home

 
   
 
 
 
 

Monday, 14 January 2019

Ouvrir dans le navigateur

image

DERNIÈRES INFOS

[Élections européennes 2019] L'Elysée souhaite organiser un grand débat national d'ici la mi-mars pour tenter de sortir de la crise des gilets jaunes. Le président de la République en a dévoilé les grands thèmes dans une lettre aux Français.

La Commission européenne attend des précisions de la Pologne après l’arrestation d’un employé chinois de Huawei et d’un citoyen polonais, tous deux accusés d’espionnage pour la Chine.

[Avenir de l'UE] Le mouvement 5 étoiles lance un nouveau groupe politique au Parlement européen, ciblant les élections européennes. Le créneau est déjà fort encombré, entre le groupe Europe de la liberté et de la démocratie directe (EFDD), les conservateurs et réformistes européens (ECR) ou encore celui d'Europe des nations et des libertés (Rassemblement national)

Ad

Publier votre publicité ici

Vous voulez que vos messages soient lus par les faiseurs d’opinions européens ? EURACTIV offre des solutions publicitaires flexibles adaptées à la bulle européenne bruxelloise ou à un public professionnel paneuropéen. 

Pour plus d’informations, contactez-nous >> .

 

Aux européennes, Le Pen veut «battre Macron» [Élections européennes 2019]

L’austérité touche à sa fin en Europe [Avenir de l'UE]

Washington hausse le ton contre un gazoduc germano-russe [Monde]

Le maire de la ville polonaise de Gdańsk poignardé en public [Société]

L’UE attend des explications de la Chine après un scandale d’espionnage en Pologne

Les océans chauffent toujours plus vite [Climat]

Sept États membres en retard sur leur stratégie énergie et climat[Climat]

Les groupes eurosceptiques se bousculent au Parlement européen[Avenir de l'UE]

Les doutes qui planent sur le commerce international inquiètent les agriculteurs allemands [Économie]

Impôts, services publics, environnement et démocratie au menu du grand débat national [Élections européennes 2019]

 

A la gare de Moûtiers, du Beaufort à toute heure [Régions]

Les paquets de chips, casse-tête du recyclage [Planète]

La Commission soupçonne les Pays-Bas de complaisance envers Nike [Économie]

Quand le Rassemblement national bloque la réforme du transport routier [Europe sociale]

L’immigration, exutoire au mal-être économique européen [Migrations]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 

 
 
   
 
[ ... ]

 

 
 
   
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Fincantieri e Anti-trust Ue, fronte eurodestre, Pniec e trivelle in Italia, Global Compact migrazioni
11 gennaio 2019

L'avvio di una verifica anti-trust sull'acquisizione di Chantiers de l'Atlantique (ex Stx-France) da parte di Fincantieri per costituire un grande gruppo cantieristico europeo in grado di competere sul mercato internazionale mette in difficoltà il titolo del gruppo italiano in Borsa. Da Varsavia, dopo il faccia a faccia tra Matteo Salvini e Jaroslaw Kaczynski, parte intanto il fronte comune delle destre che si preparano alle elezioni europee di maggio: a cambiare potrebbe essere non solo la mappa dei seggi di Strasburgo, ma anche il volto della Commissione europea.

E mentre l'Italia presenta il Piano nazionale integrato sull'energia e il clima a Bruxelles, riparte la campagna contro le trivellazioni in mare.

ARTICOLI
REGOLE, NON SCELTE POLITICHE
Fincantieri-Chantiers de l'Atlantique: anti-trust Ue vaglia integrazione
 

di Michele Nones

La decisione dell’Antitrust europeo di esaminare l’acquisizione dei Chantiers de l’Atlantique (ex STX France) da parte di Fincantieri è stata letta in Italia come una ritorsione politica francese verso alcune scelte del governo italiano e le iniziative di alcuni suoi...

DOPO L'INCONTRO TRA SALVINI E KACZYNSKI
Ue: destre in marcia verso Parlamento e Commissione
 

di Gianni Bonvicini

Al termine dell’incontro con Jaroslaw Kaczynski, capo di Legge e Giustizia (PiS), il partito conservatore oggi al governo in Polonia, il vicepremier italiano Matteo Salvini ha annunciato con grande enfasi che si stava avviando il processo di dare all’Europa “nuovo...

IL PIANO NAZIONALE INTEGRATO
Energia e Clima: Pniec, nulla di nuovo sotto il sole
 

di Nicolò SartoriMargherita Bianchi

Il Piano nazionale integrato Energia e Clima (Pniec) proposto dal governo italiano alla Commissione europea con qualche giorno di ritardo rispetto al termine poteva rappresentare una cartina di tornasole dell’indirizzo del nuovo governo in materia di politiche energetiche e climatiche,...

TRA TUTELA DELL'AMBIENTE E DIFESA DEI CONFINI
Italia: il dilemma delle trivellazioni in mare e l'avanzata dell'Algeria
 

di Fabio Caffio

Con un approccio dissonante rispetto all’Ue e al resto del mondo, in Italia riparte la campagna contro le trivellazioni in mare già svoltasi nel 2013 e durante il referendum del 2016, dopo che il Ministero dello Sviluppo economico ha rilasciato...

COOPERAZIONE MULTILATERALE
Migranti: Global Compact, una vittoria a metà
 

di Enza Roberta Petrillo

Il 10 dicembre 2018 è stato approvato a Marrakech il Global compact for safe, orderly and regular migration il primo atto multilaterale che fissa un piano programmatico globale per la gestione di migrazioni “sicure, ordinate e regolari”. Un “documento equilibrato...

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Ceralacca

 

 
Gilets Jaunes di tutto il mondo...  

di Gianfranco Uber

 
IN EVIDENZA
 
SEGNALAZIONE
Alberto Zanconato, Khomeini, il rivoluzionario di Dio
 

Khomeini, il rivoluzionario di Dio, di Alberto Zanconato, Castelvecchi, 2018, pag.288, euro 22.

© 2019 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 
 
   
 

Friday, 11 January 2019

Ouvrir dans le navigateur

image

DERNIÈRES INFOS

[Planète] Inégalitaire et source d'effets pervers : la distribution des aides agricoles en France est violemment critiquée par la Cour des comptes dans un référé. La chambre demande à ce que la répartition évolue lors de la nouvelle PAC, ce qui n'est pas à l'ordre du jour.

[Europe sociale] La commission transport du Parlement européen n'a pas réussi à trouver de consensus sur le volet social de cette réforme. Les absences répétées des élus RN en commission sont montrées du doigt par leurs collègues français.

[Migrations] Alors que l’actualité migratoire continue de déchainer les politiques, l’OCDE appelle à une meilleure intégration des immigrés.

Ad

Publier votre publicité ici

Vous voulez que vos messages soient lus par les faiseurs d’opinions européens ? EURACTIV offre des solutions publicitaires flexibles adaptées à la bulle européenne bruxelloise ou à un public professionnel paneuropéen. 

Pour plus d’informations, contactez-nous >> .

 

Les paquets de chips, casse-tête du recyclage [Planète]

La Commission soupçonne les Pays-Bas de complaisance envers Nike [Économie]

Quand le Rassemblement national bloque la réforme du transport routier [Europe sociale]

L’immigration, exutoire au mal-être économique européen [Migrations]

Le droit à l’oubli se limite aux frontières européennes [Numérique]

La Bretagne dope l’innovation grâce au Feder [Société]

En cas de rejet de l’accord sur le Brexit, May aura trois jours pour en présenter un nouveau [Politique]

Antibiorésistance : une question de contamination fécale [Société]

Critique au vitriol de la Cour des comptes sur la PAC à la française[Planète]

La Roumanie s’estime prête pour la présidence de l’UE [Institutions]

 

La Roumanie peut-elle entrer dans Schengen dans les mois qui viennent ? [Avenir de l'UE]

Edouard Philippe tente de rassurer l’Allemagne et l’Europe sur les gilets jaunes [Politique]

Un «programme» entre la Ligue et le parti polonais PiS pour les européennes [Élections européennes 2019]

Commerce : les négociations Chine-USA jouent les prolongations[Commerce international]

Bitcoin, ICO : de nouvelles lois nécessaires en Europe selon les régulateurs [Numérique]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 

 
 
   
 
 



The garagErasmus Foundation recently launched the Erasmus Vote Powerproject, co-financed by the European Parliament. The aim of the project is to motivate the #ErasmusGeneration to go to vote for the European Elections, which will take place between 23 and 26 May 2019, by explaining - country by country - the procedure they need to follow.

Are you on an #ErasmusPlus exchange for study or work?
Are you participating in the European Solidarity Corps*?
Are you residing abroad?

You can be the Ambassador of your hosting country
for the #EUelections2019 campaign!


*Participants in the European Voluntary Service (EVS) are also included.

APPLY NOW!
WHY SHOULD I APPLY?
  • Take part into a training event organised inside the European Parliament in Brussels on the 8th of February (travel cap of €100 + accommodation for that night).
  • Receive promotional material on the European elections and how to vote from abroad.
  • Act like and Ambassador and organise your own event in your host-country to spread information.

DEADLINES
Registrations
: 20/01/2019 (applications will be reviewed on a rolling basis; please apply ASAP)
Deadline to buy tickets: 27/01/2019
 
CHECK IT OUT!
or SPREAD THE CALL AMONG YOUR FRIENDS!
 
This project is co-financed by the European Parliament.
Website
Facebook
Twitter
Instagram
 
 
   
 
[ ... ]

 

 
 
   
 
European Alternatives

Il tempo vola! Stentiamo a credere che il 2018 sia già finito. Un anno in cui abbiamo visto l'estrema destra conquistare il Brasile, entrare in diversi Parlamenti in tutta Europa e governare in coalizione in Italia. Il 2019 non sembra promettere di essere più facile, ma siamo pieni di speranza e impazienti di iniziare i nuovi progetti che abbiamo in cantiere per quest'anno. Scoprili qui! A quali progetti parteciperai?


Il neoliberismo sta configurando le città come luoghi per il turismo, gentrificando e smantellando l'ambiente cooperativo dei quartieri. Come affrontano i cittadini di Lisbona questi attacchi alla loro città? Qual è la “città invisibile” di Lisbona? Qualche settimana fa abbiamo partecipato all'evento "Reclaim Europe: Urban perspectives transnational strategies", dove abbiamo girato il nostro ultimo episodio di Talk Real che esamina tutte queste domande sulle lotte urbane, il razzismo e la gentrificazione a Lisbona.


Pechino: cosa vedi quando guardi fuori dalla finestra? Nell'ultimo anno e mezzo, Pechino ha subito una "campagna di abbellimento" durante la quale molte delle sue strade e vicoli sono stati drasticamente cambiati. Nell'ambito di questa campagna, molti bar e spazi sono stati chiusi, spostati o riaperti altrove. Leggi l'ultimo articolo di Matea Grgurinović per Political Critique che esplora i cambiamenti nel paesaggio urbano di Pechino.


Sei un* attivista nel campo dell'arte e della cultura? Hai precedenti esperienze e progetti di promozione dell'uguaglianza di genere attraverso le arti? Se sei anche residente in Svezia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Germania, Georgia, Germania, Georgia o Ucraina, allora questo Forum fa per te! Iscriviti ora per venire a partecipare al nostro ArtGora Forum il 10 aprile a Riga. Il bando sarà aperto fino al 27 gennaio.


Sei un* dottorand* in Studi europei, società civile e movimenti sociali? Allora non perdere questa opportunità di lavoro alla London School of Economics and Political Science - LSE! I candidat* selezionat* lavoreranno a stretto contatto con il team di EA. Non vediamo l’ora di lavorare insieme su nuovi progetti nel 2019!


Come parte del nostro progetto Co-Creation, i nostri partner di Tesserae stanno organizzando una conferenza per indagare pratiche e riflessioni che possono aiutare a comprendere e studiare criticamente la co-produzione e la co-creazione a livello di comunità. La conferenza (Im)possible Complicities cerca idee che nascono dalla pratica e dall'impegno concreto in contesti territoriali di disagio. Invia la tua proposta entro il 15 febbraio!


European Alternatives si batte per la promozione di democrazia, eguaglianza e cultura oltre lo stato nazione. Immaginiamo, rivendichiamo e mettiamo in pratica alternative per un futuro sostenibile per l'Europa 

Seguici sui social media: 
     

European Alternatives è: 
 

 

 

 

 
 
   
 

Wednesday, 9 January 2019

Ouvrir dans le navigateur /// Gérer vos abonnements

image

DERNIÈRES INFOS

[Élections européennes 2019] Pour enrayer leur perte de crédibilité, les partis français envisagent des candidats de plus en plus jeunes pour les représenter. Une stratégie qui risque de peser sur l'influence française déjà affaiblie.

[Politique] Très discuté lors des dernières réunions du Conseil de l'UE, le respect de l’état de droit, n’était pas au programme de la dernière rencontre des ministres des Affaires européennes, sous l’égide de la présidence roumaine. Varsovie respire.

[Monde] L’UE se penche sur les « possibles implications » d’un changement de protocole diplomatique américain. Le statut de l'ambassadeur européen a dégringolé au rang de celui d'une organisation internationale, derrière tous les ambassadeurs d'Etat.

Ad

Publier votre publicité ici

Vous voulez que vos messages soient lus par les faiseurs d’opinions européens ? EURACTIV offre des solutions publicitaires flexibles adaptées à la bulle européenne bruxelloise ou à un public professionnel paneuropéen. 

Pour plus d’informations, contactez-nous >> .

 

La démocratie italienne en déshérence [Politique]

Les Fintech françaises ont récolté 365 millions d’euros en 2018, un nouveau record

En visite en Pologne, Salvini veut faire croître son groupe parlementaire eurosceptique [Élections européennes 2019]

La présidence roumaine ne compte pas s’intéresser à l’état de droit[Politique]

Bilan moyen sur l’environnement pour la présidence autrichienne de l’UE [Climat]

L’UE envisage de laisser du temps aux compagnies aériennes en cas de Brexit sans accord [Politique]

L’UE inflige des sanctions à l’Iran en rétorsion à plusieurs complots[Monde]

En Autriche, la coalition gouvernementale tire la droite vers l’extrême-droite [Élections européennes 2019]

Washington a discrètement déclassé l’UE de son statut protocolaire[Monde]

À Lesbos en Grèce, le camp de Moria ou «l’enfer sur terre»[Migrations]

 

Le scrutin européen frappé d’une crise de jeunisme [Élections européennes 2019]

Le Kazakhstan mise sur l’investissement étranger [Monde]

Abandonnés en Méditerranée, des migrants cessent de s’alimenter[Migrations]

La Lettonie peine à se trouver un gouvernement [Politique]

Seuls 18% des Britanniques sont favorables à l’accord du Brexit[Politique]

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 
 

 

 
 
   
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Brexit e difesa europea, Usa nello spazio, elezioni in Ucraina
8 gennaio 2019

Buona la seconda? Dopo l’iniziale rinvio, il mese scorso, la Camera dei Comuni del Regno Unito voterà il prossimo 15 gennaio sull’accordo sulla Brexit negoziato da Londra e Bruxelles. Storicamente recalcitrante sulla difesa europea, adesso il governo di Sua Maestà si trova col cappello in mano, nella speranza di partecipare ai meccanismi decisionali della cooperazione militare nell’Ue.

Aspettando di trovare un segretario alla Difesa, dopo le dimissioni di Jim Mattis, Donald Trump fa intanto passi avanti verso la costituzione di una Space Force come sesta Forza armata degli Stati Uniti, mentre in Ucraina ci si prepara alle elezioni di fine marzo. Yuliya Timoshenko, pasionaria della rivoluzione arancione del 2004 ed ex premier, corre da favorita, nonostante l’impopolarità.

ARTICOLI
ASPETTANDO IL VOTO A WESTMINSTER
Brexit: sulla difesa europea una scelta di fondo per l’Ue
 

di Federico Santopinto

La nebbia è fitta sulla Manica, mentre arriva l’annuncio che – dopo l’iniziale rinvio del mese scorso – la Camera dei Comuni voterà il prossimo 15 gennaio sulla proposta di accordo per l’uscita dal Regno Unito dall’Unione europea negoziata con Bruxelles...

AMERICA FIRST NELLO SPAZIO
Usa: Trump, uno Space Command in attesa della Space Force
 

di Mario Arpino

Sotto alcuni aspetti, la politica di Donald Trump potrebbe essere meno discontinua e anche meno improvvisata di quanto il suo modo di proporla ce la faccia apparire. Prima di Natale, il presidente, nella sua capacità costituzionale di Comandante Supremo, ha  dato...

VERSO LE PRESIDENZIALI DI MARZO
Ucraina: candidati, Yulia avanti, ma non c'è favorito
 

di Eleonora Febbe

Le elezioni presidenziali del 31 marzo 2019 in Ucraina saranno influenzate dalla crisi con la Russia e dall’insoddisfazione dell’elettorato per la situazione economica, ma anche per la gestione politica, dopo quel tumultuoso 2014, quando le proteste di Euromaidan portarono al rovesciamento...

CONTRADDIZIONI E SFIDE
Consapevolezza, conoscenza e faticosa ricerca del nostro bene
 

di Emmanuela Banfo

Siamo come i pesci di Wittgenstein, “gli ultimi ad accorgersi dell’acqua”, gli ultimi a capire veramente quello che accade attorno a noi e gli ultimi a sapere porre rimedio alle criticità. Razionali nella ricerca di sempre nuovi strumenti tecnologici; irrazionali,...

MERCI LIBERE, PERSONE NO
Migranti: le politiche dell'Ue vs un Mediterraneo europeo
 

di Mario Savina

Il Mediterraneo costituisce per l’Europa una regione periferica, un prolungamento strategico ed economico, ma anche una frontiera umana e culturale. E se lo spazio economico si vuole aperto verso sud, l’invenzione dell’Europa come spazio umano, sociale e culturale, fondato sulla...

IN EVIDENZA
 
SEGNALAZIONE
Partnership IAI-Eni, Pietro Quercia vincitore borsa di studio
 

Pietro Quercia è il primo laureando selezionato per la realizzazione di una tesi su energia, clima e risorse, nel quadro della partnership IAI-Eni. Una percorso che coinvolgerà lo studente – attualmente impegnato sulla specialistica in European and International Studies all’Università...

© 2019 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 
 
 


 

PRESSENZA
Agenzia Stampa Internazionale

::: 2018 :::
Agenzia stampa internazionale per la pace, la nonviolenza, l'umanesimo e la nondiscriminazione con sedi a Atene, Barcellona, Berlino, Budapest, Buenos Aires, Hong Kong, Milano, Monaco di Baviera, Lima, Londra, Madrid, New York, Parigi, Porto, Quito, Roma, Santiago, Sao Paulo e Vienna.

Notizie:

.

Seguici:

 

Mimmo Lucano: chiuse le indagini preliminari, la Procura di Locri insiste nell’attacco al modello Riace

Condividi
Tweet
Condividi

Il Pubblico Ministero Michele Permunian ha chiuso  l’inchiesta “Xenia” sul Comune di Riace; qualcuno fa notare in tempi piuttosto brevi e quasi in concomitanza con la richiesta di conferire il Premio Nobel per la Pace a Riace.

Il PM ribadisce alcune accuse che il Giudice per le Indagini Preliminari ha già ritenute infondate nel conferire i domiciliari al Sindaco di Riace e insiste nel fare conti che lo stesso GIP ha ritenuto un evidente errore materiale di calcolo.

Leggere di più

 
 

Come trattarsi di fronte al mondo che cambia vorticosamente

Condividi
Tweet
Condividi

Esiste una grande varietà di modi con cui si organizzano le relazioni umane e quindi una quantità notevole di modi di trattarsi. Esistono, inoltre degli ambiti condizionanti che facilitano, o no, il modo di trattarsi: la famiglia, il lavoro, la scuola, gli ambiti di amicizia e vita sociale e via dicendo.

Sicuramente il vecchio mondo che se ne è andato aveva prodotto una serie di regole che stabilivano come trattarsi: la buona educazione, la cortesia, il rispetto degli anziani, le leggi, le consuetudini; era poi un mondo relativamente stabile (per esempio quello in cui mi sono formato io, cinquantanni fa), dove le cose cambiavano ma con una “ragionevole” lentezza e dove le nuove idee si integravano con la dovuta calma. In quel mondo si sono formati, ad esempio, i riformisti, cioè coloro che credevano che le cose si potessero cambiare con delle oculate riforme, un po’ per volta.

Leggere di più

 
 

Albania: rimpasto di governo e studenti

Condividi
Tweet
Condividi

Uscirò in piazza con gli studenti, anzi, sarò io a capeggiare la protesta”, questa una delle ultime esternazioni del primo ministro Rama, il quale, temendo un inoltrarsi della protesta degli studenti, prima etichettati come “pigri mentali”, adesso si ritrova a fare il ruolo della vittima, facendo un rimpasto di governo (otto ministri su dodici), “colpevoli” di aver nascosto al capo del governo la situazione reale del paese.

Sul proseguimento della protesta e su le sue implicazioni abbiamo intervistato Anita Lushi una delle attiviste del movimento per l’università.

 
Pressenza © 2018
Agenzia Stampa Internazionale



Si permette la diffusione dei contenuti citando la fonte


Se vuoi collaborare con noi:

www.pressenza.com |

 

 

 
 
 
View this email in your browser

Newsletter Europa Insieme
N.1 - Gennaio 2019

Editoriale

Lo schiaffo al Terzo Settore non è stato una “svista”

 

Fra i tanti slalom compiuti dal governo Conte nella Legge di Bilancio vi è quello relativo alla tassazione agevolata per gli enti cosiddetti del Terzo Settore (ETS) a cui si è applicata finora un’aliquota IRES del 12% e che il Presidente del Consiglio avrebbe voluto equiparare ai profitti di tutte le imprese raddoppiando l’aliquota al 24% con un maggiore introito per lo Stato di 120 milioni di Euro nel 2019.

Con una insostenibile leggerezza la sottosegretaria Castelli aveva tentato maldestramente di difendere l’eliminazione della tassazione agevolata affermando che essa avrebbe riguardato “solo i profitti degli enti non profit” e dimenticando che la legge vieta a tali enti di fare profitti obbligandoli a impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione di attività istituzionali.

Solo dopo le vivaci proteste di tutto il settore degli enti non profit, prima il vicepremier Di Maio e poi lo stesso Conte – autore della sciagurata decisione – hanno pre-annunciato lo slalom chiarendo che il raddoppio resterà nella Legge di Bilancio per il 2019 ma che esso sarà “rivisto nel primo provvedimento utile” poiché l’entrata in vigore della Legge entro il 31 dicembre 2018 ne ha impedito la cancellazione immediata.

La norma è dunque provvisoriamente vincolante dal 1° gennaio 2019 e si applicherà alle oltre trecentomila associazioni di promozione sociale, fondazioni, organizzazioni del volontariato, ONLUS, imprese sociali, ONG, che operano in Italia con più di un milione di addetti e cinque milioni di volontari,  generando un reddito di decine di miliardi che provengono solo in piccola parte dal settore pubblico.

L’aumento delle diseguaglianze, l’invecchiamento della popolazione, lo spopolamento delle aree interne, la riduzione drastica delle entrate dei comuni con il calo drammatico degli investimenti sociali di lunga durata, i tagli nella cultura e nei beni pubblici di natura sociale, la necessità e l’urgenza di sostenere le politiche di accoglienza e di inclusione dei nuovi cittadini hanno reso ancora più indispensabile l’azione di questi enti.

E’ bene che si sappia che l’emendamento Conte alla Legge di Bilancio con il raddoppio dell’IRES per gli Enti del Terzo Settore non è stato il frutto di un errore ma che esso  fa parte di una più ampia politica del governo giallo-verde che tende a colpire ed a marginalizzare ampi settori della società italiana simbolo della solidarietà e dell’economia sociale, come è avvenuto con il Decreto Sicurezza per l’esperienza degli SPRAR o per i comuni dell’accoglienza rappresentati prima da Badolato e poi da Riace o per l’azione delle ONG nel Mediterraneo o, infine, per i cosiddetti Enti Internazionalistici che cooperano con il Ministero degli Affari Esteri e, in particolare, per il Movimento Europeo. In questo spirito, la decisione del governo di non consultare i cittadini italiani e più specificatamente le organizzazioni rappresentative della società civile sul futuro dell'Europa (unico governo ad aver agito in questo modo in Europa), rientra nella politica dell'attuale maggioranza di ignorare la dimensione della democrazia partecipativa.

E’ bene che si sappia che il governo Conte non si è limitato a tentare il colpo di mano sul raddoppio dell’IRES per gli Enti del Terzo Settore ma che ha bloccato le misure di attuazione del Codice del Terzo Settore – che aveva ottenuto, per la parte relativa alle agevolazioni fiscali, l’accordo dell’Unione europea – pur sapendo che le nuove disposizioni entreranno in vigore il 1° gennaio 2019 e che il mancato completamento legislativo italiano creerà confusione e inefficienze nel settore alla vigilia della progressiva armonizzazione europea nel 2020.

Lo spazio unico senza frontiere, anche fiscale, esige norme comuni europee non solo sulla tassazione delle imprese sociali ma anche sulle donazioni, le successioni, l’IVA e l’organizzazione del volontariato per non parlare della tassazione delle rimesse degli immigrati nei paesi di origine.

Dovremo seguire con attenzione, giorno per giorno e legge per legge, l’azione del  governo a partire dal “primo provvedimento utile” necessario per ripristinare la tassazione agevolata dell’IRES agli Enti del Terzo Settore immaginando azioni di disobbedienza fiscale collettiva nel caso in cui il governo tenti un  nuovo colpo di mano.

Dovremo infine riflettere sull’opportunità dl una petizione al Parlamento europeo che sarà eletto il 26 maggio 2019 (al cui interno agisce già un intergruppo del Terzo Settore) e – dopo l’approvazione del nuovo regolamento per le iniziative di cittadini europei –  su una proposta di legge popolare europea che apra la strada ad una riorganizzazione del settore in Europa a cominciare dal volontariato sostituendo il “servizio volontario europeo” con un vero e proprio “servizio civile europeo”.

Commenti
Resistenza umana e civile al decreto Salvini. La rivolta dei sindaci, da Palermo a Parma, da Pescara a Napoli - Movimento Europeo Italia

L’associazione nazionale dei sindaci lo aveva già annunciato a novembre: il cosiddetto “decreto sicurezza”, voluto dal Ministro dell’interno @Salvini, avrebbe creato insostenibili problemi giuridici e sociali alle amministrazioni comunali provocando l’effetto contrario a quello per cui ne è stata invocata l’urgenza: l’abolizione della protezione umanitaria, il prolungamento del periodo di detenzione dei richiedenti asilo, la chiusura degli SPRAR, il rifiuto dell’iscrizione anagrafica dei residenti legali non incidono sui diritti degli italiani, aumentano il numero degli immigrati irregolari e illegali e accrescono gli spazi di intervento della piccola e grande criminalità con maggiore e non minore insicurezza.

La prima questione che coinvolge direttamente i sindaci riguarda le procedure per la concessione della residenza anagrafica agli stranieri provenienti da paesi al di fuori dell’UE o con i quali l’Italia o l’UE hanno sottoscritto accordi di associazione. Con correttezza costituzionale, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando richiama gli articoli 2, 14, 16 e 32 della nostra Carta e le sentenze della Corte Costituzionale del 1997, 2001, 2005, 2006 e 2008 che affermano concordemente che “lo straniero è anche titolare di tutti i diritti fondamentali che la Costituzione riconosce spettanti alla persona… In particolare, per quanto qui interessa, ciò comporta il rispetto, da parte del legislatore, del canone della ragionevolezza, espressione del principio di eguaglianza che, in linea generale, informa il godimento di tutte le posizioni soggettive”.
Per quanto riguarda le procedure di concessione della residenza anagrafica da parte dei servizi comunali ai cittadini, la richiesta dei sindaci di sospendere l’applicazione della Legge 132/2018 (il cosiddetta “decreto sicurezza”) richiede da parte dell’autorità giudiziaria – nel caso di eventuali denunce o ricorsi preannunciati dal Ministro dell’interno – l’obbligo di sollevare in via incidentale davanti alla Consulta il dubbio di costituzionalità della Legge e la sua conformità con le norme europee e internazionali. In questo caso non ci troveremmo di fronte ad uno o più casi di disobbedienza civile ma ad un conflitto istituzionale fra lo Stato ed i Comuni che può essere risolto solo dalla valutazione delle Corte Costituzionale. Per quanto poi riguarda le norme europee, l’autorità giudiziaria nazionale può investire la Corte di Giustizia dell’Unione europea sulla base dell’art. 267 del Trattato di Lisbona.

Nel caso in cui i sindaci ritengano che la Legge viola diritti umani essenziali sanciti dalla nostra Carta o norme europee e/o internazionali per quanto riguarda la protezione umanitaria ci troveremmo di fronte a casi di Civil Disobedience che consente a qualunque autorità di ribellarsi ad una legge ritenuta ingiusta e non conforme alla Carta dei Diritti fondamentali e alle Convenzioni di Ginevra e di Amburgo.
Vale la pena di ricordare (come sta facendo il Movimento europeo pubblicando la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea www.movimentoeuropeo.it) che gli articoli 1 (dignità umana), 3 (integrità della persona), 4 (proibizione di trattamenti degradanti), 6 (libertà e sicurezza), 7 (rispetto della vita privata e familiare), 10 (libertà di pensiero e religione), 11 (libertà di espressione), 12 (libertà di riunione e associazione), 14 (diritto all’istruzione), 15 (diritto di lavorare), 18 (diritto di asilo), 19 (protezione in caso di allontanamento e di espulsione), 20 (uguaglianza), 21 (non discriminazione), 24 (diritti del minore). 25 (diritti degli anziani), 26 (diritto delle persone con disabilità), 29 (diritto di accesso ai servizi di collocamento), 30 (tutela in caso di licenziamento ingiustificato), 31 (diritto a condizioni di lavoro giuste e eque), 32 (divieto del lavoro minorile), 34 (sicurezza sociale), 35 (protezione della salute), 45 (libertà di circolazione e di soggiorno per i cittadini dei paesi terzi che risiedono legalmente nel territorio di uno Stato membro), 47 (diritto a un ricorso effettivo e a un giudice imparziale) riguardano tutte le persone che stanno all’interno dell’Unione senza distinzione fra cittadini europei e cittadini di paesi terzi.
 
L’Editto Salvini può essere abrogato con un referendum - Pier Virgilio Dastoli
Leggi qui
Migranti: Magistratura democratica, torniamo ai nostri valori - Mariarosaria Guglielmi
Leggi qui
ASGI: Illegittimo negare l’attracco in un porto sicuro
Leggi qui
La lettera del sindaco di Palermo Leoluca Orlando
Leggi qui
La lettera del sindaco di Napoli Luigi de Magistris
Le parole di Mimmo Lucano

"Abbiate il coraggio di restare soli"

È inutile dirvi che avrei voluto essere presente in mezzo a voi non solo per i saluti formali ma per qualcosa di più, per parlare senza necessità e obblighi di dover scrivere, per avvertire quella sensazione di spontaneità, per sentire l’emozione che le parole producono dall’anima, infine per ringraziarvi uno a uno, a tutti, per un abbraccio collettivo forte, con tutto l’affetto di cui gli esseri umani sono capaci.
A voi tutti che siete un popolo in viaggio verso un sogno di umanità, verso un immaginario luogo di giustizia, mettendo da parte ognuno i propri impegni quotidiani e sfidare anche l’inclemenza del tempo. Vi dico grazie.
Il cielo attraversato da tante nuvole scure, gli stessi colori, la stessa onda nera che attraversa i cieli d’Europa, che non fanno più intravedere gli orizzonti indescrivibili di vette e di abissi, di terre, di dolori e di croci, di crudeltà di nuove barbarie fasciste.
Qui, in quell’orizzonte, i popoli ci sono. E con le loro sofferenze, lotte e conquiste. Tra le piccole grandi cose del quotidiano, i fatti si intersecano con gli avvenimenti politici, i cruciali problemi di sempre alle rinnovate minacce di espulsione, agli attentati, alla morte e alla repressione.
Oggi, in questo luogo di frontiera, in questo piccolo paese del Sud italiano, terra di sofferenza, speranza e resistenza, vivremo un giorno che sarà destinato a passare alla storia.
La storia siamo noi. Con le nostre scelte, le nostre convinzioni, i nostri errori, i nostri ideali, le nostre speranze di giustizia che nessuno potrà mai sopprimere.
Verrà un giorno in cui ci sarà più rispetto dei diritti umani, più pace che guerre, più uguaglianza, più libertà che barbarie. Dove non ci saranno più persone che viaggiano in business class ed altre ammassate come merci umane provenienti da porti coloniali con le mani aggrappate alle onde nei mari dell’odio.
Sulla mia situazione personale e sulle mie vicende giudiziarie non ho tanto da aggiungere rispetto a ciò che è stato ampiamente raccontato. Non ho rancori né rivendicazioni contro nessuno.
Vorrei però a dire a tutto il mondo che non ho niente di cui vergognarmi, niente da nascondere. Rifarei sempre le stesse cose, che hanno dato un senso alla mia vita. Non dimenticherò questo travolgente fiume di solidarietà.
Vi porterò per tanto tempo nel cuore. Non dobbiamo tirarci indietro, se siamo uniti e restiamo umani, potremo accarezzare il sogno dell’utopia sociale.
Vi auguro di avere il coraggio di restare soli e l’ardimento di restare insieme, sotto gli stessi ideali.
Di poter essere disubbidienti ogni qual volta si ricevono ordini che umiliano la nostra coscienza.
Di meritare che ci chiamino ribelli, come quelli che si rifiutano di dimenticare nei tempi delle amnesie obbligatorie.
Di essere così ostinati da continuare a credere, anche contro ogni evidenza, che vale la pena di essere uomini e donne.
Di continuare a camminare nonostante le cadute, i tradimenti e le sconfitte, perché la storia continua, anche dopo di noi, e quando lei dice addio, sta dicendo un arrivederci.
Ci dobbiamo augurare di mantenere viva la certezza che è possibile essere contemporanei di tutti coloro che vivono animati dalla volontà di giustizia e di bellezza, ovunque siamo e ovunque viviamo, perché le cartine dell’anima e del tempo non hanno frontiere.

La Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione europea
Leggi qui
Dal nostro sito
ORGANIGRAMMA DEL MOVIMENTO EUROPEO - ITALIA
TRIENNIO 2019-2021
(RISULTATI DELL’ASSEMBLEA CON ELEZIONE ORGANI DEL 16/11/2018)
Leggi qui
Dichiarazione PER UN’EUROPA UNITA, DEMOCRATICA E SOLIDALE (Approvata dall'Assemblea del 16/11/2018)
Leggi qui
SCHEMA ATTIVITA’ PROGRAMMATE 2019 MOVIMENTO EUROPEO - ITALIA
(Approvato dall’Assemblea del 16/11/2018)
Leggi qui
DOCUMENTO POLITICO-PROGRAMMATICO DEL MOVIMENTO EUROPEO IN ITALIA TRIENNIO 2019-2021 "Per un’Europa unita, democratica e solidale"(Approvato dall’Assemblea del 16/11/2018)
Leggi qui
A tutti i nostri lettori, buon 2019!
 
Copyright © 2018, Movimento europeo Italia, All rights reserved.

Movimento europeo Italia

Via Angelo Brunetti 60, 00186 Roma
Telefono: +39 06.36001705

Il nostro indirizzo email è:
newsletter@movimentoeuropeo.it
 

 

 
 
 
 

Monday, 7 January 2019

Ouvrir dans le navigateur

image

DERNIÈRES INFOS

[Commerce international] Une vague de protectionnisme et d’obstacles au libre échange a déferlé sur l’économie mondiale en 2018 et menace la croissance économique en 2019. Même si d’autres conflits sont attendus, il y a toutefois des raisons d’espérer.

[Monde] La mise en ligne de données privées d'un millier de responsables politiques allemands, dont la chancelière Angela Merkel n'a pas concerné l'Afd. La Russie est montrée du doigt.

[Politique] Les vacances parlementaires terminées, Theresa May tentera à nouveau cette semaine de convaincre les députés britanniques de ne pas enterrer l'accord de sortie de l'UE conclu avec Bruxelles, sous peine de plonger le pays dans le chaos.

Ad

Publier votre publicité ici

Vous voulez que vos messages soient lus par les faiseurs d’opinions européens ? EURACTIV offre des solutions publicitaires flexibles adaptées à la bulle européenne bruxelloise ou à un public professionnel paneuropéen. 

Pour plus d’informations, contactez-nous >> .

 

La fuite de données de personnalités en Allemagne épargne l’extrême-droite [Monde]

Le pape appelle l’Europe à la solidarité envers les migrants au large de Malte [Migrations]

La fusion Alstom Siemens serait « proche du déraillement »[Économie]

Le scénario d’un Brexit sans accord menace toujours [Politique]

Les engrais de synthèse sous surveillance [Planète]

Jordan Bardella, 23 ans, tête de liste du Rassemblement national aux européennes [Élections européennes 2019]

L’éthique à l’assaut de la technologie en 2019 [Numérique]

Les organisations locales en guerre contre le chômage chez les jeunes [Régions]

« Le budget de la PAC doit être maintenu pour garantir une agriculture durable » [Planète]

Le Portugal jugé pour ses « visas dorés » [Migrations]

 

Google part aux Bermudes pour payer moins d’impôts [Fiscalité]

Au G7, la France prêchera le multilatéralisme face aux inégalités[Monde]

Les nuages s’amoncèlent autour du commerce international en 2019[Commerce international]

Le Bitcoin a 10 ans : après la correction, le rebond ? [Économie]

Brexit : les travaillistes largement favorables à un nouveau référendum

Suivez l’actualité du moment sur euractiv.fr, ou abonner-vous sur Twitter à @EURACTIV_FR

 

// BlogActiv// Jobs// Press releases// Agenda

 

 

 
 
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Ue, tra Unione e flessibilità; migranti, 2018 conferma riduzione sbarchi in Italia; verso Usa 2020
5 gennaio 2019

Una nuova Europa, più flessibile e unita. Alle prossime elezioni europee - che già si prospettano più combattute del solito - a ottenere maggiori consensi saranno le forze che più si avvicineranno al concetto di rinnovamento. E la gestione del fenomeno migratorio è un argomento che divide le parti. Così come è successo tra la maggioranza Cinque Stelle/Lega, dopo la vicenda dello sbarco dei 49 migranti a bordo della Sea Watch 3 e della Sea Eye.

Secondo i dati forniti dal Viminale, gli arrivi in Italia erano già diminuiti nel 2017. Un trend poi confermato l’anno successivo: per il 2018 si parla dell’80% di sbarchi in meno nel nostro Paese. Intanto negli Stati Uniti - dove Nancy Pelosi è stata appena rieletta speaker della Camera 11 anni dopo la prima volta - comincia la corsa fra i democratici alla ricerca del perfetto sfidante per Donald Trump nelle presidenziali del 2020.

ARTICOLI
IL PROGETTO PLURIENNALE EU - IDEA
Ue: una nuova idea d'Europa, la sfida delle flessibilità
 

di Nicoletta Pirozzi

Passano gli anni e la realizzazione del sogno federalista immaginato dai padri fondatori della Comunità europea sembra allontanarsi sempre più. Gli Stati Uniti d’Europa restano un obiettivo di lungo termine per un numero sempre più ristretto di politici visionari, di...

CONTROLLO DEI CONFINI, MEDITERRANEO E UE
Migranti: come l’Italia ha ridotto gli sbarchi dell’80%
 

di Alessandro Marrone

Nel 2018, il tema dell’immigrazione ha continuato ad impegnare l’agenda politica italiana ed europea, e per l’Italia è stato l’anno della svolta. Infatti, dopo aver accolto oltre 608.000 tra migranti e richiedenti asilo nei quattro anni precedenti, il nostro Paese...

VERSO LA CORSA ALLA NOMINATION
Usa 2020: democratici, anti-Trump cercasi, troppi trovansi
 

di Stefano Graziosi

Il Partito Democratico americano scalda i motori in vista delle primarie del 2020. Per i democratici, la situazione non si prospetta delle migliori. Nonostante abbia riconquistato nelle elezioni di midterm la Camera dei Rappresentanti, l’Asinello continua a essere dilaniato dalle...

I LAPPONI, FORSE UNICI EUROPEI AUTOCTONI
Finlandia: Sámi, riconciliazione e verità, difficile percorso
 

di Gianfranco Nitti

È stato recentemente pubblicato dal governo finlandese un rapporto denominato Processo di verità e riconciliazione riguardante le questioni Sámi. Redattrice del rapporto è l’attrice e giornalista Anni-Kristiina Juuso, nota esponente Sámi della provincia di Inari, qui nella veste di consigliere speciale...

PAESE CHE VAI, ANNO CHE TROVI
2019: scienze, irriducibilità del mondo e valore dell'immaginare
 

di Diego Bolchini

All’inizio dell’anno 2019 del Calendario gregoriano (che diventa 1440 per quello islamico, 5779 per quello ebraico e addirittura 6768 per quello assiro) viene da pensare – guardando ai fatti di Strasburgo, alla Siria, al Congo, o anche al Venezuela, al...

© 2019 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it

 

 
 
   
 
Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
2019 nel segno dell'Europa, Ue equa tra Italia e Francia, Yemen senza pace
2 gennaio 2019

Un 2019 tutto europeo: l’anno appena cominciato, in assenza di importanti appuntamenti con le urne a livello nazionale, sarà un test chiave per la tenuta dell’Unione europea. Il 29 marzo sarà effettiva la Brexit, salvo colpi di scena; e a maggio ci sarà il rinnovo del Parlamento, seguito da quello della Commissione. Con l'onda sovranista in agguato, il prossimo esecutivo dovrà misurarsi con pulsioni e schemi intergovernativi. Un antidoto alle tentazioni di 'ritorno al passato' sarebbe la costruzione di una memoria condivisa europea.

Tra gli eventi dello scorso dicembre, che, inevitabilmente, si riverberano sul nuovo anno, la situazione in Catalogna, con l'avvio del processo agli indipendentisti. E poi il conflitto nello Yemen, dove la consegna del porto di Hodeida ai governativi da parte dei ribelli potrebbe essere un primo passo verso una soluzione politica della crisi apertasi nel 2015.

  Ai nostri lettori, i migliori auguri di inizio anno, ricordando che il prossimo appuntamento con la newsletter sarà il prossimo 5 gennaio. E intanto, non perdete gli aggiornamenti quotidiani di AffarInternazionali su Facebooke Twitter, anche durante la pausa.  
ARTICOLI
PUNTI DI VISTA E PUNTO DI DIRITTO
Ue: Italia/Francia, no due pesi e due misure su procedura
 

di Gian Luigi Tosato

L’accusa alla Commissione europea di severità con l’Italia, indulgenza con la Francia – due pesi, due misure –  è meno attuale dopo che si è fermata la procedura per deficit eccessivo nei confronti del nostro Paese. Adesso può dirsi che...

UN ANNO NEL SEGNO DELL'EUROPA
Accadde Domani: 2019, missione “salvate il soldato Ue”
 

di Giampiero Gramaglia

Un anno, il 2019, anzi neppure mezzo, per riprendere per la collottola un’Europa “che va a sbattere” e impedirle di cadere nel baratro della paura in cui rischiano di sprofondarla populismi e sovranismi: invece di rinnegare solidarietà e integrazione, per...

CON LO STIMOLO DEI MIGRANTI
Una memoria europea per costruire una coscienza europea
 

di Emmanuela Banfo

Si partisse dalla memoria per costruire una coscienza europea? Le Nazioni Unite, ad oggi, hanno istituito 78 giornate dedicate ai temi più disparati, dalla tutela dell’ambiente alla lotta contro la violenza alle donne. Di queste, cinque sono memoriali, a partire...

ULTIMI EVENTI 2018 E RIFLESSI SUL 2019
Spagna: Catalogna, il termometro dell'indipendentismo
 

di Elena Marisol Brandolini

Succede a volte in politica che gli avvenimenti che si susseguono a distanza di poche ore l’uno dall’altro contengano il significato di tutta una fase, prefigurando il tempo successivo. E’ quanto è accaduto in Spagna e in Catalogna nella settimana...

CONFLITTO E RELIGIONE
Yemen: tra guerra e tregua, lo scontro sciiti-sunniti
 

di Riccarda Lopetuso

Quando, nel 2012, in Yemen divamparono le proteste sulla spinta delle Primavere arabe e il presidente Saleh fu costretto a lasciare dopo trent’anni il potere, tutti pensarono di trovarsi di fronte ad una guerra civile tra i ribelli huthi di...

IN EVIDENZA
 
SEGNALAZIONE
From the Emerald Ireland to the Black Forest, di Enzo Farinella
 

From the Emerald Ireland to the Black Forest – Von der Grunen Insel zum Schwarzwald, di Enzo Farinella, GrafiSer, 2018, pag. 272, euro 20.

© 2019 AffarInternazionali - www.affarinternazionali.it