologhi dei parlamenti nazionali degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP) si incontreranno per la 35ª sessione dell'Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE a Bruxelles per discutere di migrazione, crescita demografica, lotta alla xenofobia, razzismo e discriminazione, lotta al terrorismo internazionale e crisi umanitaria nel Sud Sudan. (Da lunedì 18 a mercoledì 19)

 

Agenda del Presidente:

Martedì: Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani sarà a Vienna per la riunione della Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo, dove incontrerà in bilaterale il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, con una conferenza stampa congiunta alle 12:00.

Mercoledì - alle 16. Il presidente Tajani terrà un Facebook live in cui risponderà alle domande dei cittadini sull'importanza e la promozione del patrimonio culturale europeo. Lo stesso giorno, il presidente Tajani incontrerà il Portavoce del parlamento egiziano Mohamed Saad El-Katatny.

 

 

Agenda giornaliera

Agenda degli eventi

 
 

 

 

 

 

 

 

 

t

 

 

 

 

 

 

Comunicato stampa – 15 giugno 2018

 

 

EP_Signature_RGB_IT_IT

30 anni di Premio Sacharov per la libertà di pensiero - Incontri con Yamile Saleh

 

18 giugno 2018
ore: 11.00
Sala dei Mosaici

Via IV Novembre, 149

Roma

 

19 giugno 2018 
ore: 16.30

Sala Conferenze

Corso Magenta, 59

Milano

 

Yamile Saleh, madre del prigioniero politico venezuelano Lorent Saleh, Premio Sacharov 2017, sarà ospite di due eventi organizzati dagli Uffici del Parlamento europeo in Italia a Roma e Milano. Gli incontri si terranno lunedì 18 giugno, alle 11, nella Sala dei Mosaici di via IV Novembre a Roma e  martedì 19 giugno, alle 16.30, nella Sala Conferenze di Corso Magenta a Milano.

 

In occasione del trentesimo anniversario del Premio Sacharov, Yamile Saleh discuterà di diritti e libertà. A Roma interverranno anche Betty Grossi, l’attivista italiana che fu arrestata nel 2015 in Venezuela, e Maria Claudia Lopez(VenEuropa); a Milano ci sarà la presidente di VenEuropa Patricia Betancourt.

 

Nel 2017, durante la sessione plenaria a Strasburgo, il Parlamento europeo ha conferito il Premio Sacharov per la libertà di pensiero ai rappresentanti dell’opposizione democratica in Venezuela. L’opposizione è costituita dall'Assemblea nazionale (guidata da Julio Borges) e da tutti i prigionieri politici figuranti nell'elenco del Foro Penal Venezolano, rappresentati da Lorent Saleh, Leopoldo López, Antonio Ledezma, Daniel Ceballos, Yon Goicoechea, Alfredo Ramos e Andrea González.  Il Venezuela sta attraversando una serissima crisi politica e economica. All'Assemblea nazionale, che aveva una maggioranza contraria al governo, fu tolto il potere e, secondo il Foro Penal Venezolano, ci sono ancora centinaia di prigionieri politici nel paese.

 

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani aveva così commentato la decisione relativa al premio: “Il Parlamento europeo è da sempre in prima linea per difendere e promuovere la libertà, la democrazia e gli altri diritti umani, dentro e fuori i nostri confini. Oggi abbiamo il dovere di denunciare, ancora una volta, l’inaccettabile situazione del Venezuela. Questo Parlamento vuole manifestare la sua vicinanza e rendere omaggio a tutto il popolo venezuelano.”

 

A margine degli incontri tutte le ospiti saranno disponibili per interviste.

 

 

Per accrediti e informazioni scrivere a

ROMA:

epitalia@europarl.europa.eu

stampa

maurizio.molinari@europarl.europa.eu

 

MILANO:

epmilano@europarl.europa.eu

stefania.bertolini@europarl.europa.eu

stampa

valentina.parasecolo@europarl.europa.eu

 

 

 

 

 
 

 

 

 


 
Image
 

Concerto per la libertà di stampa

Suonano Nicola Alesini, La Scoop Jazz Band, il Trio Cercatori di Libertà

Giovedì 21 giugno dalle 19.30 alle 22.30 alla Casa del Jazz di Roma - ingresso libero

 


TI ASPETTIAMO - L’Associazione Ossigeno per l’Informazione è lieta di invitarti ad assistere al Concerto a ingresso libero dedicato alla libertà di stampa e di espressione che si terrà giovedì 21 giugno prossimo, presso la Casa del Jazz di Viale di Porta Ardeatina 55, dalle 19:30 alle 22:30, nella ricorrenza della Festa Europea della Musica. 

 

CHI SUONA - Si esibiranno il sassofonista Nicola Alesini, la Scoop Jazz Band e il Trio “Cercatori di Libertà” (Vittorio Mezza, Gianluca Lusi e Luigi Masciari). Presenta Vittorio Viviani. 

 

I PROMOTORI - Il concerto è promosso dalla Fondazione Musica per Roma in collaborazione con Ossigeno per l’Informazione e la Casa del Jazz. Fa parte del ciclo “Jazz e diritti umani – Musica e parole”. È inserito nel cartellone proposto dall’Assessorato Crescita culturale-Dipartimento Attività Culturali di Roma Capitale per la Festa Europea della Musica 2018. 

 

MANDACI UN “TELEGRAMMA”, LO LEGGEREMO - Durante la serata sarà data lettura dei “telegrammi” che ognuno può inviare per dire qual è a suo avviso il problema più urgente da affrontare per avere una stampa più libera e giornalisti meno condizionati da intimidazioni, minacce, precarietà e altri problemi. I telegrammi non devono superare la lunghezza di 800 caratteri. Possono essere inviati per email a musicaparoleliberta@gmail. com entro il 19 giugno prossimo.

 

INVITA I TUOI AMICI – Sei pregato di estendere questo invito ai tuoi amici e a tutte le persone che amano la musica e la libertà di espressione. 

 

Confidando di incontrarti il 21, ti chiediamo un cenno di conferma della tua presenza. 

 

Con i più cordiali saluti,

Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno

Giuseppe F. Mennella, segretario di Ossigeno

 

Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Scrivi il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro

 

Queste ed altre notizie sul sito di Ossigeno www.ossigenoinformazione.it
 

 
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Aquarius, Trump/Kim, aborto in Argentina, proteste in Giordania
15 giugno 2018

Al termine di un tira-e-molla che ha messo fino all'ultimo in discussione la visita a Parigi, alla fine il premier Conte vedrà oggi il presidente francese Macron, dopo le frizioni dei giorni scorsi sul destino della nave Aquarius con a bordo 629 migranti, ancora oggi nel Mediterraneo. Ma la nuova politica rischia di isolare l'Italia in Europa.

E mentre lo storico vertice tra Trump e Kim a Singapore si rivela più un evento mediatico che il reale inizio di un nuovo corso, in Giordania le proteste di piazza producono un rimpasto di governo, ma toccherà capire quanto la risposta dialogante della monarchia non sia una reazione di facciata. Ieri intanto primo sì - di misura - del Congresso alla legge che, se confermata dal Senato e non bloccata dal presidente Macri, legalizzerebbe l'aborto in Argentina.

ARTICOLI
LA VICENDA DELL'AQUARIUS
Migranti: non crisi ma flusso, l'Italia non si isoli in Europa
 

di Eleonora Poli

In un’Europa già frammentata dai diversi effetti della crisi economica e di sicurezza, il flusso di migranti ha creato profonde divisioni, limitando l’efficacia degli sforzi collettivi come la vicenda dell’Aquarius sta mostrando -. Secondo i dati dell’UnHcr, nel 2017 il...

VERTICE A SINGAPORE
Corea: Trump-Kim, un accordo più farsa che storia
 

di Riccardo Alcaro

Il vertice di Singapore tra Donald Trump e Kim Jong-un sembrerebbe avere tutti i titoli per essere definito ‘storico’. Stati Uniti e Corea del Nord hanno alle spalle una relazione di recriminazioni, ostilità e minacce. I due Paesi hanno combattuto...

VERTICE A SINGAPORE
Corea: Trump-Kim, il successo mediatico ha le sue ombre
 

di Nicola Casarini

L’incontro tra il leader della Corea del Nord e il presidente americano è stato definito un successo dai due protagonisti e questo prima ancora che i colloqui avessero inizio. Perché il vero protagonista di tutto questo è l’evento mediatico in sé, che resterà...

VERTICE A SINGAPORE
Corea: Trump-Kim e i convitati di pietra al loro incontro
 

di Nello del Gatto

Le telecamere di tutto il mondo hanno rilanciato ai quattro angoli del pianeta le immagini dei leader di Stati Uniti e Corea del Nord che si stringevano la mano e sottoscrivevano un accordo durante quello che è stato definito un...

VOTO AL CONGRESSO
Argentina: primo sì per la legalizzazione dell'aborto
 

di Emanuele Torre

Al termine di una storica seduta durata 22 ore, la Camera dei deputati argentina ha approvato il progetto di legge sull’interruzione volontaria di gravidanza. Dopo un serratissimo confronto tra i favorevoli ed i contrari, il sì ha vinto di misura...

IL RE E I MANIFESTANTI
Giordania: proteste, fronte unito contro il governo
 

di Stefania Sgarra

“Governo ladro”, “Sono un cittadino, non un bancomat del governo”, “Non ci inginocchieremo davanti all’Fmi”: sono solo alcuni degli slogan scanditi dai manifestanti in Giordania durante le proteste dei giorni scorsi contro la riforma fiscale e le misure di austerità...

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Ceralacca

 

 
Draghi e la fine del Q.E.  

di Gianfranco Uber

 
IN EVIDENZA
SPECIALE
Governo Conte fra Ue e politica estera
 
© 2018 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 
Newsletter nazionale del Movimento federalista europeo

Indice Newsletter:
  • Le nuove minacce alla sopravvivenza dell’Europa
  • Le iniziative del MFE a sostegno del Presidente Mattarella
  • Senza una vera riforma dell’Unione economica e monetaria l’Europa non potrà avanzare
  • Telegramma del MFE al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

 

 

Commento
_________________________________________________________________

LE NUOVE MINACCE ALLA SOPRAVVIVENZA DELL'EUROPA


Cari Amici e care Amiche,

si è concluso dopo quasi tre mesi l’iter per la formazione del nuovo governo e in Italia si è aperta una nuova stagione politica. Per la prima volta, in un paese fondatore dell’Unione europea sono in carica forze che fanno riferimento al sovranismo nazionale, ossia rivendicano il fatto che l’interesse di ciascun Paese si difende contro quello degli altri partner, in un confronto in cui si misurano i rapporti di forza. Sappiamo che non è il solo caso. Vi sono altri Paesi in Europa in cui hanno vinto forze di questo tipo, e soprattutto negli Stati Uniti il Presidente Trump condivide questi orientamenti; ma con la conquista del potere in Italia, il fenomeno compie un ulteriore salto di qualità. 

Lo scontro in merito alla questione migratoria tra Francia e Italia ne è una dimostrazione. Padrone del campo, il discorso nazionalista usa ogni occasione non per creare le condizioni per risolvere i problemi, ma per alzare il livello di tensione, alimentando anche nei partner reazioni analoghe e toni sempre più accesi. E’ evidente che l’Europa rischia di frantumarsi in questa continua prova di forza finalizzata innanzitutto ad aumentare il consenso alle posizioni sovraniste e al parallelo indebolimento del quadro dell’Unione. Oltretutto, parallelamente a questo comportamento, il nuovo governo italiano introduce anche delle novità nel quadro delle tradizionali posizioni internazionali dell’Italia. La sua ricerca della sintonia con Trump, da una parte, e con la Russia di Putin dall’altra, rischiano di indebolire la già scarsa coesione europea nel contrastare gli attacchi all’Europa di questi due leader. 

La minaccia alla sopravvivenza dell’Europa si è quindi rapidamente spostata su un nuovo fronte. Il governo ha registrato la sconfitta subita (grazie all’intervento del Presidente Mattarella - link al nostro comunicato) sulla questione della moneta unica. In qualche modo, il paventato referendum sull’Euro si è, nei fatti, ormai consumato in Italia, e ha visto la schiacciante vittoria dei favorevoli al rimanere nell’Eurozona. Il tentativo di ricattare l’Europa creando le condizioni per una crisi finanziaria (volta a far saltare le regole dell’Unione monetaria nella speranza di ottenere o ampie deroghe sul deficit e una sostanziale condivisione del debito, o in alternativa regole politiche per eliminare l’incompatibilità dell’uscita dalla Moneta unica con il rimanere nell'UE), è stato al momento fermato, anche per i segnali arrivati dal Paese. Ora, però, il gioco diventa quello di paralizzare l’Unione europea e impedire gli avanzamenti che iniziano a profilarsi come possibili al Consiglio europeo del 27-28 giugno. Dalla Germania arrivano per la prima volta timidi segnalisulla possibilità di trovare un primo punto di incontro con la Francia sul terreno di riforme importanti: innanzitutto per l’Eurozona, ma anche per una maggiore collaborazione nel campo della politica migratoria, insieme alla definizione delle riforme necessarie per rafforzare il Mercato unico, a partire dal dibattito sul nuovo Quadro finanziario pluriennale che entrerà in vigore dal 2021. Nel bene o nel male l’appuntamento del 28-29 giugno sarà decisivo per capire su quali basi lavorerà l’Unione europea di qui alle elezioni europee del 2019, e se si aprono o meno spiragli concreti per una vera riforma. Fare saltare ogni accordo in quella sede, come sembra prepararsi a fare il governo italiano, significa riaprire il vaso di Pandora dell’instabilità su tutti i fronti, incluso nuovamente quello finanziario.

Eppure, paradossalmente, anche per un governo come quello appena insediatosi, la soluzione federale da perseguire dando il via libera a proposte di reale cambiamento, rimarrebbe di fatto l’unica opzione realistica per sbloccare l’impasse europea – se davvero si ricercasse il bene dei cittadini. Far saltare il quadro europeo significa infatti solo portare l’Italia verso il baratro.

Bisogna sfidare dunque il governo su questo terreno. Le stesse forze di opposizione devono rafforzare il loro discorso europeo, anche in vista della preparazione delle elezioni europee dell’anno prossimo, assumendo posizioni chiare e nette, a partire dalla questione della riforma dell’Eurozona, per disegnare il cammino di un’Europa federale che sappia riconquistare il consenso dei cittadini. In gioco sono la sopravvivenza della democrazia, la pace e la stessa civiltà europea.
In attesa di riaggiornarci presto vi saluto cordialmente

Luisa Trumellini
Segretario nazionale MFE
 

Manifestazioni dell'1 Giugno a Roma e Milano
 

 
28/05/2018
Grazie,
Presidente Mattarella
Comunicato stampa del MFE
link

27/07/2018
Messaggio al
Presidente della Repubblica
​sulla formazione del nuovo governo a seguito del primo mandato

link
 

 
Senza una vera riforma dell’unione economica e monetaria
l’Europa non potrà avanzare

Comunicato stampa del MFE
link
 


​2/06/2018
​Telegramma del MFE al
Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

link

 
 
 

 

Thumbnail The Expresso

A bit of news for your morning coffee

gif Matthieu

Killing us softly with their ping-pong tables
Matthieu Amaré, Editor of Cafébabel FR

Where do you draw the line? After or before the foosball table? After accepting the free breakfasts? Or when you agree to do laser tag with your team after hours? It’s hard to tell. But somewhere, somehow, you always end up missing out. We were supposed to party together on Friday, but you told me you were too tired. At first, you didn’t talk about it much. Then, you let it all out. When you accepted this job position, you were happy about the company’s flexible philosophy, their brand impact on Instagram and – of course – the ping-pong table. It was cool. They even gave you a free laptop. You were sure you’d be able to work harder, better, faster, stronger. After all, your salary is worth the extra hours, right? But we all know how these things end. I lost count of how many times my friends have come to me complaining about their jobs. It’s become the core of every conversation. In France, the so-called startup nation that is heavily promoted by Emmanuel Macron, promised freedom, achievement and fulfilment. But in my creative entourage, all I can see is a list of cool job offers that end up making people feel unhappy. Why? 99 reasons, I guess. But when I ask them, all they can say is that it’s “too much”.

 

 

 

 
 
 



 

 

 

 

 

 

 

Comunicato stampa – 14 giugno 2018

 

 

Parlamento ribadisce sanzioni contro la Russia e invita a liberare Oleg Sentsov

 

Nel giorno di inizio della Coppa del mondo di calcio FIFA in Russia, il Parlamento chiede alla Russia di garantire il rispetto dei diritti umani, la libertà di espressione e di riunione.

 

I deputati chiedono alle autorità russe di liberare immediatamente e incondizionatamente il regista ucraino Oleg Sentsov e oltre 70 cittadini ucraini detenuti illegalmente in Russia e nella penisola della Crimea.

 

La risoluzione invita pertanto gli Stati membri dell'UE a rimanere fermi e uniti nell'attuazione delle sanzioni concordate contro la Russia e a prorogarle, e a prendere in considerazione anche misure mirate contro i responsabili della detenzione e del processo dei prigionieri politici.

 

Il Parlamento critica la legge russa sugli "agenti stranieri", in base alla quale le ONG e i media stranieri che ricevono fondi stranieri sono soggetti a un elevato livello di controllo da parte del governo. Si condannano altresì le violazioni del diritto internazionale da parte della Russia nella Crimea occupata, compresa l'applicazione della legislazione russa, la pesante militarizzazione della penisola e le violazioni massicce e sistematiche dei diritti umani. Gli eurodeputati ricordano alla Russia che, in quanto potenza occupante, ha l'obbligo di proteggere i cittadini della Crimea da misure giudiziarie o amministrative arbitrarie e di garantire il rispetto dei loro diritti.

 

La risoluzione non vincolante è approvata con 485 voti favorevoli, 76 contrari e 66 astensioni.

 

Sempre oggi, il Parlamento ha approvato una risoluzione a 10 anni dall’occupazione russa della Georgia.

 

 

 

 

 
 

 

 

Maurizio MOLINARI

Servizio stampa del Parlamento europeo

  maurizio.molinari@europarl.europa.eu

  (+39) 3395300819

  (+39) 06 69950212 (ROMA)

  (+33) 3 881 73937 (STR)

 

 

Thursday, 14 June 2018

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

[Planète] Accord surprise sur les renouvelables entre le Parlement et le Conseil après une nuit de négociations : l’objectif sera de 32 % et l’utilisation d’huile de palme sera interdite dans le transport d’ici 2030.

[Zone euro] La Bulgarie communiquera sa candidature pour rejoindre la zone euro et l’Union bancaire d’ici un an, a indiqué Vladislav Goranov, le ministre des Finances.

[Monde] Alors que les conflits armés se multiplient dans le monde, Paris a lancé le 13 juin une nouvelle stratégie pour la prévention, la résilience et la paix durable dans les pays en développement.

Ad

Participez à AUTONOMY, Le Sommet de la Mobilité Urbaine

Autonomy est le rendez-vous annuel des leaders de la mobilité urbaine: professionnels, décideurs publics et citadins. Réservez dès maintenant votre Pass pour la prochaine édition qui se tiendra à Paris du 18 au 20 octobre 2018. 

Continue Reading >> .

 

La France met les bouchées doubles sur la prévention des conflits[Monde]

Les concessions polonaises toujours insuffisantes pour Bruxelles[Justice]

Les contours de l’expérimentation sur le revenu de base dévoilés[Société]

L’Europe s’accorde sur un objectif de 32% de renouvelables d’ici 2030 [Planète]

Les députés soutiennent le principe de non-régression environnemental [Planète]

Mark Rutte s’oppose à l’approfondissement de l’Union monétaire[Zone euro]

Le Parlement veut conditionner les fonds européens à l’économie circulaire [Régions]

La Bulgarie veut rejoindre la zone euro [Zone euro]

May offre des garanties sur le Brexit aux Tories frondeurs [Politique]

Athènes et Skopje s’accordent sur le nouveau nom de la Macédoine[Monde]

 

Rome dénonce «l’hypocrisie» de la France sur l’Aquarius [Migrations]

Verhofstadt menace de saisir la justice européenne sur la réforme de l’asile [Migrations]

Le Fonds européen pour la pêche maintient le «business as usual»[Planète]

Les chauffeurs routiers risquent de faire les frais de la cuisine politique européenne [Europe sociale]

Entreprises et ONG appellent au respect de l’Accord de Paris [Climat]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 
 
 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

European Alternatives

Cosa pensi che EA dovrebbe fare prima delle elezioni europee del 2019? Inviaci le tue idee entro domani! Ricorda che gli/le iscritti_e di EA possono ricevere un invito per partecipare all'Assemblea aperta di quest'anno a Berlino, e anche al Congresso What comes after the nation state? organizzato il 15 settembre. Fai sentire la tua voce, ti ascoltiamo!


Resistance, movement and invention: siamo pronte_i per il Campus di European Alternatives 2018! Mentre l’Italia sta intraprendendo una direzione pericolosa sul tema migranti, crediamo che sia necessario aprire nuovi spazi per resistere e per agire. Il prossimo mese a Firenze prende il via il #EACampus2018 con training e appuntamenti per la libertà di movimento e per contrastare il discorso d’odio, il radicalismo dell’estrema destra e il razzismo.


Le politiche anti immigrazione di Salvini saranno ostacolate non solo dalla vivace società civile italiana, ma anche dai tribunali e dai sindaci di città come Napoli, Messina o Palermo che hanno già offerto di aprire i propri porti ai migranti. Un'analisi delle nuove politiche italiane sulla migrazione e la posizione dell'Europa, oggi su PoliticalCritique.org


La Repubblica Europa è una EUtopia per il futuro democratico dell’Europa: una repubblica dove tutti i cittadini europei godono di eguaglianza politica. Ulrike Guérot (advisor di European Alternatives) insieme ad altre_i ricercatrici, ricercatori, professoresse e professori, sta conducendo un sondaggio per proseguire la loro ricerca sul futuro dell’Europa e della democrazia. Rispondi al questionario e fai sentire la tua voce nel dibattito europeo: ci vogliono meno di dieci minuti!


Mentre attivisti, sindacati e partiti politici cercano strategie per costruire alleanze in un contesto che vede la crescita di razzismo e di consenso per le estreme destre, il movimento femminista ha dimostrato che esistono modalità per collaborare, agire e mobilitarsi in solidarietà e perseguendo diversi scopi. Abbiamo avuto un confronto con Elżbieta Korolczuk, della Czarny Protest, e Inna Shevchenko, di FEMEN,  sulle intersezioni fra i diversi movimenti femministi che si stanno facendo spazio in questo periodo.


L'UE sta cambiando. Può diventare più democratica? Decidiamolo insieme! Lo scorso 26 Maggio si è tenuta la prima Assemblea della Cittadinanza sulla riforma dei Trattati dell’UE. Il prossimo 23 Giugno si terrà la seconda assemblea nella quale, al termine della discussione e del confronto fra i partecipanti, verranno scritte delle raccomandazioni da presentare ai decisori europei. 
Stiamo ancora selezionando partecipanti! Se sei interessata_o a partecipare, segui il link per scoprire come fare. Ti aspettiamo!


European Alternatives si batte per la promozione di democrazia, eguaglianza e cultura oltre lo stato nazione. Immaginiamo, rivendichiamo e mettiamo in pratica alternative per un futuro sostenibile per l'Europa 

Seguici sui social media: 
     

European Alternatives è: 
 

 


 

 

 

 

 

 

 

Comunicato stampa – 14 giugno 2018

 

 

Il Parlamento europeo è l'istituzione europea più affidabile

 

Secondo un sondaggio diffuso oggi dalla Commissione europea, il Parlamento europeo consolida la sua posizione come istituzione europea più affidabile.

 

I risultati pubblicati oggi dalla Commissione europea, estratti dal sondaggio Eurobarometro della primavera 2018 sul livello di conoscenza del pubblico delle istituzioni dell'Ue, rivelano che il 50% degli intervistati ha dichiarato di fidarsi del Parlamento europeo. Si tratta di un aumento sostanziale di 5 punti rispetto all'autunno 2017, mentre il livello di sfiducia è diminuito del 3% rispetto allo stesso periodo.

 

Durante la legislatura, la fiducia nel Parlamento europeo, sempre secondo i risultati dell'Eurobarometro, è passata dal 34% di maggio 2014 al livello record attuale del 50%.

 

Il sondaggio indica inoltre che il 93% degli intervistati conosce il Parlamento europeo: è molto più di quello che si registra per le altre istituzioni e rappresenta un piccolo aumento rispetto all'ultimo Eurobarometro.

 

L'Unione europea, nel suo insieme, rimane anche più affidabile (42%) rispetto agli organi nazionali di governo (34%).

 

Il Presidente Antonio Tajani ha commentato:

           

"Questo Parlamento sta lavorando per ridurre la distanza tra istituzioni europee e cittadini e sta facendo bene il suo lavoro. Ce lo dicono i cittadini stessi attraverso i risultati dell’Eurobarometro. Negli ultimi sei mesi la fiducia nel Parlamento europeo è passata dal 45% al 50%. Il Parlamento è in assoluto l’istituzione Ue più apprezzata.”

 

“Voglio ringraziare i 751 parlamentari che compongono l’assemblea. Abbiamo dimostrato di saper essere protagonisti mettendo il Parlamento al centro del dibattito per cambiare l’Europa e renderla più efficace.”

 

“In particolare, sull’immigrazione che, come conferma l’Eurobarometro, è in cima alle preoccupazioni dei nostri cittadini, abbiamo contribuito a dare riposte europee. Già a novembre abbiamo adottato un testo di riforma del sistema dell’asilo, compreso il regolamento di Dublino, che concilia fermezza e solidarietà. Abbiamo anche proposto una strategia di breve, medio e lungo termine per fermare le partenze dall’Africa. Il Consiglio non può più rimandare la riforma dell’asilo e deve prendere coscienza che sul governo dell’immigrazione è in gioco il futuro stesso della nostra Unione.”

 

 

 

Link

 

Dichiarazione video del Presidente Tajani (IT)

 

Eurobarometro Commissione europea - primavera 2018 (EN FR DE)

 

Comunicato stampa della Commissione europea (EN)

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

Maurizio MOLINARI

Servizio stampa del Parlamento europeo

  maurizio.molinari@europarl.europa.eu

  (+39) 3395300819

  (+39) 06 69950212 (ROMA)

  (+33) 3 881 73937 (STR)

 

 

[ ... ]

 

 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Trump e Kim a Singapore, G7 all'aria, Italia, Macedonia-Grecia, Venezuela
12 giugno 2018

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader della Corea del Nord Kim Jong-un sono a Singapore per un Vertice che deve chiarire le reali prospettive di denuclearizzazione e distensione geopolitica nella regione. Seppur non in prima linea, la Cina incide sul negoziato dalle retrovie, forte di un legame a doppio filo con Pyongyang.

In Canada il G7 è un flop. E mentre l'Italia del neopremier Giuseppe Conte prima chiede il reintegro della Russia nel G8 salvo fare poi marcia indietro, la Macedonia guarda con fiducia ai Vertici Ue e Nato dell'estate, che - incassata una soluzione nella disputa con la Grecia sul nome del Paese - potrebbero aprirle le porte dell'integrazione euroatlantica.

ARTICOLI
VERTICE A SINGAPORE
Corea: Trump-Kim, la Cina rivendica un ruolo nella pace
 

di Nello del Gatto

Giorni fa, il Global Times, quotidiano in lingua inglese di proprietà del Renmin Ribao (il quotidiano del Popolo, People’s Daily, organo ufficiale del Partito comunista cinese), ha pubblicato un editoriale dal titolo “Is China being marginalized on Korean Peninsula?”. Nell’articolo,...

VERTICE A SINGAPORE
Corea: Trump-Kim, speranze, scetticismi e precedenti
 

di Antonio Bello

Autentico successo dell’era Trump è sicuramente la sua mediazione con il leader nordcoreano Kim Jong-un e la dichiarata volontà di entrambe le parti di trattare nel Vertice previsto il 12 giugno a Singapore. Ricordando, però, quanto accadde nel ’91, anno...

CONTENZIOSI DU DAZI E RUSSIA
G7 Canada: Trump manda tutto all'aria, Conte se la cava
 

di Giampiero Gramaglia

Il professor Giuseppe Conte, presidente del Consiglio italiano, esordiente sulla scena internazionale, senza nemmeno un minimo di rodaggio nazionale, è rimasto fuori dalla foto simbolo del Vertice del G7, svoltosi in Canada, nel Quebec, a Charlevoix, e conclusosi con Donald...

POLITICA ESTERA ITALIANA
Governo Conte: il nazionalismo filo-russo di Lega e M5S
 

di Leone Radiconcini

La nascita dell’Esecutivo presieduto dall’avvocato Giuseppe Conte ha suscitato, in Italia come all’estero, non poche perplessità circa le politiche che verranno poste in essere nel prossimo futuro. Nel contratto di governo sottoscritto fra il Movimento Cinque Stelle e la Lega,...

UE E NATO IN ATTESA
Macedonia-Grecia: passi avanti verso una soluzione sul nome
 

di Ilcho Cvetanoski

Da quasi trent’anni, due Paesi europei tentano inutilmente di risolvere una questione bilaterale considerata da molti come una delle dispute più irrazionali e assurde della storia contemporanea. Vale a dire, la “disputa sul nome” tra la Repubblica di Macedonia e...

SCENE D'UNA CRISI
Venezuela: Gherardi, "Dramma delle mamme bambine"
 

di Emmanuela Banfo

Il dramma del Venezuela di Nicolas Maduro ha anche la faccia delle mamme bambine. Lo racconta Eliana Gherardi, responsabile dell’associazione femminile ‘Damas salesianas’ e consigliera della formazione internazionale delle loro missioni nel mondo. “Il governo – osserva Eliana – dà...

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Finestra sull'Europa

 

 
Gli ulivi cresceranno su Marte con Enea  

di Studenti FiSE

 
IN EVIDENZA
SPECIALE
Governo Conte fra Ue e politica estera
 
© 2018 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 


 
 
 
 
 

Giugno 2018

 
 
 
 

E' uscito il quinto numero di dodo!!!

 
Rivista trimestrale di politiche internazionali ed europee per la gioventù
 
 

Canale Eurodesk su Telegram

 
Ogni giorno una opportunità direttamente sul tuo smarthphone
 
 

NOTIZIE

 
img-10

GIOVANI, ISTRUZIONE E CULTURA: PRESENTATE NUOVE INIZIATIVE UE

La Commissione europea prosegue i lavori per costruire uno spazio europeo dell'istruzione entro il 2025 e presenta una nuova serie di misure...
 
LEGGI
img-10

ERASMUS+: LA COMMISSIONE PROPONE DI RADDOPPIARE I FINANZIAMENTI

Per il prossimo bilancio a lungo termine dell'UE per il periodo 2021-2027, la Commissione europea ha presentato la proposta di raddoppiare i finanziamenti...
 
LEGGI
img-10

YOUTH PROGRESS INDEX

Pubblicato dallo European Youth Forum, l'indice è uno dei primi strumenti sviluppati per offrire un quadro completo di come è la vita di un giovane oggi,..
 
LEGGI
 
 
 

SEGNALAZIONI

 

RAPPORTO OCSE SUI GIOVANI
 

La relazione fa il punto sugli accordi esistenti in materia di governance pubblica per il coinvolgimento e l'emancipazione efficaci e inclusivi dei giovani.Si basa sui dati dell'OCSE relativi ai settori "open government", uguaglianza di..

 
LEGGI

SCAMBI E MOBILITA' NELLO SPORT

Il presente invito a presentare proposte contribuisce all'attuazione dell'azione preparatoria "Scambi e mobilità nello sport" conformemente alla decisione C(2018) 1602/1 della Commissione, del 21...

 
LEGGI

SPAZIO EUROPEO DELL'ISTRUZIONE

Affidato all'Italia il Segretariato dello Spazio europeo dell'istruzione superiore 2018-2020 I Ministri dei 48 Paesi aderenti al Processo di Bologna hanno approvato all'unanimità il nuovo Comunicato di Parigi dello Spazio europeo dell'istruzione superiore...

 
LEGGI
 
 
 
 

APPUNTAMENTI 2018

 

26.GIUGNO

Bruxelles:
"Conferenza ad alto livello: patrimonio culturale in Europa: collegamento tra passato e futuro",
 
LEGGI

8.AGOSTO

Sibiu, Romania::
Formazione dei formatori nell'animazione giovanile come pratica preventiva
dell'estremismo violento e..
 
LEGGI

12.SETTEMBRE

ASEF Summer University, Croazia e Slovenia Viaggio di 2 settimane su "Innovazione interdisciplinare" per studenti e giovani professionisti ..
 
LEGGI

12.NOVEMBRE

XIII Tool Fair #PowerUp Split, Croazia 
La tredicesima edizione di Tool Fair #PowerUp! fornirà un ambiente stimolante per coloro che....
 
LEGGI
 
 
 
 
Eventi della rete Eurodesk
Formazione Erasmus+
Rete Nazionale Italiana Eurodesk
 
 
 
 
La nuova iniziatiiva europea per il volontariato e l'accesso al mercato del lavoro rivolta ai giovani tra i 18 e i 30 anni...
 
LEGGI
Le opportunità di volontariato previste dal programma Erasmus+ dal 2018 solo nei paesi extraUE...
 
LEGGI
Your First Eures Job 5.0
Un progetto che aiuta i giovani che desiderano svolgere un'esperienza lavorativa all'estero e assiste i datori di lavoro...
 
LEGGI
 
 
 
 
 
 
Novità
 
Istruzione
 
Pubblicazioni
 
Iniziative
 
Formazione
 
 
 
 
 
Formazione Erasmus+ portale europeo dei giovani Formazione Erasmus+
 

 

 

 

[ ... ]

 

 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Governo Conte, G7 in Canada, difesa europea, la Spagna a Sánchez
8 giugno 2018

Fiducia nei due rami del Parlamento per il governo guidato da Giuseppe Conte: nei discorsi di Camera e Senato, tuttavia, il premier è andato poco più in là rispetto ai proclami in materia di postura in Europa e ricette di politica estera contenuti nel contratto di governo. Conte debutta intanto già oggi sulla scena globale, in occasione del G7 al via a Charlevoix, in Canada, nella cui agenda rientrano non solo temi classici come protezionismo e tensioni internazionali, ma anche nuovi come l'accento sull'istruzione. Convitato di pietra, ancora una volta, la Russia, a cui il governo "legastellato" che vuole rimuovere le sanzioni contro Mosca guarda con favore.

Nuovo esecutivo anche a Madrid, dove - dopo aver vinto la sfiducia costruttiva nei confronti del governo popolare di Mariano Rajoy - s'è insediato il socialista Pedro Sánchez.

 

Lorenzo Colantoni, autore di AffarInternazionali.it, ha vinto, insieme al fotoreporter Riccardo Venturi, la 58° edizione de Il Premiolino, importante riconoscimento del giornalismo italiano, con il progetto "Italiani d’Europa". Congratulazioni dalla redazione.

 
 
ARTICOLI
IL PROGRAMMA IN PARLAMENTO
Governo Conte: Ue e politica estera, domande senza risposte
 

di Ferdinando Nelli Feroci

Per chi si aspettava qualche maggiore indicazione rispetto al contratto di governo, l’intervento del presidente del Consiglio in Parlamento è stato probabilmente una delusione. Conte si è infatti limitato a declinare diligentemente i contenuti del contratto, in alcuni casi con...

IL PROGRAMMA IN PARLAMENTO
Governo Conte: perché mette a rischio l’Ue e le sue riforme
 

di Eleonora PoliPol Morillas

Dopo quasi 90 giorni dalle elezioni politiche del 4 marzo, il Movimento 5 Stelle (M5S) e la Lega sono finalmente riusciti a formare un governo sotto la guida del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il ritardo è stato causato non...

UN SUCCESSO ANCHE PER L'ITALIA
Difesa europea: con nuovo regolamento, un passo avanti
 

di Michele Nones

Con l’approvazione del Regolamento dell’Edidp 2019-20, il Fondo per lo sviluppo dell’industria europea della difesa, l’Unione europea getta il dado ed entra apertamente nel settore della difesa. Per la prima volta senza sotterfugi si riconosce che la difesa deve essere...

IN CANADA L'8 E 9 GIUGNO
G7: istruzione, è l'ora che i Grandi tornino a scuola
 

di Simone Romano

Ritorno concreto al protezionismo, tensioni internazionali diffuse, instabilità politica e grandi sfide globali come quella ambientale e tecnologica. Su quali tra questi temi dovrebbero concentrarsi in modo prioritario i leader dei Sette Grandi nel Vertice del G7 a La Malbè,...

IN CANADA L'8 E 9 GIUGNO
G7: il Mar cinese meridionale tra Pechino  e Washington
 

di Fabio Caffio

Un conflitto a bassa intensità s’intravvede dietro il confronto ravvicinato tra forze navali statunitensi e cinesi nel Mar cinese meridionale (Mcm). Il contesto è quello della disputa tra Cina e Filippine decisa da un lodo arbitrale nel 2016. Ma gli...

MADRID / BARCELLONA
Spagna: Sánchez, incognite d'un governo senza maggioranza
 

di Elena Marisol Brandolini

In appena una settimana, il quadro politico spagnolo è cambiato radicalmente. Mentre si vanno riempiendo le ultime caselle del governo Sánchez, Mariano Rajoy dichiara la sua definitiva uscita di scena dimettendosi da presidente del Pp. In Catalogna il nuovo governo Torra...

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Ceralacca

 

 
G7 e mezzo: Conte porta la Russia  

di Gianfranco Uber

 
IN EVIDENZA
SPECIALE
Governo Conte fra Ue e politica estera
 
© 2018 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

Friday, 8 June 2018

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

[Économie] La Commission européenne veut rassembler tous les instruments d’investissement de l’UE existants sous la bannière d’un nouveau fonds appelé « InvestEU », qui succèdera au plan Juncker.

[Politique] Le seuil de votes nécessaires aux élections européennes dans les circonscriptions de plus de 35 sièges va être relevé de 2 à 5 %. Un article d’Euroefe. (http://euroefe.euractiv.es/1311_actualidad/5429558_nueva-ley-electoral-europea-podria-castigar-a-los-minoritarios.html)

Ad

Participez à AUTONOMY, Le Sommet de la Mobilité Urbaine

Autonomy est le rendez-vous annuel des leaders de la mobilité urbaine: professionnels, décideurs publics et citadins. Réservez dès maintenant votre Pass pour la prochaine édition qui se tiendra à Paris du 18 au 20 octobre 2018. 

Continue Reading >> .

 

L’Autriche lance des actions contre « l’islam politique » [Politique]

Les Européens arrivent au sommet du G7 sous haute tension [Monde]

Doutes sur le riz OGM miracle contre la malnutrition [Monde]

Bruxelles annonce des mesures de rétorsion sur les produits américains [Commerce international]

La nouvelle loi électorale affecte les partis minoritaires [Politique]

L’UE dit au revoir au plan Juncker, bonjour à InvestEU [Économie]

L’Espagne se dote d’un gouvernement majoritairement féminin[Institutions]

L’aide française à la traîne sur l’égalité homme-femme [Monde]

Juncker attend une présidence autrichienne « pro-européenne »[Avenir de l'UE]

Macron et Trudeau, chantres du multilatéralisme face à Trump[Monde]

Ad

RGDPas? Ou RGDPro?

Pensez à mettre à jour vos préférences pour recevoir les informations qu'il vous faut. 

Cliquez ici! .

L’Allemagne prépare enfin sa sortie du charbon [Planète]

En Italie, le gouvernement Conte prend officiellement ses fonctions[Avenir de l'UE]

Guerre de l’info en mer Baltique [Monde]

L’UE plafonne le coût des appels mobiles [Numérique]

Premier signe d’un franc soutien de la justice au siège de Strasbourg[Avenir de l'UE]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR


 
Ad

Petit-déjeuner débat : Le rôle des marchés de capacité dans la transition vers une électricité propre

Plus d’un an après la publication du paquet législatif « une énergie propre pour tous les Européens » par la Commission, EURACTIV vous invite à poursuivre le débat sur l’état actuel et l’avenir de l’industrie énergétique dans l’UE. Cliquez pour vous inscrire ! 

Continue Reading >> .


 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 

 

 

[ ... ]

 

 
garagEramus Newsletter June 2018

 

Italian going on Erasmus? Get 750 € scholarship!🇪🇺

garagErasmus Foundation is proud to announce its support to "Your Erasmus with ESN", one of the major projects initiated by Erasmus Student Network Italy. We deeply believe in the value of international student mobility and are delighted to fund one scholarship that will be awarded to a distinguished outgoing student. Through this effort, gE aims to give students from various Italian universities an opportunity to engage in an enriching international experience and become a part of the network that transcends borders and unites Europe.

 

➡️ Read more about the project, eligibility and requirements here.

📝 Registration are opening soon!
See more
 

           NEWS          

States General of the Erasmus Generation
On the 9th of May, on the occasion of the States General of the Erasmus Generation, 200 students from all over Europe put forward proposals on different aspects on the future of the Erasmus+ Programme. The event has been preceded by an online discussion, hosted by WeTipp PlatformThese proposals will feed into our actions to make the Erasmus better and more accessible to every European! 

➡️ Read more about the event hereand the proposals here.

📷 Pictures of the event are available here!
Looking for job opportunities?

We've just uploaded hundreds of new vacancies on our platform!
 
➡️  Check them  out here!
 
Moreover the garagErasmus Foundation is creating an innovative way to make the recruitment of the #ErasmusGeneration easier for those companies seeking for international talents through the International Talents Match project! If you want to know more or you want to host this project, get in touch with us!

           PARTNERS          


Support #Erasmusx10 campaign!
Erasmus+ changed the lives of 9 million Europeans. Imagine what can be done with 10 times more budget. The campaign gathers over 40 European-wide networks and civil society organisations representing the major beneficiaries of Erasmus+ programme at all levels. Find out why we need 10x more funding for Erasmus+.

📝 Sign the petition!
EU Events
We have recently signed a partnership with EU Events! They gather in a single, intuitive and access-free web- portal all EU-related events in Brussels, organised by the European Institutions, EU Permanent Representations, regional and national representations, EU agencies, universities, think-tanks, political parties, consultancies, lobbies and NGOs.
 
➡️ Check their website!

           FOUNDATION MEMBERS          


Welcome to University of Milan!
We proudly announce that theUniversity of Milan has joined the Foundation! The University of Milan is a public, multidisciplinary teaching and research institution that offers 8 Faculties, 2 Schools, 136 study courses, 31 Doctoral Programmes and 63 Specialisation Schools.


Do you want to join the foundation?
Are you a company, a University or a municipality? Do you believe in ourmission?
Become an active partner of the Erasmus generation professional network recognised by the European Commission!

📩 Get in touch with us!
 
 
 
 
 
 

 


 
 
Edizione Speciale!
 
Supplemento alla newsletter del mese di Giugno 2018
 

 

 
Partecipazione e Protagonismo dei Giovani 
Convegno sullo Youth Work 
Milano, 12 giugno 2018 


Un anno fa, con il finanziamento della Presidenza della Regione Autonoma della SardegnaEurodesk Italy ha iniziato la pubblicazione di dodo > Rivista di politiche per la gioventù, un periodico trimestrale interamente dedicato allepolitiche europee ed internazionali in favore della gioventù. Dal primo numero in poi, la rivista si è continuamente sviluppata e arricchita, incrementando sia il numero di pagine pubblicate trimestralmente, sia il numero di rubriche fisse e di articoli [http://www.eurodesk.it/dodo]. L'obiettivo che ci siamo prefissati all'inizio delle pubblicazioni, ovvero quello di diffondere informazioni e conoscenze sulle politiche europee ed internazionali per le giovani generazioni in maniera più ampia possibile ed, in particolare, presso quelle aree geografiche dove la circolazione delle notizie è sempre stata più problematica, è stato dunque raggiunto con successo. 
Dopo un anno, abbiamo pensato che sarebbe stata una buona idea festeggiare questo successo e ragionare sul bisogno di una costante e particolareggiata informazione sulle tematiche afferenti al mondo giovanile. Con il contributo dellaRappresentanza a Milano della Commissione europea e con la collaborazione del 
Coordinamento Informagiovani di Anci Lombardia, vogliamo quindi realizzare un'attività, della durata di una giornata, dedicata alle prospettive attuali e future delle politiche e dei programmi europei in favore della gioventù. La giornata è organizzata in due sessioni distinte e collegate: un convegno dedicato allo Youth Work nella mattinata ed un seminario formativo sui programmi di mobilità educativo-formativa per i giovani nel pomeriggio. 

Se le politiche per la gioventù rappresentano il quadro teorico di riferimento per gli interventi in favore delle giovani generazioni, lo Youth Work ne rappresenta la pratica attuativa, al massimo livello di prossimità con i giovani. In mancanza di un quadro normativo nazionale (e, spesso, regionale) non sono molte le occasioni per gli stakeholder del settore gioventù per approfondire la conoscenza sullo Youth Work, ragionare sugli interventi già realizzati dagli enti pubblici del territorio e ampliare lo sguardo di riferimento al futuro Quadro Finanziario Pluriennale dell'Unione europea per il periodo 2021-2027. 

La scheda di registrazione è disponibile alla seguente pagina webhttp://www.eurodesk.it/2018/Milano-dodo

Per approfondire la tematica:

 
 
 
 
 
Novità
 
Istruzione
 
Pubblicazioni
 
Iniziative
 
Formazione
 
 
 
 
 
 
Formazione Erasmus+ portale europeo dei giovani Formazione Erasmus+
 
 
 
 
 
Eurodesk è la struttura del programma comunitario Erasmus+ dedicata all'informazione, alla promozione e all'orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall'Unione europea e dal Consiglio d'Europa. 
 

email: informazioni@eurodesk.it
Telefono: 0706848179

 
 
 
© Copyright Eurodesk 2018
 
 
 

                  

 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Fiducia al governo Conte, Spagna dopo Rajoy, un anno di Qatar isolato
5 giugno 2018

Buona la seconda: il governo "legastellato" guidato dal premier Giuseppe Conte ha giurato al Quirinale e si appresta, fra stasera e domani, a ottenere la fiducia nei due rami del Parlamento. Un'inedita alleanza sovranista alla guida di un Paese fondatore dell'Ue che preoccupa i partner e incuriosisce gli osservatori internazionali.

E per un nuovo premier che si insedia a Roma, un altro fa il suo ingresso a Madrid: passata la mozione di sfiducia costruttiva nei confronti di Mariano Rajoy (alla Moncloa dal 2011), il leader socialista Pedro Sánchez prende le redini dell'esecutivo (di minoranza). Nel Golfo, intanto, è trascorso il primo anno di embargo contro il Qatar, ma l'Arabia Saudita non ha in animo di rompere l'isolamento.

 

 

Il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati è ora in vigore. Se non avete cambiato idea e desiderate continuare a ricevere le newsletter di AffarInternazionali.it, potete ignorare questo messaggio. Altrimenti, cancellate la vostra iscrizione.

 
ARTICOLI
PARALLELO (INATTESO) CON LA GRAN BRETAGNA
Governo Conte: quanto conta l'Italia in Europa
 

di Riccardo Perissich

Quanto conta l’ Italia in Europa? Di fronte a una domanda del genere, si è tentati di rispondere: molto, ma non abbastanza. Prima di dire che la risposta è esatta, attenti all’ambiguità non casuale: “non abbastanza” vuol dire che dovremmo contare...

CONTRATTO E REALTÀ (INTERNAZIONALE)
Governo Conte: quale politica di difesa per l'Italia
 

di Alessandro Marrone

Il nuovo governo di Giuseppe Conte si basa su un contratto tra i partiti di maggioranza che enfatizza gli interessi nazionali nella politica estera e di difesa. Per difenderli e promuoverli nel quadro euro-atlantico, tre sono i fronti prioritari di...

POLITICI E PROFESSORI
Governo Conte: Italia, Europa e i sovranisti al potere
 

di Francesco Bascone

L’economista Cottarelli e la squadra di tecnici da lui proposta sarebbero stati ottimali per tenere in ordine i conti pubblici dell’ Italia e rassicurare l’ Europa. Ma solo nell’ipotesi, utopistica, che in Parlamento l’appoggio di forze moderate e le astensioni...

PASSATA LA SFIDUCIA COSTRUTTIVA
Spagna: dopo Rajoy, le incognite di un governo Sánchez
 

di Isabella Ciotti

“¡Sí se puede!” è stato il grido di gioia dei deputati socialisti e di Podemos poco dopo che Ana Pastor, presidente della Camera, ha dato l’annuncio ufficiale e il vecchio premier ha stretto la mano al nuovo. Sì, si può...

SCONTRO TRA EMIRI
Qatar: un anno dopo, quasi un’isola, ma con molti partner
 

di Eleonora Ardemagni

365 giorni di rottura diplomatica, embargo e boicottaggio: molto è cambiato per il Qatar. Ma non nella direzione che auspicavano le monarchie vicine. Il 5 giugno 2017, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti (EAU), Bahrein ed Egitto rompevano le relazioni diplomatiche...

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Finestra sull'Europa

 

 
 "Spagnoli conquistatori, catalani negoziatori"  

di Studenti FiSE

 
IN EVIDENZA
 
SEGNALAZIONE
L’Iran al tempo di Trump, di Luciana Borsatti
 

“L’Iran al tempo di Trump”, di Luciana Borsatti, Castelvecchi, 2018, pag. 142, euro 16,50.

© 2018 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 

Tuesday, 5 June 2018

Ouvrir dans le navigateur 

image

DERNIÈRES INFOS

[Monde] Isolé au sein des pays du Golfe depuis un an, le Qatar parvient paradoxalement à tirer son épingle du jeu de cette guerre économique, notamment en se tournant vers l'Europe.

[Planète] Fermer brutalement les centrales nucléaires coûte cher lorsqu'il faut développer en parallèle les renouvelables, explique Sébastien Lecornu. Plusieurs nouvelles pistes sont à l’étude et un appel d'offre « ENR et patrimoine » va être lancé. Une interview de La Tribune. (https://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/energie-environnement/aujourd-hui-l-atome-n-est-plus-la-seule-option-sebastien-lecornu-780432.html)

[Zone euro] Valdis Dombrovskis salue les propositions d’Angela Merkel pour renforcer la zone euro. Et souligne les similarités entre les idées de la Commission et de Berlin.

Ad

Participez à AUTONOMY, Le Sommet de la Mobilité Urbaine

Autonomy est le rendez-vous annuel des leaders de la mobilité urbaine: professionnels, décideurs publics et citadins. Réservez dès maintenant votre Pass pour la prochaine édition qui se tiendra à Paris du 18 au 20 octobre 2018. 

Continue Reading >> .

 
Ad

RGDPas? Ou RGDPro?

Pensez à mettre à jour vos préférences pour recevoir les informations qu'il vous faut. 

Cliquez ici! .

 
Ad

Petit-déjeuner débat : Le rôle des marchés de capacité dans la transition vers une électricité propre

Plus d’un an après la publication du paquet législatif « une énergie propre pour tous les Européens » par la Commission, EURACTIV vous invite à poursuivre le débat sur l’état actuel et l’avenir de l’industrie énergétique dans l’UE. Cliquez pour vous inscrire ! 

Continue Reading >> .

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 
 
 

[ ... ]

 

 

 

Monday, 4 June 2018

Ouvrir dans le navigateur /// Gérer vos abonnements

image

DERNIÈRES INFOS

[Planète] Près de 100 milliards d’euros soutiennent la production et la consommation de pétrole, de gaz et de charbon dans les pays du G7. Et ce malgré la promesse de cesser de subventionner les énergies fossiles d’ici 2025.

[Planète] Les eurodéputés veulent plus de renouvelables que les chefs d'Etat. Le compromis devrait se traduire par un objectif de 30 à 33 % d'énergies renouvelables pour 2030.

[Zone euro] Angela Merkel a enfin répondu à Emmanuel Macron sur sa vision de la réforme de la zone euro post-Brexit dans une interview au quotidien Frankfurter Allgemeine Zeitung. Le président français avait détaillé la sienne en septembre 2017. Un article de notre partenaire La Tribune. (https://www.latribune.fr/economie/union-europeenne/reforme-de-la-zone-euro-angela-merkel-repond-enfin-a-emmanuel-macron-780534.html)

Ad

Participez à AUTONOMY, Le Sommet de la Mobilité Urbaine

Autonomy est le rendez-vous annuel des leaders de la mobilité urbaine: professionnels, décideurs publics et citadins. Réservez dès maintenant votre Pass pour la prochaine édition qui se tiendra à Paris du 18 au 20 octobre 2018. 

Continue Reading >> .

 

La Roumanie s’attaque à la mafia du bois [Planète]

Angela Merkel répond enfin à Emmanuel Macron sur la réforme de la zone euro [Zone euro]

Le G7 finance toujours les énergies fossiles [Planète]

En Lituanie, un hackathon pour créer une monnaie de collection numérique [Numérique]

L’environnement et le climat, parents pauvres de la PAC post-2020[Planète]

La coopération franco-allemande devrait être plus technologique[Numérique]

L’OMS revient sur son projet de taxer les boissons sucrées [Société]

Renouvelables : deux options sur la table pour 2030 [Planète]

L’Europe se construit en votant aux élections européennes [Politique]

La refonte de la PAC sous le feu des critiques [Planète]

Ad

RGDPas? Ou RGDPro?

Pensez à mettre à jour vos préférences pour recevoir les informations qu'il vous faut. 

Cliquez ici! .


 
Ad

Petit-déjeuner débat : Le rôle des marchés de capacité dans la transition vers une électricité propre

Plus d’un an après la publication du paquet législatif « une énergie propre pour tous les Européens » par la Commission, EURACTIV vous invite à poursuivre le débat sur l’état actuel et l’avenir de l’industrie énergétique dans l’UE. Cliquez pour vous inscrire ! 

Continue Reading >> .


 
 
 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Conferenza sulla Libia, Colombia e Turchia, Taiwan all'Oms
1 giugno 2018

La Conferenza di Parigi sulla Libia si è impegnata a convocare elezione legislative e presidenziali a dicembre, precedute da un referendum per l'approvazione della Costituzione. Ma il quartetto di leader che, in rappresentanza della varie fazioni del Paese, ha condiviso la Dichiarazione, esprime una strategia debole e non in grado di guidare nessuna transizione.

Torna alle urne anche la Colombia, per il secondo turno delle presidenziali fra Iván Duque e Gustavo Petro, il 17 giugno; mentre il 24 sarà la volta del voto anticipato voluto da Recep Tayyp Erdogan in Turchia. In Serbia è in corso la riunione della Conferenza delle Chiese europee, mentre in Italia la Lega si schiera contro l'esclusione di Taiwan dall'assemblea dell'Organizzazione mondiale della sanità.

 

Il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati è ora in vigore. Se non avete cambiato idea e desiderate continuare a ricevere le newsletter di AffarInternazionali.it, potete ignorare questo messaggio. Altrimenti, cancellate la vostra iscrizione.

 
ARTICOLI
LA CONFERENZA DI PARIGI
Libia: una strategia dall'alto vuota e inefficace
 

di Roberto Aliboni

Si è svolta ieri, 29 maggio, la Conferenza sulla Libia organizzata dal presidente francese Emmanuel Macron a Parigi. Vale la pena tentare di darne una valutazione. La Conferenza si è chiusa con una dichiarazione condivisa da coloro che evidentemente la...

VERSO IL BALLOTTAGGIO
Colombia: presidenziali, la scelta è tra Duque e Petro
 

di Luca García

Come era prevedibile sarà necessario il secondo turno per eleggere il successore di Juan Manuel Santos alla presidenza della Colombia. Al ballottaggio vanno il candidato ‘uribista’ Ivàn Duque con il 39,14% dei consensi e l’ex sindaco di Bogotá Gustavo Petro...

VERSO IL VOTO DEL 24 GIUGNO
Turchia: elezioni, incognite sulla via di Erdogan e dell' Akp
 

di Marco Petrelli

Malgrado sia stata caldeggiata dallo stesso leader dell’ Akp (il Partito per la Giustizia e lo sviluppo), la tornata elettorale del 24 giugno è attesa in Turchia in un clima generale di tensioni, interne ed esterne, che potrebbero inficiare il risultato...

INTERROGAZIONE LEGA/FORZA ITALIA
Taiwan: la grande esclusa dell’Assemblea dell’Oms
 

di Serena Console

Sono 194 i Paesi che quest’anno hanno preso parte alla 71esima Assemblea dell’Organizzazione mondiale della sanità, in programma a Ginevra dal 21 al 26 maggio scorsi, dove i ministri della Salute e le delegazioni dei Paesi membri dell’Oms hanno partecipato...

ASSEMBLEA GENERALE IN SERBIA
Chiese europee: Kek, Negro 'una visione del futuro dell'Europa'
 

di Emmanuela Banfo

Maturare una visione profetica del futuro dell’Europa. L’Assemblea generale della Conferenza delle Chiese europee (Kek), programmata in Serbia, a Novi Sad, da oggi – 31 maggio – al 6 giugno, mette al centro dei suo lavori un’aspirazione alta che tocca...

© 2018 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it